Subscribe via RSS Feed

Le condizioni di Colle Oppio. Dovunque al mondo sarebbe un gioiello, qui è una discarica pericolosa: 50 foto

Ringraziamo il nostro lettore Piero per averci inviato questa atroce gallery fotografica che ci permette di fare il punto – come ormai facciamo ad intervalli regolari – sulla situazione di Colle Oppio. Stiamo parlando di un’area verde straordinaria, in un contesto paesaggistico straordinario, in un ambito residenziale irripetibile a Roma, in uno scenario archeologico uno a livello planetario. Ed è tenuto come una discarica. Il resto delle considerazioni fatele voi…

Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (19)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Luca says:

    Sarebbe interessante se invece di promuovere le associazioni del cazzo, organizzassi una sana caccia ai negri che sporcano il Colle, ci si organizza in un gruppo di 15-20 cittadini con spranghe e molotov e si ripulisce il giardino

    Per coordinarci usiamo questo sito:

    http://colleoppio.blogspot.com

  2. chiara says:

    Luca, datte na spranga…ma i testicoli!

  3. Tramvinicyus says:

    Ammazza aho che commenti “dimo, famo, sprangamo”…però scusate: e va bene la “privacy” e va bene “il paese libero e democratico dove tutti possiamo esprimere le nostre idee” e va bene il “blablablablà blablablà”….però determinati commenti, penso debbano essere censurati! Mi meraviglio! E allora pubblichiamone uno dove c’è l’invito ad una gita a Buchenwald, dove possiamo sopprimere chi non ci va e poi vincere favolosi premi…!!!

  4. amor says:

    L esasperazione porta a utilizzare parole pesanti che non verranno mai messe in pratica. Certamente Colle Oppio invece di essere un gioiello è un parco da terzo mondo con piante incolte strade scoscese immigrati e barboni che bivaccano cani di grossa taglia che vengono lasciati liberi e senza museruola. Cosa fare per far tornare questo parco meraviglioso come lo era fino agli anni 80? Maniere dure o tolleranza? Sicuro il problema è sentito da chi subisce quotidianamente il degrado

  5. Anonymous says:

    luca dice solo quello che iniziamo a pensare in molti

  6. riccardo says:

    ma ancora con i negri??? purtroppo é vero che i social e internet hanno dato voce pure agli analfabeti e scatole craniche vuote: a colle oppio il degrado non é certo iniziato per colpa dei negri, i romani residenti, i bravacci muscolosi dell estrema destra facevano già le ronde a presidio del loro territorio rompendo i coglioni a chi non era vestito come loro, rendevano illuogo impraticabile la sera per evidenti motivi di sicurezza , era tutto ben non illuminato …loro poi sono spariti perché non era più a la moda fare il coglione di destra, qualcuno é andato a fare l impiegato, finalmente…il colle é rimasto terra di nessuno e…. oggi é colpa dei negri…ma andate in africa magari così i negri vi danno quello che vi spetta

  7. barney says:

    In effetti la colpa non è tanto dei “negri”, quanto di questa gente qui, talmente piena di ideologia da non vedere la realtà.
    O forse, in effetti, sono solo clienti degli spacciatori di colore.

  8. ANONIMO says:

    foto fatte malissimo, non sono i particolari del parco a fare schifo è l’insieme, si doveva fare una panoramica sarebbe stata di gran lunga più rappresentativa dello schifo indicibile presente
    i neri sono un problema al pari dei coatti che stazionano tutto il giorno coi loro cani lasciati liberi di cacare e pisciare ovunque

  9. Lucas says:

    Concordo con Luca. Ormai siamo in molti a pensarla così. BASTA!!!!!

  10. vanni says:

    non sono i cani che cagano e pisciano ovunque ma i loro padroni .Roma e’ la casa delle liberta’ .Ognuno fa quello che ca..o gli pare

  11. mauro says:

    domenica mattina la situazione dei rifiuti all’interno del parco era indicibile; è incomprensibile come si consenta all’AMA di non rispettare gli orari di raccolta dei rifiuti. Altrettanto inspiegabile perché non sia stata creata un’area riservata ai cani. Basterebbe questo, per cominciare.

  12. Davide says:

    Condivido con Tramvicius, alcuni commenti andrebbero censurati o meglio segnalati alla Polizia Postale e delle Telecomunicazioni per i dovuti accertamenti

    Colle Oppio ha molti problemi, ma non si risolvono certo con uno sfogo da quattro soldi commentando un blog, sarebbe interessante organizzare una pulizia del giardino, che ne pensate? Oppure una lettera di protesta come quella su Piazza Vittorio che ha ottenuto l’effetto che volevamo di chiusura del giardino nelle ore notturne

  13. ANONIMO says:

    pulizia del giardino…. rischi de pijà un morso dai rottwailer che circolano liberi e se provi a dì qualcosa rischi pure l’insulto…

  14. Samuel says:

    Colazione da Tiffany!

  15. Adriano says:

    pensate che io fino all’anno scorso che stavo alla Bonghi , c’andavo a correre nell’ora di ginnastica in mezzo a tutta questa merda , tutte le settimane

  16. Anonymous says:

    venite in periferia a vedere com’è la situazione…poveri che siete, sicuramente fate una vita bruttissima li al centro di Roma.

  17. Rocco says:

    All’ around the world,
    there is no place like home!

  18. Martin says:

    Paese che vai
    Usanza che trovi!

  19. Sante says:

    Politically correct!

Inserisci un commento



(facoltativo)