Subscribe via RSS Feed

Una preferenziale per Via Emanuele Filiberto. Cosa fare ora?

La nostra proposta per una corsia preferenziale su Via Emanuele Filiberto, contenuta in questo articolo, ha per fortuna catturato l’attenzione di molti: cittadini, amministratori, addetti ai lavori. Appare, evidentemente, il momento propizio per muoversi in questo senso. Cosa fare ora? Come insistere? Molti cittadini, nell’articolo dell’altro ieri, si sono spontaneamente mobilitati per scrivere all’Atac, nell’apposita area reclami, e richiedere la messa in opera di una preferenziale.

E’ emerso poi, cosa molto interessante, che tra qualche giorno potrebbe partire la posa dei cordoli in granito su Via Labicana\Viale Manzoni, in sostituzione dei muretti provvisori in cemento (il famigerato New Jersey), una azione che, semplicemente disponendo di qualche centinaia di metri lineari in più di materiale, potrebbe essere realizzata anche su Via Emanuele Filiberto. Come fare a sensibilizzare l’amministrazione? A chi scrivere? A chi rivolgersi? In questo caso sarebbe davvero importante farci sentire in quanto massa critica. Mandare tante email, mandare tante richieste, mandare tante segnalazioni. A chi?

o. sindaco, Ignazio Marino. Condividete il nostro articolo sulla sua pagina Facebook

1. assessore ai lavori pubblici, Paolo Masini. Scrivetegli una mail (paolo.masini@comune.roma.it) e condividete il nostro articolo sulla sua pagina Facebook

2. assessore ai trasporti, Guido Improta. Scrivetegli una mail (guido.improta@comune.roma.it), scrivete all’assessorato (assessoratomobilita@comune.roma.it)

3. agenzia della mobilità. C’è una mail specifica per i Fori Pedonali, scriviamogli: forimperiali@agenziamobilita.roma.it

4. primo municipio, scriviamo alla Presidenza e all’assessorato alla mobilità, dunque presidenza.municipio01@comune.roma.it per contattare la Sabrina Alfonsi e anna.vincenzoni@tiscali.it per contattare appunto la Vincenzoni assessora alla mobilità del Municipio

5. gruppi consiliari in Muncipio: cercate appoggio se conoscete consiglieri di ogni schieramento (nei commenti dell’articolo è apparso Stefano Tozzi, consigliere di Fratelli d’Italia e Letizia Cicconi, ex consigliera). Se qualcuno ce la fa smuova anche i due consiglieri del Movimento 5 Stelle, non si capisce cosa stiano a fare questi signori in politica se non per prendere questi progetti che arrivano dal basso e per sposarli a pieno

6. atac, c’è un link per fare proposte e reclami: http://atac.roma.it/page.asp?p=162, usiamolo accuratamente.

 

Ok, ma per scrivere cosa a questi soggetti? Qualche frase molto molto semplice. Così:

Gentilissimi, vi preghiamo di leggere questo articolo e di considerare la proposta che arriva dai cittadini per la messa in opera di una corsia preferenziale a Via Emanuele Filiberto. A causa della mancanza di questa preferenziale in quel tratto gli autobus e il tram 3 si bloccano generando ritardi anche superiori ai 20 minuti per percorrere poche centinaia di metri. Con una semplice corsia preferenziale protetta da cordoli in travertino (modello Viale Trastevere) la cosa si potrebbe risolvere: pochissimi investimenti, ma una grande svolta per gli utenti del mezzo pubblico. E anche per le auto, perché una strada oggi disordinata diventerebbe fludia e fruibile in maniera civile.

Ecco l’articolo: http://www.degradoesquilino.com/2013/10/corsia-preferenziale-a-via-emanuele-filiberto-la-vogliamo-subito.html 

 

Vi vengono in mente altre strategie? Altre persone da contattare?

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (34)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. theleme says:

    ci sono anche piattaforme per petizioni serie tipo change.org

  2. alex says:

    urgono telecamere e varchi di accesso
    chi entra con l’auto paga almeno 5 euro al giorno incluso residenti, come a londra, milano, etc.

  3. Anonymous says:

    email inviate, aspettiamo risposte

  4. pippo says:

    ok ai cordoli , ma senza aggravare la situazione traffico , quindi ZTL entro le mura , TARIFFE ORARIE PER LA SOSTA AD ALMENO 2 EURO E PIU’MEZZI PUBBLICI

  5. ANONIMO says:

    finchè non si scoraggia la sosta andranno a scuola al lavoro a comprà il pane, sempre con le macchine.
    sosta tariffata e via le RIDICOLE strisce bianche istituite da alemagno che non sono altro che parcheggi totalmente liberi.
    e via anche i torpedoni turistici, i turisti (almeno loro cacchio) usassero la metro per andà al colosseo

  6. sessorium says:

    Assolutamente d’accordo con l’aumento delle strisce blu sia in termini di tariffa sia in termini di superficie. Le oscene strisce bianche di Alemanno vanno eliminate.

