Subscribe via RSS Feed

Via Principe Amedeo. La vergogna della nuova bancarella

Anche voi eravate tra quelli che pensavano che peggio di così, per quanto riguarda il commercio ambulante, non si potesse fare? E invece al peggio, per quanto riguarda questo assurdo settore a Roma, non c’è evidentemente mai fine. Da un paio di giorni a Via Principe Amedeo è apparsa questa bancarella, come al solido inaccettabile, orribile, bruttissima. Di più: si tratta di una bancarella e mezzo, e l’altra metà, potete giurarci, è pronta ad allargarsi senza dubbio. Di più: una bancarella che si posiziona sulle orecchie di Via Principe Amedeo, una realizzazione di arredo urbano che abbiamo lottato per ottenere anni fa e che oggi viene utilizzata per il peggiore utilizzo possibile. Sarebbe stato quasi meglio lasciarci le macchine a questo punto. Una bancarella di stracci, orribile, in posizione illegale e fuori legge, che toglie visibilità in curva. Una mostruosità che, a quanto ci raccontano, ieri è stata rimossa dai Vigili Urbani, ma che quest’oggi è di nuovo lì. L’inizio di un nuovo incubo rispetto al quale vorremmo sapere il nome e il cognome del colpevole. Di colui che ha autorizzato, di colui che ha chiuso un occhio. Alla stessa maniera di come è capitato vicino la stazione dove le ‘orecchie’ di Via Gioberti e dintorni sono state distrutte da una serie di banchi ignobili e inguardabili che hanno fatto ri-precipitare la zona, per un attimo diventata ‘europea’, in una situazione di degrado che non ha paragoni a livello planetario. Cosa possiamo fare?

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (23)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    PERCHE’ OGNI ANGOLO DI ROMA DEVE ESSERE TRASFORMATO IN UN SUK VOMITEVOLE?

    DI CHI E’ LA RESPONSABILITA’?
    E’ ORA DI GIOCARE A TROVA IL RESPONSABILE DELLO SCHIFO A ROMA!

  2. aldo says:

    Una soluzione “robusta” potrebbe essere quella di un gruppo di persone (residenti e non) che occupassero fisicamente il luogo prima che costoro vengano di buon mattino a montare l’obbrobrio vomitevole.

  3. anonimo says:

    bè è ovvio di chi sono quelle bancarelle.
    hanno protestato molto nei mesi passati.
    non potendo più mandare i loro sgherri in giro per il centro a vendere borsette e scialli, hanno deciso di organizzarsi così. tanto sono intoccabili.

  4. Red says:

    Per fortuna il Primo Municipio è impegnato nelle mozioni in difesa della Curva Sud.

    Si vede che della legalità e delle regole non gliene frega proprio niente.

  5. Anonymous says:

    tutto cambia ma i ras della bancarele hanno amici ovunque e molto di voi non hanno forse notato che a fianco dell’orrendo mercatino sotto i portici si sono aggiunte altre bancarelle completamente abusive che approfittano del mercatino paccottaglia per piazzarsi sotto i portici una vera vergona nessun controllo, nessuna sanzione

  6. Magica says:

    Io non capisco la lotta così dura (anche se può essere giusta) del
    Municipio contro i dehors e questa tolleranza e questo menefreghismo verso questo schifo di bancarelle sempre in aumento. Qualcuno me lo sa spiegare ?

  7. Marco Valerio says:

    Non c’è un modo per verificare se hanno un permesso? O segnalare ai vigili? Già tempo fa provai a scrivervi per segnalare bancarelle che nel frattempo sono diventate ospiti fissi di Via Turati…

  8. antipop says:

    ho chiesto chiarimenti ai carabinieri che stazionano lì di fronte: secondo loro è tutto regolare e comunque “sono già venuti i vigili a controllare”

  9. Marco says:

    Anche se avessero il permesso di stare lì, andrebbero rimossi. L’unica differenza è che, se hanno un permesso, andrebbe anche rimosso chi gliel’ho dato.

  10. Caterpillar says:

    Avremo mai una città libera dalle bancarelle, libera dalle affissioni e dai writers?

  11. Anonymous says:

    non è regolare le bancarelle non possono stare agli incroci a quanto dice il codice d ella strada ma qui non vale neanche più quello ormai siamo nella terra di nessuno

  12. gigino o'fetente says:

    ma come non vi siete accorti che stiamo in una zona di gran pregio grazie alla vicinanza alla stazione termini , ai bei negozi , agli alberghi di lusso pieni di turisti e agli uffici prestigiosi ? Queste sono alcune delle motivazioni date dall’agenzia delle entrate nel quasi triplicare la rendita catastale della casa dela mia amica all ‘ esquilino !

  13. gigino o'fetente says:

    ancora non ci organiziamo per uno sciopero fiscale!! L’ufficio prestigioso e’ l’ex inpdap occupato , i bei negozi dove sono che sono o chiusi o per lo piu’ monnezza e bancarelle ! basta e’ veramente uno schifo totale , c’e’ solo da andare via , farsi la valigia ed emigrare ……

  14. gigino o'fetente says:

    e gli alberghi di lusso poi e’ veramente una beffa , perche’ tolti alcuni ,pochissimi ,gli altri sarebbero tutti da chiudere …..

  15. gigino o'fetente says:

    a proposito la rendita quasi triplicata era gia’ alta , non era di quelle ridicole che troviamo nel vero centro di roma ……

  16. Anonymous says:

    e delle bancarelle delle cinesi che vendono i petalini all’interno del giardino x beneficienza ossia risistemare i giochi ne vogliamo parlare?i mezzo ad ubriaconi e senza tetto

  17. sindaco bancarellaro says:

    altro che ciclisti, a noi serve un sindaco bancarellaro! ma bancarellaro veramente non come quella pippa di alemanno che ai bancarellari leccava solo il sedere… roma capitale? ah ah ah! roma europa? ah ah ah! siamo tutti complici e collusi. ognuno ha quello che si merita.

  18. Stelio says:

    Sapete chi era uno dei responsabile al commercio a Roma ? Tredicine, un rampollo di una delle famiglie più potenti nel settore degli ambulanti.

  19. vav says:

    l’illegalita’ elemento di pregio del quartiere !

  20. Giorgio says:

    C’è del marcio a Roma. E’ evidente che chi deve controllare non controlla e se ci sono delle autorizzazioni deve essere rimosso chi le ha rilasciate. E’ ora che i cittadini facciano qualcosa se non ci pensa la procura ad indagare chi c’è dietro perchè ormai certe cose non possono più essere casuali.

  21. Alex says:

    Esiste il 117, il numero della Guardia di Finanza. Chiamatelo, date le vostre generalità e fate chiudere sti banchetti che non rilasciano scontrini.

  22. ANONIMO says:

    ma infatti al di là di prendersela col sindaco che certo non può occuparsi delle bancarelle, occorre andare a prendere per un orecchio il funzionario comunale che ha firmato il permesso.
    e non si tratta di un funzionario messo lì da Marino ma è uno che sta lì da sempre e che non se ne andrà neppure dopo Marino.
    è questa la gente che rovina roma

  23. Anonymous says:

    Comunque, vorrei ricordare che 2C6H12 + 15O2 ? 12CO2 + 6H2O.
    Pago io.

Inserisci un commento



(facoltativo)