Subscribe via RSS Feed

Le condizioni incresciose dell’area verde attorno a Porta Maggiore

E’ una delle emergenze archeologiche più significative della città, ciononostante – come peraltro tutte le altre emergenze archeologiche della città, è lasciata nel più totale abbandono. E pensare che qui si potrebbe generare un indotto turistico, pensare che questo fantastico e affascinante monumento potrebbe essere di richiamo, potrebbe attirare tutto intorno, chessò, anche delle iniziative imprenditoriali. Pensiamo ad un bel bar elegante e defilato nell’area verde, a cui affidare il compito di tener pulito e ordinato. Il permesso per una cosa del genere non lo rilasceranno mai (il permesso per il famoso zozzone, che di notte somministra panini avvelenati invece sì), meglio evidentemente lasciare Porta Maggiore in questa situazione di lurido squallidume. Arbusti enormi che si divorano i ruderi, erbacce altre metri, sporcizia e monnezza dappertutto. Questa è la situazione costante della grande area verde (sarà mezzo ettaro in tutto) che circonda la più bella porta delle Mura Aureliane.

La situazione è sempre la stessa. Solo una volta al mese o una volta ogni due mesi qualche squadra passa, sfalcia l’erba, taglia gli arbusti, fa pulito. Una attività che, in una situazione come questa (Porta Maggiore è un grande terminal trasportistico, con decine di migliaia di passaggi ogni giorno), si dovrebbe effettuare due volte al giorno, si effettua invece una decina di volte all’anno. Con i risultati che vediamo in queste foto e che possiamo ‘apprezzare’ dal vivo. Percorso che consigliamo poiché le foto non trasmettono l’aspetto olfattivo dell’esperienza…

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (3)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Antonio Privitera says:

    Pare che un gruppo di disoccupati romani abbia ripulito l’area… qualcuno sa di più?

  2. sandro says:

    Si, sono apparsi dei cartelli, credo dove queste persone rivendicassero il loro intervento, che dire, una cittâ dove si arriva, si sfrutta, si sporca e poi si torna a casa, un paesino tutto pulito magari. È in atto un vero e proprio saccheggio.

  3. Costanza says:

    V.S.S.J.E.!

Inserisci un commento



(facoltativo)