Subscribe via RSS Feed

I servizi segreti in Piazza Dante. Purtroppo è tornato “l’abuso” sul tetto

Tanto tempo fa, all’inizio del cantiere in Piazza Dante, salutammo con piacere gli interventi e i lavori in corso nell’ex Palazzo delle Poste visto che era stata eliminata una oscena cubatura sul tetto del palazzo che ne sfregiava le fiere fattezze liberty. Il palazzo finalmente respirava e veniva valorizzato. Da qualche tempo l’amara sorpresa. Quelle cubature i servizi segreti hanno optato, legittimamente intendiamoci, per non “regalarle” alla città e all’architettura di Luigi Rollanda, ma hanno deciso di utilizzarle.

La demolizione è avvenuta semplicemente per prevedere poi una nuova edificazione e oggi la situazione è purtroppo quella che vedete nelle foto. Pare la pista del Lingotto…

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (7)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    veramente non è un abuso è stato autorizzato dalla soprintendenza sic! daltrone come dirgli di no…..

  2. Piazza Dante says:

    Per questi lavori non hanno avuto bisogno di nessuna autorizzazione.

  3. Anonymous says:

    i SERVIZI SEGRETI SONO GUIDATI DA UNO DEL PD, CHE E’ VENUTO DOPO UNO DEL…PD.
    CHE VI ASPETTATE? FOSSERO SOLO QUESTI GLI ABUSI CHE COMMETTONO.

  4. Anonymous says:

    ECCO COSA SUCCEDE NEI PAESI NORMALI, PER ESEMPIO, PAESI IN CUI NON SI E’ IN MANO A UNA SINISTRA MALAVITOSA, IN CASO DI OCCUPAZIONE ABUSIVA.

    “Occupazione abusiva di case. L’Italia presa come esempio da una famiglia a Las Palmas
    Data di pubblicazione: venerdì 24 aprile 2015In: News

    Una famiglia alle Canarie, dopo aver letto la stampa italiana, credeva di poterla fare franca in caso avessero occupato una casa privata abusivamente. Avevano letto che gli occupanti abusivi italiani venivano cacciati solo dopo anni e dopo un lungo e dispendioso processo, ma hanno sbagliato i conti perché l’Italia in fatto di serietà non è in grado di insegnare niente a nessuno.

    Testimone del fatto il Presidente della Federcontribuenti, Marco Paccagnella, in viaggio a Las Palmas per lavoro: ” mentre camminavo un trambusto, polizia civile e nazionale ispanica. Mi fermo e chiedo che sta succedendo. Il comandante della polizia locale mi spiega che una famiglia si era impossessata di un appartamento in una palazzina residenziale, proprietà di un agente di commercio a Londra per impegni di lavoro. Al suo rientro, trovando l’appartamento occupato e la porta d’ingresso rattoppata dopo essere stata sfondata ha allertato le autorità, prontamente intervenute. Per prima la polizia civile, (guardia civil come la nostra polizia municipale) e subito dopo la polizia nazionale (come la nostra polizia di Stato) con un corpo speciale antisommossa. Hanno intimato agli occupanti di uscire entro 10 minuti dall’abitazione e che il municipio gli avrebbe messo a disposizione temporaneamente un alloggio se abbandonavano senza resistenze! Danno alla famiglia un tempo preciso entro il quale rispondere, la famiglia decide di non uscire.

    Al decimo minuto esatto la polizia entra nella casa liberandola degli abusivi, i membri adulti finiscono dentro e processati per direttissima. Risponderanno dei danni causati dall’occupazione e, considerata la resistenza, decadono a loro favore le offerte del municipio. Per concludere, all’agente di commercio che si è visto occupare l’appartamento, verranno risarciti i danni subiti, rimborso reso possibile da un fondo specifico che copre il municipio da rischi come questo”.

    Ecco cosa esportiamo oramai, malcostume e null’altro! Per concludere, alle Canarie, ricordiamo che è previsto un consistente assegno mensile per la disoccupazione, circa 700 euro, eppure non basta per far desistere da un tale, sfrontato comportamento.”

  5. Frida says:

    A royal wedding!

  6. Jattina says:

    Speriamo almeno che si possano riutilizzare i giochini di piazza Dante oggi spazio usato da ubriaconi e non dai bimbi della zona. È’ indecente!

  7. Sante says:

    Politika!

Inserisci un commento



(facoltativo)