Subscribe via RSS Feed

Ancora sul mercato del rubato nei giardini di Carlo Felice. Un video del Codici


Al di là delle azioni di sgombero che circa una volta ogni 10 giorni vengono sbandierate dal Municipio anche con commenti in questo blog o su Facebook, il mercato di roba rubata e ricettata di fronte alla facciata di San Giovanni in Laterano appariva, ieri sera, più in forma che mai. Ormai i venditori hanno occupato tutte le panchine e un enorme appezzamento del giardino. Il parco risulta spettrale: bambini, nonni, mamme, persone intente al jogging. Sono tutti spariti. Non c’è più nessuno. I venditori sono riusciti ad estromettere i legittimi fruitori dell’area verde che hanno preso a frequentare altri parchi. Si tratta di un qualcosa di incommentabile davvero. I turisti, sull’asse giubilare San Giovanni-Santa Croce, sembrano essere scomparsi. Non vengono più e se vengono fanno altre strade, non percorrono più l’asse a piedi, magari si fanno accompagnare in pullman da San Giovanni a Santa Croce come si fa a Città del Messico dove ai visitatori è sconsigliato anche di fare 500 metri a piedi da soli.
Qualche spunto ce l’avete da questo bellissimo servizio che Spazio Consumatori Tv, la webtv del Codici, ha realizzato proprio ieri.

Andate a vere questa situazione. Perché è la rappresentazione plastica di come si è ridotta questa città e anche in realtà questo paese. Non cadete nel tranello: non c’è il mercatino a causa della povertà. C’è povertà a causa di questo degrado. La prospettiva è esattamente inversa.

Share

si parla di: , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (18)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    La battaglia contro lo schifo di Carlo Felice va UNITA alla battaglia pochi metri piu’ in la contro lo stesso schifo a Porta San Giovanni.
    Unite i FRONTI!!!

  2. Lucia says:

    Un dato è certo: con la nuova amministrazione si è visto un sostanziale cambiamento nell’affrontare il degrado della nostra zona! L’unica delibera è a favore dell’ulteriore caos che nessuno arginerà/controllerà: i cosidetti artisti di strada.
    Grazie sindaco, grazie presidente del municipio e un grazie di cuore agli assessori preposti – tutti della medesima area e nelle tre istituzioni politiche che purtroppo paghiamo – all’ambulantato.
    Odio il qualunquismo e il “sono tutti uguali” ma un segnalino di differenza è auspicabile.

  3. brux says:

    http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/11/06/news/san_pietro-70339843/

    Stamattina erano impegnati a San Pietro. Speriamo domani passino anche qui. Si sta facendo qualcosa contro l’abusivismo. Se sono interventi radicali o solo estemporanei lo vedremo.

  4. Anonymous says:

    ribadisco : pensate soltanto all’effetto che si otterrebbe se a livello mediatico uscisse la notizia che i cittadini dell’esquilino stanno raccogliendo firme per staccarsi dal comune di roma e costituirsi in comune autonomo.
    Forse qualcuno comincerebbe a considerarci un pò di più, non solo come cortile di servizio della città

  5. Anonymous says:

    Grazie Massimiliano

  6. Anonimo says:

    Good old violence.

  7. Patrizio says:

    http://www.romatoday.it/cronaca/mercato-rom-viale-castrense.html

    Ieri sgomberato il vicino mercato degli stracci di via Castrense…magari fanno una capatina anche a Carlo Felice?

  8. sebastian says:

    Ma prendeteli a manganellate e arrestateli!
    Basta con la pazienza…Questi non capiscono un cazzo, solo guadagnare tre euro vendendo la merda che tirano fuori dai cassonetti, perfino da quelli della Caritas!
    Ma è possibile che la devono avere vinta questi zozzoni?!?
    I pochi spazi di verde debbono andare in mano a questa gentaglia e chi ci deve stare veramente deve scappare!!!

  9. Anonymous says:

    Non hanni sgomberato un bel niente a viale castrense…ieri sera erano di nuovo tutti lì. Soliti interventi spot da pubblicizzare sulla stampa.

  10. Caterpillar says:

    Hai capito si come gira? Il tipo fa esposti e per tutta risposta gli chiudono l’attività commerciale per 5 giorni. Io la chiamo “pressione psicologica”.
    Inoltre, deve una persona senza preparazione fisica mettersi a tutelare LUI la sicurezza nell’area PUBBLICA davanti al suo esercizio? Tale legge va tolta immediatamente. Che ci pensassero le FdO a tutelare i spazi pubblici

  11. Anonymous says:

    qualcosa stanno facendo e anche pubblicizzando:

    http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/11/12/foto/esquilino_operazione_anti-abusivismo_sequestrata_merce_al_mercato_carlo_felice-70810150/1/#1

    e’ un duro lavoro, ma magari con interventi costanti e provvedimenti severi qualche risultato lo si ottiene

  12. mercato ripulito oggi (13-11) says:

    leggete repubblica roma, pare che stamattina abbiano ripultio il mercato

    vediamo quanto dura

  13. giampaolo says:

    ah, finalmente. speriamo che non sia solo un fatto episodico ma che venga ripetuto.
    E speriamo che ci si decida ad intervenire anche presso il colle oppio.

  14. anon says:

    fatto anche al colle oppio… per ora!

  15. giampaolo says:

    ma c’è articolo da qualche parte o hai visto tu anon?grazie!

  16. anon says:

    ciao, sì, l’articolo è su romatoday
    http://centro.romatoday.it/esquilino/

    ciao ciao

  17. giampaolo says:

    era troppo per durare: al colle oppio la situazione è tornata identica a prima dello sgombero…ah, poveri noi…

  18. Anonimo-2 says:

    Mi spiace ma non vedo alcun risultato positivo. Ogni giorno il mercatino del rubato si riforma ed il rischio è che alla fine ci si abitui e Carlo Felice diventi una zona off-limits. Continuiamo a tenere alta l’attenzione e a sollecitare interventi quotidiani di polizia, carabinieri e vigili urbani. Non lasciamo San Giovanni morire di illegalità.

Inserisci un commento



(facoltativo)