  7. letizia cicconi says:

    proporrei una pagina facebook dedicata se la fate io non sono molto brava possaimo metterci tutto e allargare il perimetro dei consensi, io già parlato con qualcuno in municipio epoi i giornali che so cecila gentile di repubbica e lilly garrone del corriere si potrebbero contattare fatemi sapere anche chi può essere il portavoce della richiesta

  8. pippo says:

    benissimo l’eliminazione delle strisce bianche ! ( quando aledanno le istitui’ ci disserro che era la solita legge europea che lo imponeva…., sarà vero???)

  9. NuovoResidenteEsquilino says:

    d’accordissimo con la proposta, ma perchè oltre ad una petizione per la preferenziale non si coglie l’occasione anche per chiedere il rifacimento totale dei marciapiedi di via Emanuele Filiberto, specie parte alta,che sono in stato pietoso?

  10. Anco Marzio says:

    Roma andrebbe rifatta tutta, e non solo la preferenziale a Emanuele Filiberto ci vorrebbe (un solo esempio: la vergogna di viale Marconi), ma adesso concentriamo la “nostra” forza su questa piccola richiesta fattibile, dato che ci sono i lavori anche intorno.

    Se la preferenziale verrà fatta, avremo più forza ancora per chiedere altro.

  11. Luca says:

    Come dice la Cicconi Repubblica e Corriere potrebbero fare un bel articolo prendendo spunto da questo blog, le foto sono a disposizione ovviamente con il permesso dell’amministratore che credo sia ben lieto di cederle
    Bisogna approfittare del rifacimento di via Labicana e fare pressione perchè i cordoli vengano istallati anche su via Emanuele Filiberto

  12. Marco says:

    Bene le tante proposte ulteriori che appaiono nei commenti, ma mi raccomando inviate e fate inviare le mail… mi auguro che tutti quelli che hanno commentato lo facciano :)

  13. giampaolo says:

    esatto. se si fa pubblicità coinvolgendo la stampa è meglio.
    Comunque una grande parte di danno (aumento fisico del traffico, rumore, smog) viene compiuta dai bus turistici e da quelli che collegano gli aeroporti. Certe volte si incolonnano e sembra di stare sull’A1. Non è possibile. e d’accordo sullo spingere anche per il rifacimento dei marciapiedi (via Filiberto e viale manzoni). Insomma se si deve riqualificare/migliorare/rendere più vivibile questa porzione di rione va fatto seriamente ed una volta per tutte.

  14. yorkie says:

    non e’ possibile far entrare al centro di roma tutti questi autobus turistici e prendersela solo con le auto dei residenti . Vogliono levare i tavolini dei bar dal centro e non gli autobus che creano ingorghi e smog

  15. Anonymous says:

    così, per curiosità, quanti di voi prendono quel tram ?

  16. Anonymous says:

    tanti sarebbe comodissimo veloce e meno inquinante

  17. yorkie says:

    stamattina bus turistico a corso vittorio perde il controllo e piomba su auto . Vogliamo pensare di vietare l’ingresso a questi bus che creano inquinamento , traffico e usura delle strade , vogliamo mettere una tassa per i possessori di suv , fuoristrada e auto di grossa cilindrata visto che occupano spazio e rovinano maggiormente le strade gia’massacrate di roma ??

  18. Red says:

    Il tram 3 se fosse un po’ più veloce sarebbe davvero l’anima del trasporto pubblico di Roma (nella zona interna all’anello ferroviario).

    Bisognerebbe avere il coraggio di affrontare di nuovo due punti da tempo abbandonati.

    1) dare la PRIORITA’ SEMAFORICA ai tram. C’è in tutto il mondo. Il tram arriva al semaforo e diventa verde per lui. Gli utenti del 3 lo sanno: quanto tempo sta fermo ai semafori? Ci metterebbe meno della metà se non fosse sempre fermo al rosso, e diventerebbe davvero come una metro leggera.

    2) chiudere l’ANELLO TRAMVIARIO. Quante potenzialità si perdono perchè manca un collegamento tranviario tra piazza Risorgimento e viale Trastevere? Sono pochissimi chilometri, ma permetterebbero di sfruttare molti flussi in più. Il 3 potrebbe diventare una circolare, e non un anello monco. Basterebbe togliere una fila di auto parcheggiate sui due Lungotevere per farlo, costerebbe pochissimo.

    Sono progetti di cui una decina di anni fa si parlava concretamente, Marino e l’assessore Improta lo sanno?

