Subscribe via RSS Feed

Il Comitato di Via Labicana imbratta di affissioni abusive Via Labicana.

C’è qualcuno di voi disposto a dare credibilità e autorevolezza ad un comitato che per difendere le sorti di una strada o di un’area la imbratta di manifesti abusivi? A Via Labicana succede proprio questo. Ieri sera, come rubbagalline col favore della notte, alcuni ragazzi hanno riempito ogni palo pubblico della strada affiggendo in maniera completamente abusiva e pirata decine di volantini che pubblicizzano un incontro che si svolgerà questo pomeriggio. Ovviamente invitiamo tutti a non andarci o, in alternativa, ad andarci esclusivamente con il fine di far notare questa assurda incongruenza: ci si batte per il bene di una strada e la si trasfigura riempiendola di immondizia abusiva? Assurdo, no? Andate a dirglielo.

Le affissioni abusive sono una sciagura per una serie di motivi:

1. si rubano soldi al comune. Già, perché le tasse per le affissioni vanno pagate, chi non le paga ruba. Molto semplicemente. E se ruba al Comune, significa che ruba a tutti noi, a tutti voi, all’assistenza agli anziani, agli asili nido, alla manutenzione delle strade la cui assenza uccide la gente, agli investimenti, al sostegno alle imprese, alle case popolari ecc ecc… Anche se fosse un solo euro.

2. si mortifica la visibilità della strada. Le affissioni di manifesti al muro è uno schifo e va be, ma quella sui pali pubblici è ancora peggio perché impalla le prospettive visive e rende la strada ancora più pericolosa. Inoltre distrae automobilisti e motociclisti alla guida. Ecco perché affiggere sui pali è rigorosamente vietato dal Regolamento Comunale e dal Codice della Strada.

3. si fa ‘concorrenza sleale’ a chi paga regolarmente le tasse. Un politico organizza un convegno e si pubblicizza in maniera abusiva, un politico organizza un convegno e si pubblicizza in maniera regolare. Il primo, se non viene sanzionato, è più avvantaggiato, soverchia il secondo. E’ una ingiustizia bella e buona, no?

4. si rende pericoloso il transito soprattutto di bici e motorini. Succede quando i volantini, per pioggia o vento, cadono in terra e rendono il fondo stradale terribilmente scivoloso. Una insidia notevolissima soprattutto per i ciclisti. Per consentire una pubblicità abusiva, qualcuno rischia la vita.

5. costa a tutti noi per la pulizia. Ovviamente Ama, prima o dopo, magari con la collaborazione dei Pics, deve provvedere alla pulizia. Ulteriore immondizia per strada che deve essere rimossa a spese di tutti noi.

 

Dunque pensate a quanti danno hanno fatto questi signori. Pensateci e, ribadiamo, fateglielo notare o non andando a questa manifestazione (ne sarete complici) oppure andandoci esclusivamente per dirgliene quattro.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (2)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    FANO SEMPLICEMENTE SCHIFO SIA ATTACCANO A STRUMENTALIZZARE QUALUNQUE COSA PUR DI FARSI UN BRICIOLO DI PUBBLICITA’ (nella loro testa non capiscono che e’ solo negativa). E EL BANE COMUNE- COME DIMOSTRANO EVIDENTEMENTE- NON GLIE NE PUO’ FREGARE DI MENO. PATETICI!

  2. Anonymous says:

    http://www.romatoday.it/politica/rimozione-cinquemila-cartelloni-abusivi.html

    piccola vittoria per sessorium

    ps
    come va l’appello ?

Inserisci un commento



(facoltativo)