Subscribe via RSS Feed

Nasce un nuovo incubatore di start-up all’Esquilino. Matteo Fago il fondatore

Tra i mille problemi dell’Esquilino ogni tanto appare necessario parlare anche delle opportunità e delle risorse che, sotto sotto, emergono nelle trame di un rione incasinato e semi abbandonato. Sperando che i nuovi cantieri di Piazza Vittorio, Via Merulana e soprattutto Via Carlo Alberto possano portare un’aria interanzionale e civile al territorio, molti privati, ignoti alla schiacchiante maggioranza dei cittadini, investono sul nostro territorio impiantando factory creative, incubatori di start-up e accelleratori d’impresa. C’è ItaliaCamp a Piazza dell’Esquilino, alle spalle di Santa Maria Maggiore. C’è EnLabs dentro alla Stazione Termini, in uno spazio dal quale escono giovani aziende di super successo come ad esempio Qurami o Scooterino che nei prossimi mesi si propone di essere disruptive nei confronti della mobilità cittadina a cavallo tra Uber e Bla Bla Car, ma utilizzando i motorini autentico must del traffico in città. Tutto made in Esquilino.

Ora nella zona sud del Rione, a Via Ludovico di Savoia, laddove un tempo c’era una ampia sede del Cepu, ecco un nuovo acceleratore-incubatore da 1000 mq. A fondarlo Matteo Fago, già editore de L’Unità prima della chiusura ma soprattutto fondatore di una delle start-up italiane più pionieristiche e di successo: Venere.com. Nella zona di Villa Volkonsky iniziare un andirivieni di geek, ingegnerini, venture capitalists e startupper? Vedremo…

Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (2)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    SITUAZIONE INCREDIBILE (TRANNE CHE A ROMA) ED UMILIANTE OLTRE OGNI LIMITIE. ORMAI LA SITUAZIONE NON E’ PIU’ GOVERNABILE: OGGI ORE 16:00 TUTTO PERIMETRO DI PIAZZA NAVONA, TUTTA VIA DELLA CUCCAGNA (PIAZZA NAVONA), TUTTA PIAZZA SAN PANTALEO, TUTTA VIA DEI BAULLARI, META’ CAMPO DEI FIORI, E VIA DEI GIUBBONARI LATO PIAZZA CAIROLI (sono passato di la’, poi preso dai conati di vomito per il disgusto sono tornato a casa) ERANO UNA CONTINUA DOPPIA FILA DI BANCARELLE ABUSIVE E LENZUOLI PER ESPORRE MERCANZIA. ERA TALMENTE ASSURDA LA SITUAZIONE DA SEMBRARE DI STARE ALL’INTERNO DI UNA FIERA AUTORIZZATA IN UN GRANDE STADIO. A PIAZZA NAVONA QUATTRO VIGLI URBANI (DUE DONNE IN DIVISA PASSEGGIAVANO TRA GLI ABUSIVI ASSOLUTAMENTE INDIFFERENTI SENZA ALZARE UN DITO) E DUE UOMINI FERMI SUL LATO DI PALAZZO BRASCHI (uno in divisa, l’altro con pettorina gialla), A POCHI METRI DAL DELIRIO DI ABUSIVI. IN MEZZO A PIAZZA NAVONA CANTI E BALLI SU SVARIATI TAPPETI DISTESI A TERRA CON TANTO DI GENERATORE E AMPLIFICATORI PER IL “KERIGMA IN ONORE DI PAPA FRANCESCO”. DAVANTI JEEP DELL?ESERCITO CON DUE SOLDATI CHE SCHIVAVAVNO LE BOLLE DI SAPONE DELL’ABUSIVO “DIRIMPETTAIO.
    ROMA E’ MORTA.
    Mc Daemon

  2. filippo49 says:

    Roma sempre èiu’ abbandonata dalleistituzioni:il marciapiedi antistante il civico84 di Via Merulana è ”OCCUPATO ”ABUSIVAMTENTE’dai tavolini del bar”081cafè” che non ha alcun ”TITOLO ”CONCESSORIO”, ma tale situazionre è ”TOLLERATA”dai Vigili del primo gruppo, nonostante l’ORDINANZA”del Sindaco, ma pare, invece che c’è un giro di ”MAZZETTE”,TANTO PER CAMBIARE, COME AL SOLITO;si dice che un Funzionario del pimo gruppo è stato ”FORAGGIATO” con una ”MAZZETTA”di 3000 euro, proprio per tollerare tale ”OCCUPAZIONE ”ABUSIVAmPENSATE CHE i Vigili di Roma Capitale sono chiamati:”’MAFIETTA

Inserisci un commento



(facoltativo)