Subscribe via RSS Feed

Non si farà il cinema all’aperto a Piazza Vittorio? Il comunicato del Pd

Curcio, Di Serio, Zuccaro – Lettera aperta su Notti di cinema a Piazza Vittorio

Da anni ormai le Notti di cinema sono diventate uno degli eventi caratterizzanti dell’idendità del Rione Esquilino, entrando nell’immaginario collettivo di tanti romani. Le proiezioni nei giardini di Piazza Vittorio godono di un’atmosfera unica, suggestiva, che nel tempo ha fatto sì che molti cittadini, anche di zone lontane, le considerassano un’appuntamento fisso della loro estate.
Per molti di noi, abitanti del Rione, l’estate inizia quando arrivano le Notti di cinema. Gli uffici sono ancora aperti, la sera si fa tardi al lavoro ma poter dare un’appuntamento all’ingresso dei giardini dà quel senso di libertà estiva che ti aiuta ad arrivare col buon umore a fine giornata. Per tutti noi sono state, almeno una volta, un motivo per uscire, per non restare soli a casa in una calda notte di agosto, quando la città si è svuotata e tutti i conoscenti sono partiti… tutti tranne quello che incontri proprio lì, a piazza Vittorio.

Le Notti di cinema per gli abitanti dell’Esquilino e per tutti i romani non sono solo una forma di intrattenimento intelligente, ma hanno un valore affettivo, culturale, e sociale. Sono un appuntamento culturale che porta a Roma i grandi film del festival di Locarno. Sono uno degli eventi che contribuiscono a creare un senso di comunità e occasioni di socialità per i cittadini del Rione. Sono parte importante di un gravoso lavoro di contrasto al bivacco e all’incuria in un’area verde particolarmente soggetta a tali rischi.

Tale importante presidio di cultura, affetti, decoro e socialità non può essere smantellato proprio nel momento in cui l’Esquilino sta attraversando una fase particolarmente difficile. Sarebbe un fatto grave che acuirebbe ulteriormente il senso di progressivo abbandono del territorio che gli abitanti del Rione avvertono in maniera sempre più forte.

Chiediamo quindi che il Sindaco Ignazio Marino, il Dipartimento capitolino alle politiche culturali e l’ANEC-AGIS si incontrino per trovare al più presto una soluzione che permetta alle Notti di Piazza Vittorio di illuminarsi anche quest’anno.

Davide Curcio, Consigliere Municipio I Roma Centro
Stefania Di Serio, Consigliere Municipio I Roma Centro
Caterina Zuccaro, Segretaria Circolo PD Esquilino

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (16)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Magica says:

    Ma che schifo cadiamo sempre più in basso sempre più nel degrado ! Ma domani nell’incontro con Marino a piazza Pepe facciamoglielo presente hai visto mai che questo oltre le PISTE CICLABILI si interessasse pure per l’unica cosa buona che c’era d’estate nel quartiere

  2. ferter says:

    il giardino della piazza ormai è un punto di incontro per ubriaconi, sbandati e criminali di ogni etnia. altro che arena estiva, qua si è disintegrato il tessuto sociale e c’è da aver paura a uscire di casa.

  3. Lucia says:

    Cari Consiglieri, Gentile Segretaria, spero leggiate queste mie righe e vogliate rispondermi. Il senso di abbandono che gli abitanti dell’esquilino vivono è conseguenza del reale abbandono del rione da parte sia dell’amministrazione comunale e municipale, sia di quelle forze politiche (anche il PD spiace dirlo) che riemergono solo in particolari occasioni (votazioni, cinema) ma che sono ben lontane dall’occuparsi di banali ma essenziali problemi. Li dobbiamo ricordare? La piazza è una fogna a cielo aperto dove bivacca di tutto nella più totale indifferenza, ghetto (sicuramente voluto) di poveri disgraziati cui viene concesso questo spazio di sopravvivenza. L’arena estiva rende decente l’area soltanto a partire dal tardo pomeriggio, per il resto della giornata sempre una fogna è. Le bancarelle sono aumentate e si allargano con i loro squallidi espositori, a noi resta la curiosità se sia mai stata elevata e pagata qualche multa per l’occupazione “straordinaria ” di suolo pubblico. Gli ubriachi e i non ubriachi lasciano per terra le loro bottiglie, i resti del loro cibo; la spazzatura aumenta, i cartoni vengono abbandonati, i rom rovistano nei cassonetti e lasciano per terra tutto quello che non è per loro interessante. Nei portici dormono i sempre più numerosi rifugiati cui la nostra bontà e carità pelosa concede di accomodarsi per la notte e di orinare di mattina. E a fronte di tutto questo, l’unica,dicasi l’unica iniziativa che sapete prendere è la richiesta del cinema (che ripeto NON qualifica nulla)? Evito di ricordare, infine, che chi non ha i soldi per i condizionatori, deve stare con le finestre chiuse per il fracasso sonoro dei film poiché, nella totale ignoranza dei meccanismi della propagazione del suono, ancora non si è compreso che mentre gli spettatori non sentono, negli appartamenti ai piani alti c’è un frastuono infernale… Ed allora, carissimi, occupatevi anche di altri problemi con la stessa preoccupazione che mostrate per il cinema.

