Subscribe via RSS Feed

Enoteca 1. Nuova apertura a Via Principe Eugenio

Diamo il benvenuto a questa nuova enoteca – non è la prima aperta da rappresentanti della comunità cinese nel Rione – che si affaccia su Via Principe Eugenio. Si chiama Enoteca 1 e vanta un discreto design, un bancone e una sala sul retro (ma ancora niente degustazioni, forse per questioni di permessi), una selezione di vini non particolarmente ricercata e particolare, ma qualitativamente elevata ed una serie di prodotti in affianco a partire dai mieli, gli oli, le marmellate, qualche pasta secca, qualche dolce e tutta la gamma della buona acetaia Giusti di Modena. Insomma, una proposta commerciale, in breve sintesi, decisamente sopra la media del nostro Rione. Ma lasciamo a voi la parola per pareri e giudizi su questa nuova apertura.

 

Via Principe Eugenio 97
068609111 

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (16)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. patrizia says:

    prima di sponsorizzare questa enoteca mi domando se vi site chiesti chi siano i gestori e quale esperienza abbiano di cultura vinicola italiana.
    e forse conosci veramente poco il nostro rione se sostieni che questa enoteca è sopra la media.
    cordialmente,
    Pat

  2. Letizia CICCONI says:

    Ottimo vino ottimi prodotti del siciliano fiasconaro insomma una bella novità natura lmente il municipio non ha ancora concesso la somministrazione
    .

  3. Degrado Esquilino says:

    Patrizia non stiamo sponsorizzando un ciufolo. Stiamo solo, come facciamo da 7 anni, raccontando le nuove aperture commerciali del Rione.

    Non abbiamo neppure detto che questa è un’enoteca sopra la media, abbiamo detto che il suo design è sopra la media rispetto agli altri negozi.

    Infine crediamo che l’esperienza vitivinicola dei proprietari sia scarsissima. E allora?

  4. ORONZO says:

    Ha ragione Patrizia.Per quanto il locale sia decente si tratta dell’ennesima “cinesizzazione”della zona.

  5. letizia cicconi says:

    ma se vende vino italiano prodotti italiani , la commessa parla un itali<no perfetto, allora perchè non ci hs pensato un italiano?

  6. susi says:

    La qualità del prodotto non la conosco e non la recensisco, sarà la clientela a premiarli o punirli, come per ogni esercizio commerciale.
    In ogni caso,nello slalom quotidiano tra bancarelle, ciarpame,minimarket bengalesi,odore di kebab anche alle 7 di mattina, tavolini dei cartomanti,piscio di barboni,negozi di giocattoli tossici, ecc. l’apertura di un’attività con un design sopra la media, fa piacere e ristora gli occhi.

  7. Lucia says:

    Brava susi! In sei righe hai condensato il nostro degrado quotidiano e la miopia di tanti di noi che continuano a vedere quale unico problema l’invasione cinese. Sospetto che sia perché sapendo molto bene l’impossibilità di arginare, (per vari motivi molto complessi quali la globalizzazione della produzione delle merci e molto banali quali la corruzione nel nostro amato paese) il commercio asiatico, ritengono più facile individuare un nemico imbattibile.

  8. Roberto says:

    gli asiatici presenti in piazza vittorio, che ci piaccia o no, non se ne andranno, anzi, negli prossimi anni ne vedremo sempre di più in tutta roma (provate a vedere a Prati negli ultimi anni) e in tutta italia. questa è una tendenza inconvertibile. quindi tanto meglio se, oltre ai punti kebab e ai negozi di cianfrusaglie, iniziano ad aprire delle attività di più alto livello.

  9. Giorgio says:

    Veramente i cinesi da Piazza Vittorio e dintorni cominciano a vendere e ad andarsene. Questa è un’intelligente diversificazione di business di quelli che rimangono.

  10. Fab says:

    Vero Giorgio, l’ho notato anche io.
    Bisogna solo sperare che quelli che vanno via vengano sostituti da italiani.
    Sul fatto che tra qualche anno tutto il mondo sarà invaso da cinesi è un semplice calcolo matematico…sono un miliardo e mezzo…a crescere.

  11. griffin says:

    A Patrizia vorrei chiedere quali sarebbero le enoteche del nostro rione su cui lei calcola la media. Perché se parliamo di quella di via Bixio o di quella di Via Emanuele Filiberto allora questa alza la media di sicuro!

    E, a proposito: NON ME NE FREGA NIENTE DELLA NAZIONALITA’ DEI PROPRIETARI.

  12. Poirot says:

    Da Taccone
    Col Furgone
    Senza il Principalone
    Perché è solo una sulazione!

  13. Miriam says:

    Il buongiorno si vede dal mattino!

  14. Daisy says:

    Il pranzo di Babett!

  15. Luigi says:

    La migliore è quella che Si trova sotto i portici di piazza Vittorio

  16. Edoardo says:

    Tra un savoiardo e un garibaldino
    Non c’è speranza: meglio un grappino!

Inserisci un commento



(facoltativo)