Subscribe via RSS Feed

La chiusura del Parco di Via Statilia. I vigili chiedono le catene ai residenti. La Snam rimane chiusa fuori

Piove, Roma crolla. Fin qui tutto “normale”. Purtroppo, però, una delle potenziali voragini che si sono aperte in città non era sotto una strada, ma sotto il nostro parchetto di Via Statilia. Un’area verde grande poco più di un fazzoletto sul cui nascita questo blog è nato e che, dal 2007 (sono passati 7 anni!) non ha avuto pace. Neppure dopo l’inaugurazione tra manutenzione inesistente, secchi della spazzatura arrangiati, accampamenti abusivi e serrature forzate da parte di chi non gradiva la chiusura notturna.

Da qualche giorno ci si è messa pure la pioggia appunto. E la Protezione Civile, senza neppure avvertire o mettere un cartello (lo abbiamo raccontato qualche giorno fa) ha pensato bene di sequestrare il parco per paura che vicino alla fontanella lato Statilia si aprisse una voragine sotto ad un grande avvallamento che si era creato già da mesi. Dopo qualche giorno i cittadini hanno forzato il fil di ferro (fil di ferro!) messo dalla Protezione Civile e così quest’ultima è tornata, assieme alla Polizia Municipale, per chiudere. La Protezione e la Polizia non sapevano però come fare, così hanno chiesto ai cittadini le catene e i lucchetti, le stesse catene e lucchetti che i cittadini usavano ogni giorno per tenere chiuso il parco la notte (visto che le istituzioni se ne fregavano), le stesse catene che cittadini e commercianti avevano finanziato e comprato di tasca loro.

Finito qui? Magari! L’epilogo la mattina di venerdì quando Snam Rete Gas, il gestore di un importante tombino del gas che sta dentro al parco, è arrivata e ha trovato il parco chiuso. Visto che l’intervento era urgente stavano lavorando per trovare le chiavi per aprire o, in alternativa, avrebbero forzato le catene. Incredibile, ma vero.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (4)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Tramvinicyus says:

    Dai “imprestargli” nun se pò sentì, diciamo “prestarle” (prestare ad essa, alla Protezione civile) Ok?
    Nun famo er blogghe, i “disaggi” de sta roma “invivibbile” e poi se portamo appresso ‘sti sfonnoni…regà…!

  2. doris says:

    Tram – sono proprio questi i problemi eh….????

  3. giampaolo says:

    provo vergogna, ma vera vergogna, per i responsabili di questo stato delle cose, per questa massa di incapaci che governa la nostra città e il nostro rione che non è in grado di gestire neanche un parco microscopico…fil di ferro, rischio voragini, la municipale che chiede i lucchetti ai cittadini, la snam che non riesce ad entrare…dai, se c’è qualcuno del municipio o del comune che legge ditemi che siamo su scherzi a parte…vi prego…

  4. lulù says:

    Quelli del Municipio leggono ma non rispondono. In genere la prassi è che entrano in questo e altri blog, raccontano una loro iniziativa, sempre in modo autoreferenziale e poi scompaiono!

Inserisci un commento



(facoltativo)