  4. Tramvinicyus says:

    Ma infatti sì…ogni anno “basta con le notti di cinema in piazza Vittorio” e mo’ quest’anno pare che senza cinema ncè aa curtura e allora semo tutti xenofobi e fascisti? dai su un minimo de coerenza…..

  5. red says:

    il cinema era un punto qualificante del rione, tanti lo frequetavano con piacere ed almeno la piazza per alcune ore aveva un aspetto decente ma evidentemente al comune non interessa , pochi erano quelli che si lamentavano e sempre con secondi fini di carattere politico adesso saranno accontetati a dispetto di una piazza ormai diventata infequentabile lasciata in mano a bande di ubriachi e piccoli delinquenti se vi va bene cosi beati voi

  6. Anonymous says:

    in compenso ci hanno dato la festa di sel un partito che non esiste più che spara musica a palla a san giovanni

  7. Giorgio says:

    Per risolvere i problemi della piazza basterebbe adottare la legge britannica dell’anti-social behaviour: barboni e sbandati in gattabuia, poi vedi come cambiano le cose. Altro che togliere il cinema.

  8. alessandra says:

    di che ci meravigliamo? Marino non è neanche riuscito a mettere due panchine nuove nel parco giochi. #degradoinfinito

  9. Lucas says:

    il cinema in sé è una bella cosa; in questo caso spenderei i soldi per mettere dei vigilantes che controllino i “frequentatori” del parco….cioè volevo dire le bestie che frequentano il parco…

  10. alice says:

    Concordo con lucia. Il cinema mi sembra l’ultimo dei problemi a piazza vittorio, e comunque trovo ormai insopportabile che d’estate non si possa stare con le finestre aperte senza sentire musica a palla dai vari concerti all’aperto anche fino a tarda notte perché non viene imposto agli organizzatori di limitare i decibel o di assicurare un isolamento acustico decente in caso di abitazioni nelle vicinanze.
    Non è che a giugno e luglio stiamo tutti in vacanza e passiamo le notti a sentire musica… anche la libertà di dormire in silenzio è cosa strana in questa città?
    Quindi ben venga il cinema se si riesce a farlo convivere con il diritto di non sentirselo dentro casa, e comunque trovo assurdo che si debba invocare un cinema all’aperto per assicurare qualche ora di decenza a piazza vittorio… ma vi rendete conto di come siamo ridotti???

  11. Lucia says:

    No, cara Alice, non si rendono conto o meglio non hanno interesse ad affrontare i problemi del quartiere (non ne hanno la capacità, la cultura?). Più comodo “buttarsi sul culturale” e dare un po’ di soldi a qualche associazione. Vi rendete conto che non sono capaci (forse non vogliono…..hanno paura….hanno interesse….ma no, che vado a pensare!) di chiudere l’attività di quelle bancarelle che trasbordano anche dopo le poche multe della polizia municipale? Perché non pagano qualche vigilantes per limitare gli ubriaconi, ecc. ecc. Il nostro ineffabile minisindaco ha anche affermato che gli abitanti stanno vendendo le case. Grazie, non ce ne eravamo accorti che le giovani famiglie portano via i figli da questo schifo. Ma vede, cara Alfonsi, loro vanno via e per quanto mi riguarda io non andrò più a votarvi. Ehi PD: sono queste le personalità che proponete per la gestione di una macchina così delicata come Roma?

  12. Girolamo says:

    Questi inutili consiglieri di un inutilissimo municipio, prendessero una ramazza e iniziassero a pulire in giro, invece di continuare con le chiacchiere e i proclami.Non utilizzassero la parola cultura, che sulle loro bocche inutili e produttrici di fuffa, suona peggio di una bestemmia.

  13. giampaolo says:

    Io, come moltissimi, sono stato alle notti di cinema ma lucia ha ragione al ce to x cento. Il rione, piazza vittorio in primis, sta affondando nel degrado. StStamattina sono passato a via buonarroti: un cesso a cielo aperto tra cartacce, marciapiedi sporchi, stranieri ubriachi che banchettavano allegramente. Per chi tutti i giorni assiste a sto schifo e all’immobilismo delle forze politiche tutte, che sia municipio o comune, cosa.volete che gliene freghi del cinema all’ aperto?!?

  14. Anonymous says:

    benissimo Lucia!!!! siamo in molti a condividere le tue considerazioni,ma purtroppo non riusciamo a concretizzare il nostro disappunto!!

  15. Candy says:

    Ci hanno rubato tutti i sogni,
    non ci resta che piangere!!

  16. Mr Brown says:

    Dove è finita l’Orchestra di Piazza Vittorio?

Inserisci un commento



(facoltativo)