Subscribe via RSS Feed

Fine di un incubo? Vigili e Polizia oggi sgomberano il villaggio dei profughi di Colle Oppio

Le immagini si riferiscono a questa mattina. Già verso le 9.30, quando siamo passati in sopralluogo, erano presenti 4 volanti della Polizia Locale e 1 della Polizia di Stato, oltre che un’auto di servizio. Il Comandante della Polizia Locale di Roma Capitale, Raffaele Clemente, ha promesso che allo segombero di oggi seguiranno giorni di controllo per evitare che il terrificante campo profughi che da troppo tempo umiliava Colle Oppio si riformi. Speriamo. Sarebbe la fine di un lungo incubo. A tutti il compito di seguire lo svolgere degli eventi.

Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (8)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. giampaolo says:

    speriamo…è veramente uno dei simboli di come roma (e l’esquilino purtroppo) versino ormai in una situazione di degrado dilagante…

  2. Magica says:

    Speriamo che duri e non si riformi di nuovo un villaggio profughi

  3. ANONIMO says:

    si trasferiranno direttamente dentro al recinto del cantiere che da anni va avanti (senza che si veda nessun risultato) alla domus aurea.
    un parco archeologico alla mercè di chiunque….solo a roma certe vergogna

  4. lilli says:

    presa x i fondelli , ma veramente pensano di poter agire in questo modo contro il degrado e la violenza all’esquilino ? Vogliono dare il contentino di qualche ora di ” pulizia “a chi ha avuto le rendite catastali raddoppiate o addirittura triplicate e che era gia’ in A2 o A7 , perche’ gli A4 diciamo la verita’erano immorali !

  5. lilli says:

    tutti gli sfrattati di colle oppio si accomodino nell’ ex inpdap gia’ occupato in via santa croce in gerusalemme , spazio ce n’e’ ancora in 18.000 mq possono entrarci in tanti , x ora sono solo diverse centinaia ! cosi’ lo stato tutela i suoi cittadini e i beni pubblici !!

  6. marte says:

    Lilli, forse quella che tu consideri una provocazione potrebbe invece essere una soluzione…queste persone, la cui presenza non può essere “annullata” con un colpo di spugna, dovranno pur stare da qualche parte…e allora forse meglio un posto controllabile,gestibile, dando loro delle regole comportamentali e una responsabilità che certo non possono avere bivaccando e dormendo all’aperto, espletando lì anche tutti i loro bisogni. In fondo, se quel palazzo è vuoto, meglio destinarlo a rifugio per questi “sbandati” che lasciare loro per la strada, con le note implicazioni di degrado che tutti sappiamo, e il palazzo vuoto e inutilizzato che va in malora, no ?

  7. lilli says:

    caro marte , lo stato dovrebbe costruire case popolari e negli edifici pubblici mettere gli uffici pubblici invece di pagare affitti miliardari ai soliti noti , con quei soldi risparmiati hai voglia di alloggi e assistenza x tutti!

  8. vav says:

    marte , ma che stai dicendo ! Allora tutti ad occupare gli edifici e gli appartamenti vuoti ! Per favore ospitali a casa tua e fai un ‘opera buona e vai in paradiso , io non la voglio fare voglio essere cattivo e andare all’inferno

Inserisci un commento



(facoltativo)