Subscribe via RSS Feed

Piccoli successi da Via Merulana. Tolti i cartelli dalle aiuole

Qualcuno forse ricorda ancora tre anni fa quando si usava inchiodare i megafoni del Corpus Domini direttamente sui bellissimi platani di Via Merulana? La ditta che faceva quel tipo di allestimento è stata pesantemente multata facendo semplicemente applicare l’articolo 21 del Regolamento di Polizia Urbana che dice appunto: “Nei viali, parchi e giardini pubblici è vietato: a) affiggere oggetti, piantare chiodi, scagliare contro pietre, bastoni o danneggiare i rami delle piante e delle siepi, le foglie e i fiori, strappare o tagliare l’erba, stendere qualunque oggetto sulle piante e sulle aiuole…”.

Sono ormai due anni che la ditta che fa l’allestimento del Corpus Domini non inchioda più i megafoni, ma usa delle fascette! Quella volta grazie alla segnalazione di Respiro Verde Legalberi e Cittadinanzattiva siamo riusciti a far rispettare l’unico Regolamento Comunale a difesa del verde cittadino e quindi tutelare l’alberata di via Merulana. Oggi a distanza di qualche anno e sempre grazie all’impegno delle stesse associazioni insieme anche al Comitato Piazza Vittorio Partecipata siamo riusciti addirittura a far rimuovere (cosa rara nella Roma di oggi!) due impianti pubblicitari abusivi sempre in via Merulana facendo riferimento allo stesso regolamento di polizia urbana! Gli impianti (come potete vedere dalle foto) erano stati collocati diversi anni fa all’interno (all’interno!) delle aiuole degli alberi e quindi in palese violazione alle regole sopra citate! Rimarrebbero ancora da rimuovere circa 11 cartelli di segnaletica stradale verticale anche quelli collocati erroneamente all’interno delle aiuole dei platani: e segnalazioni sono già partite e speriamo presto di poter mettere la parola fine (in verità ci sarebbero anche almeno cinque alberi abbattuti da ripiantare) al degrado ambientale di via Merulana!

Massimo Livadiotti

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (11)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Patrizio says:

    Che fine avrà fatto quello straordinario macchinario che permette di rimuovere in poco tempo i ceppi degli alberi abbattuti? Ricordo che fu acquistato sotto l’allora assessore Visconti e fu presentato in pompa magna. Cosa ne è stato?

  2. Paolo says:

    Grazie a Massimo per l’impegno a riportare la legalitá a via Merulana. Dobbiamo comunque registrare che i nostri sforzi – quasi sovrumani – riecsono ancora solo a riportare un minimo di legalitá laddove gli abusi, le prepotenze, il degrado e l’incuria hanno sfasciato, distrutto, violato gli spazi pubblici e in particolare aiuole ed alberi. A quando un impegno anche da parte dell’amministrazione a fare qualcosa di nuovo e di bello per le nostre strade, le nostre piazze e i nostri giardini?

  3. Anonymous says:

    colgo l’occasione dell’articolo su via merulana, strada in cui sono nata e cresciuta per segnalare che negli anni sono stati abbattuti svariati platani, senza essere sostituiti. Alcune aiuole sono anche state coperte dal cemento. Inoltre purtroppo anche su via merulana negli anni negozi di qualità sono stati sostituiti da attività che vendono cineserie & sim, gestiti da stranieri (e ora verrò accusata di razzismo!!!!)… che nostalgia di quando all’esquilino c’erano panifici, cartolerie, gioiellerie, negozi d’abbigliamento e scarpe MADE IN ITALY….

  4. Tramvinicyus says:

    No nun sarai accusata de razzismo è che te devi svejà fia mia, semo 7 miardi dentro a sto posto, qui ancora stamo avvedé ee cartolerie de mi nonna ai tempi dee vacanze romane….

  5. Massimo Livadiotti says:

    Colgo l’occasione per ringraziare Degrado che quando può dà risalto anche a notizie che vanno in controtendenza rispetto al dilagante degrado che ormai sembra inarrestabile! Per quanto riguarda gli alberi abbattuti in via Merulana abbiamo fatto un censimento e sarebbero 5 quelli da ripiantare (le ceppaie si possono togliere solo quando le radici sono deperite altrimenti si rischia di sfasciare i marciapiedi….)e per questo abbiamo richiesto al X dipartimento di ripiantarli ma solo in autunno inoltrato. Rimarrebbero da spostare almeno 11 cartelli stradali verticali collocati in barba al regolamento all’interno delle aiuole dei platani dalla stessa municipale…..e qui casca l’asino anche perchè in teoria sarebbero loro (la municipale)che dovrebbero tutelare l’integrità degli alberi e delle aiuole….ma questo è l’ennesimo esempio che a Roma tutto deve essere interpretato!!?

  6. pinky says:

    a via san quintino e via statilia i marciapiedi sono gia’ sfasciati da anni e anni , le ceppaie sono li’ da anni e anni e nessuno fa niente nonostante le continue segnalazioni delle condizioni di degrado e pericolo . Non si puo’ camminare senza correre rischi seri !

  7. oronzo says:

    Confermo quanto detto da pinky, ho combattuto battaglie per anni in proposito, ma non glie ne frega niente a nessuno. Spero che quanto dettto da Livadiotti sui marciapiedi che si romperebbero voglia essere ironico. Certo che il quadrente Manzoni, Statilia, S.Quintino e vie limitrofe è nell’abbandono più completo.

  8. Blake says:

    riusciremo a dare una decente piantumazione anche su via Labicana??

  9. Massimo Livadiotti says:

    Via Labicana? Furono sostituite le vecchie robinia (molte erano a fine ciclo) con delle roverelle quando si rifece tutta la strada con la preferenziale del tram……molte di quelle giovani quercie perirono per mancanza di acqua e poca manutenzione!! Il sottoscritto denunciò quell’errore e spreco anni fà…..i luminari del servizio giardini corsero ai ripari e sostituirono le roverelle morte con dei frassini (molto più resistenti). Per cui al momento su via Labicana ci sono in prevalenza frassini e qualche quercia sopravvissuta….credo ci siano solo ancora 2 querce da sostituire e forse un frassino che fu danneggiato all’epoca degli scontri in cui prese fuoco un edificio.

  10. residente says:

    ma… vogliamo parlare dell’ingorgo di stamattina su via merulana e quadrante limitrofo dovuto alla pedonalizzazione totale? che idea meravigliosa! soprattutto per i romani che non sono in grado di fare un passo senza l’auto. grazie sindaco

  11. Holly says:

    C’è ancora molto da fare
    se Roma si vuole migliorare!
    Mi auguro che questo che è
    solo un piccolo passo per l’uomo
    possa diventare presto un grande passo per l’UMANITÀ!

Inserisci un commento



(facoltativo)