Subscribe via RSS Feed

Il disastro del Pd Esquilino. Il Rione è umiliato con il loro assenso

Fate attenzione: non pensiate che la vergogna del PD sia una vergogna che si ferma a livello Comunale dopo l’episodio del Golpe renziano contro il sindaco Marino realizzato con la complicità dei consiglieri eletti del PD in Assemblea Capitolina. Lo scempio di questo partito e delle squallide condizioni in cui è ridotto si appalesa anche a livello municipale (il Primo Municipio è amministrato in maniera cervellotica) e, fatalmente, a livello di quartiere.

Che risultati, infatti, ha ottenuto il Partito Democratico dell’Esquilino? Quanto si è fatto rispettare? Cosa ha ottenuto per il territorio avendo una cospicua rappresentanza tra assessori e consiglieri municipali in Primo Municipio? La risposta è zero. Anzi, sotto zero.

Il nostro territorio in questi ani è stato ulteriormente marginalizzato, periferizzato, umiliato. Il commercio ambulante – che così tanti amici ha nella Giunta e nel Consiglio del Primo Municipio – ha massacrato il Rione: i camion bar del centro sono arrivati di fronte al Colosseo; le bancarelle di Piazza Vittorio, tolte da Veltroni e rimesse da Alemanno, sono rimaste; a Via Gioberti e in Piazza dei Cinquecento sono nati nuovi mercatini che sarebbero uno scandalo nazionale anche in India, in Marocco o in Pakistan.

E le infrastrutture? E i lavori? E i restauri? Da ridere quello che è successo. C’erano i soldi per Piazza Vittorio e sono stati definanziati dal Comune, con il silenzio-assenso de PD Esquilino. C’erano i soldi per Via Conte Verde per la quale c’è stata una lunga ed estenuante consultazione pubblica (finita con un nulla di fatto, perché la gente sostanzialmente non vuole cambiare e per cambiare ci vogliono non certo percorsi partecipati, ma scelte autorevoli, coraggiose e a volte autoritarie) e anche lì è tutto bloccato.

E il Giubileo? Una beffa ridicola: il nostro Rione è stato l’unico del centro storico, pur essendo pieno zeppo di chiese e basiliche, ad essere tagliato fuori dai percorsi giubilari. Il colmo dei colmi davvero. Se l’Esquilino avesse avuto una classe dirigente seria, attenta, lungimirante tutto questo sarebbe successo? Sarebbe successo con i dirigenti del Pd Esquilino (visto che questo è il partito al potere in città) di qualche anno fa? Ci rendiamo conto che rischiamo di avere avuto di più durante gli anni di Alemanno? Il colmo un’altra volta!

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (11)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    Immagino il riferimento a Via Conte Verde sia un refuso (spero non scarsa conoscenza dei fatti), il finanziamento ed il percorso partecipato erano per Via Carlo Alberto.

  2. basta essere un po' svegli says:

    sembra un articolo molto ispirato dai “dirigenti del pd esquilino di qualche anno fa”, ma è solo un impressione ;)

  3. Vale says:

    bah che Esquilino sia degradato da decenni è un dato di fatto ma al municipio sono stati regolarmente eletti dai cittadini ai quali sta evidentemente bene così. Comunque Rfs è diventato organo di stampa dei bersanianvendoliani che peccato.

  4. Anonymous says:

    Mi permetto intervenire in relazione a quanto detto dal blog. Premetto che la precedente Giunta oltre che essere stata sconfessata dagli stessi elettori romani tanto che ora alcuni esponenti compreso l’ex sindaco insieme ad altri esponenti del PD romano sono invischiati nelle note vicende giudiziarie, per quanto riguarda Esquilino invece ha dato molte più risposte concrete rispetto all’attuale amministrazione di sinistra. Ritengo assolutamente vero in ogni riga quanto affermato. Ricordo che i lavori dei giardini di piazza vittorio furono finanziati dalla precedente giunta. Ricordo la realizzazione del parco di via statilia che tanti complimenti da tutti i cittadini ricevette. La bocciardatura della strada di via merulana lasciata colpevolmente per anni senza il sistema dell’antiscivolo. Con l’attuale amministrazione invece siamo tornati indietro anni luce. Io le responsabilità però le do anche a quei comitati che per anni con la precedente amministrazione hanno fatto di tutto per non far partire i lavori ed ora hanno ancora il coraggio di girare per il rione non sentendo su di loro il peso di questa responsabilità morale (non politica ci mancherebbe anche se erano tutti politicamente schierati e da questa amministrazione hanno ricevuto anche incarichi). Ora cosa possiamo fare? Niente dobbiamo continuare a mobilitarci tutti, tutte le persone di buona volontà che amano il rione per far si che le sorti dell’esquilino siano al centro del futuro dibattito cittadino. Tante occasioni mancate (vedi i percorsi giubilari) che hanno mostrato a mio avviso una mancanza basilare anche della storia del territorio facendo passare un tali percorsi su via urbana e via madonna de monti. Insomma Degrado ha centrato perfettamente il problema. Chi ha la responsabilità morale e politica di questo scempio si faccia un mea culpa profondo. Continuiamo a sperare e lottare per un esquilino riqualificato. Stefano Tozzi Capogruppo FdI I Municipio. PS spero che chi vorrà replicare lo faccia sui contenuti e si astenga dai soliti insulti tipo quelli de destra nun possono parlà la Meloni è coattta ecc ecc. parliamo dei fatti che oggi come oggi condannano definitivamente la sinistra ad una profonda riflessione e soprattutto condannano noi cittadini a vivere in questo degrado.

  5. Francesco says:

    Bravo Stefano, non solo, la prima cosa che mi viene in mente sotto la giunta Alemanno erano i continui pattugliamenti nel parco di Colle Oppio ed il presidio fisso delle forze dell’ordine con volante e camionetta vicino area giochi! Forse perchè nonostante non governassero il municipio i consiglieri di Centro destra sapevano farsi ascoltare dalla giunta del Sindaco Alemanno!

  6. Paolo says:

    A me sembra che i Comitati stanno denunciando queste stesse cose e protestando pubblicamente per il mancato avvio dei lavori di Piazza Vittorio, annunciato pubblicamente dall’assessore Pucci per l’estate scorsa. La collaborazione ed il dialogo ci devono essere e ci sono stati con tutte le amministrazioni, perchè i comitati propon gono, ma le cose le devono fare gli amministratori. Nel caso del Parco di via Statilia, per esempio, c’è stata sempre collaborazione e attenzione alle richieste dei cittadini. Va precisato che le osservazioni fatte al progetto elaborato dall’Arch. Cataldo erano motivate dalla necessità di assicurare la sostenibilità degli interventi e non servivano a bloccare i lavori. Sui comportamenti delle singole persone poi ognuno può fare le proprie valutazioni.

  7. GIOVANNI says:

    IL MARCIAPIEDI ANTISTANTE IL CIVICO84 DI vIA Merulana è ”OCCUPATO ”ABUSIVAMENTE dal bar”081cafè”

  8. Samuel says:

    Vero nice

  9. Rocco says:

    Abusivity!

  10. Mimmo says:

    Cose di tutti i giorni!

  11. Samuel says:

    Game over !

Inserisci un commento



(facoltativo)