Subscribe via RSS Feed

L’agonia del Parco di Via Statilia

Forse non tutti sanno che il Parco di Via Statilia sta morendo. In realtà, il Parco di Via Statilia, paradossalmente, non è mai nato. Negli ultimi mesi di amministrazione Alemanno è stato completato (quasi del tutto) e frettolosamente inaugurato. Da quel momento è abbandonato. Ne il Comune ne il Municipio se ne sono più occupati. Nessuno lo ha preso in carico. Non esiste manutenzione, sfalcio dell’erba, pulizia, contenitori per le immondizie, apertura e chiusura dei cancelli. Niente. Da un anno e mezzo tutte queste attività vengono svolte da valorosi ed eroici volontari, residenti nell’area circostante. Ovvio che questi volontari non ce la facciano più. Aprono e chiudono il parco da mesi e, oltre al disinteresse delle istituzioni, devono sorbirsi anche le invettive di alcuni cittadini (vogliamo chiamarli così?) che considerano “abusiva” la loro attività. Cittadini magari che vorrebbero il parco sempre aperto (a prezzo di vederlo invaso di senzatetto e sbandati per tutta la notte) per non dover fare un giro un po’ più lungo, la sera, per raggiungere casa.

C’è in animo – e noi siamo d’accordo – l’idea di chiudere con catene e lucchetti il parco per tutto agosto, mese durante il quale i turni dei volontari diventano complicati da gestire. Una azione di protesta sacrosanta contro Municipio e Comune che se ne infischiano di prendersi in carico questa piccola e delicatissima area verde. Una azione di protesta contro le istituzioni, ma anche contro i tanti incivili che stanno trasformando il Parco in una grande area cani in cui i proprietari degli amici a quattro zampe la fanno da padroni. Ormai il parco è loro e delle persone che, purtroppo, ci dormono la notte nonostante la chiusura dei cancelli. Un grande cacatoio per cani di giorno, un dormitorio abusivo di notte. Se nessuno interviene le cose peggioreranno.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (9)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. pinky says:

    e’ un cacatoio umano e non dei cani , e’ il parco che e’ un cacatoio ed era prevedibile , ma per la poltrona si fanno i cacatoi elettorali . E non mi dite che non sapevate la fine che avrebbe fatto quel cesso di parchetto visto lo schifo che c’e’ li’ intorno ! e caro c’e’ costato il cacatoio !

  2. Tramvinicyus says:

    Se la povertà aumenta, se il numero di morti di fame continuerà ad aumentare, chiudere questo o quello spazio e perfettamente inutile (vedi la chiusura di Porta Asinara eil relativo trasferimento del troiaio in Viale Carlo felice). A questo punto, via, demolizione del recinto e si riapre com’era prima. Se il Paese non esiste più, se non c’è più un controllo perché lottare contro i mulini a vento? Quando vedremo i cadaveri in mezzo alla strada (non manca molto) rimpiangeremo il periodo in cui i corpi per strada c’erano, ma la mattina si alzavano….

  3. Lucas says:

    Tramvinicyus basta con le sviolinate lacrimevoli…..ci vorrebbe solo un corpo di polizia municipale efficiente ed una amministrazione con le palle che facesse della legalità un suo baluardo. Purtroppo non c’è né l’uno né l’altro….

  4. vav says:

    l’agonia del ” parco !” di via statilia rispecchia l’agonia di stò blog e di stà città ….. ma quando andremo in piazza per il decoro , la legalità ,l’onestà e la dignità ???? Mai , perchè tutti ci mangiamo cò stà situazione !!!!

  5. giampaolo says:

    nel momento in cui i politici si preoccupano di minacciare chi fa informazione circa la loro incapacità di governare ‘sta città, circa le loro tante decisioni assurde e senza senso che stanno mandando sempre più a fondo ‘sta città…ecco in un momento così possiamo meravigliarci della triste situazione del parco di via statilia?o del fatto che in viale manzoni ogni qualvolta ci son due giorni di temporali si rischia che venga giù qualche albero?o di strade sempre più colabrodo e senza manutenzione?o della sempre più pesante mancanza di pulizia delle strade (AMA ci sei….)?
    le responsabilità del municipio….ma il municipio qualcuno sa se esiste ancora?!?!si hanno notizie della alfonsi?
    sul comune e su marino inutile scrivere. visto in tv qualche giorno fa, sinceramente imbarazzante. peggio forse del peggior alemanno (e ho detto tutto). preoccupato (ancora!ma dove vive!)solo della pedonalizzazione dell’intera città.
    del resto c’è un’opposizione inesistente: qualcuno del centrodestra che denunci l’abbandono del municipio e della città?
    ecco in questo quadro…triste e avvilente…ci sta anche che si decida di mandare in rovina un parchetto come quello di via statilia.

  6. bubi says:

    c’e’ qualcuno che ciba i gabbiani e i piccioni , li’ appena fuori dal ” parco ” , c’e’ gente che fa i bisogni ovunque , bivacchi e sporcizia ovunque , la soluzione e’ occupare il ” parco ” e occupare ogni spazio di questa latrina di citta’ e renderla vivibile

  7. Massimo Livadiotti says:

    Era stata fatta una gara x un bando…..proposta del municipio alla quale aveva partecipato una cooperativa per avere la manutenzione dell’area. Peccato che nel frattempo sono stati chiamati i Pics a tagliare l’erba che hanno anche distrutt l’impianto d’irrigazione e poi la beffa finale quando il giardino è stato infine affidato al servizio giardini…..che (come ben sappiamo) non ha risorse e personale. Il pasticcio sta lì….per cui le gare x il bando sono state per il momento bloccate…..e la situazione è questa!!! Un pasticcio….

  8. bubi says:

    ancora parliamo di municipi ! Luoghi per spartirsi i proventi della politica e basta . Parliamo di un parco ?! e tutto intorno e’ degrado, e’ latrina a cielo aperto , alle fontanelle oltre allo spreco d’acqua si assiste a buchi di drogati e bide’ e docce di gente che non ha niente da perdere. Degrado voluto qui all’esquilino , perche’ il degrado fa arricchire qualcuno . In ogni caso per noi residenti di via statilia e dintorni la situazione e’ invivibile …..

  9. pippo says:

    come si fa a pensare che possa esserci un luogo esente dal degrado ! Ma avete visto oggi che c’era a carlo felice ? Quello schifo arriva ovunque nessun luogo e’ esente e siamo tutti colpevoli , perche’ si parla bla bla bla e non si agisce

Inserisci un commento



(facoltativo)