  19. Anonymous says:

    Perche’, gia’ che ci siamo non CHIEDIAMO I CORDOLI IN TRAVERTINO A PROTEZIONE DI TUTTO IL PERCORSO DEL TRAM 3, SPECIALMENTE A VIALE REGINA MARGHERITA ? SAREBBE UNA VERA SVOLTA PER IL TRASPORTO PUBBLICO!!!
    Mc Daemon

  20. Geppo says:

    URP comunale sulla mobilità:

    mobilita@comune.roma.it
    assessoratomobilita@comune.roma.it

    eppoi la pagina FB di Ignazio Marino

  21. f. says:

    Ricordo che 20 anni fa il tram 3 (allora 30 e precedentemente ED) era un ANELLO! Qualche genio ha fatto togliere i binari ed ora vogliamo farli rimettere? Così si paga 2 volte!

  22. alberto says:

    ok manderò le mail…il prossimo impegno però prendiamolo per riportare il 3 a tram fino a stazione trastevere…ok????

    in risposta all’anonimo che chiedeva chi prende il 3…
    io non lo prendo semplicemente perchè mi costringe all’umiliante trasbordo a piramide…

  23. Mario says:

    Le problematiche del Rione, traffico incluso a seguito della deviazione del flusso su Emanuele Filiberto-Piazza Vittorio-Statuto, si risolvono con la ZTL.
    I Comitati dei Residenti dovrebbero porre sul tavolo di questa Amministrazione la richiesta di estendere la ZTL al Rione Esquilino con un presidio fisso di Vigili Urbani su Piazza Vittorio.

  24. Red says:

    Caro F,
    la linea ad anello non esiste più dal 1975, e anche se i binari sono resistiti di più, perchè non dovremmo rimetterceli se è la città a guadagnarci?

  25. Donata says:

    Scusate ma esiste un comitato di quartiere?
    Credo sia importante discutere di soluzioni al traffico che vadano un poco oltre il pur giusto cordolo in travertino.
    La viabilità di roma si basa sull’accesso a domenico fontana che smaltisce circa 10000 macchine e pullman al giorno.
    Non sarebbe il caso di cambiare il senso di marcia di via statilia e consentire l’accesso alla piazza da santa croce (come era una volta…)??? Solo in questo modo a mio parere sarebbe possibile fare cordoli e ztl.

  26. Tramvinicyus says:

    Ai nostalgici (come me…. sigh sigh) della circolare tramviaria , sarebbe sufficiente garantire il binario sul Lungotevere contromano stavolta, così non c’è bisogno di costruire banchine alle fermate (la banchina verrebbe ad essere il marciapiede del muraglione).
    Da ponte Garibaldi verso nord attraverso Lungotevere Raffaello e a scendere Lungotevere dei Vallati l’esatto contrario della direzione del traffico.
    Si può arrrivare a Ponte Margherita per poi raggiungere P.Le Flaminio attraverso, Via Luisa di Savoia…ma dopo? Il capolinea del 2????

    Ma se siamo in una città che non ha il coraggio di mettere due stupidissimi cordoli in marmo su i viali principali (Filiberto e Regina Margherita) ci rimangono solo in nostri sogni tramviari…(che NON devono mancare mai….)

  27. Luciano says:

    SI VOGLIAMO LA PREFERENZIALE!! INOLTRE VOGLIAMO IL TRAM 8 SINO A TERMINI!!!

  28. UTP Roma says:

    Le Associazioni dei Consumatori, in un prossimo incontro con l’assessore sulla questione Fori Imperiali, chiederanno: corsia riservata al tram e protetta su Via E. Filiberto; ripristino cordoli sull’intero percorso del 3; mandare dritto l’autobus 673 a Porta Metronia (ex tram 18)senza giri viziosi. Sulla questione Lungotevere: il progetto di Italo Insolera, ora reso ufficiale dall’Agenzia della Mobilità, prevede il doppio binario interamente sulla sponda sinistra (cioè quella già percorsa dal tram fino alle Olimpiadi). Dettagli sul libro di Insolera. Si riallaccia a Via Lepanto (e anche a P. Risorgimento, se si riesce a fare pure il TVA)Questo sta andanddo avanti e si può fare. Evitiamo per favore amenità varie. N.B. se con la scusa delle Olimpiadi un criminale di cui sappiamo nome e cognome ha “provvisoriamente” sospeso le linee tramviarie (ebbene sì, ufficialmente il senso unico è provvisorio, ma ancora perdura nonostante i Giochi siano finiti!), non sarebbe ora di riparare il danno cagionato da costui? Ma perché dovremmo tenerci i danni?

  29. Paolo says:

    Dopo la richiesta della preferenziale per la linea 3 su via Emanuele Filiberto mi è arrivata una risposta surrealista dell’ATAC. Non si sono neanche presi la briga di leggere! Guardate:

    Gentile Cliente,

    in riferimento alla Sua segnalazione del giorno 3 ottobre, La informiamo che, limitatamente alle competenze di Atac, verranno incrementati i controlli da parte degli Ausiliari del Traffico lungo il percorso della linea 3, con particolare attenzione al tratto stradale indicato, quale attività di contrasto all’occupazione delle corsie preferenziali da parte dei veicoli privati. Ci scusiamo per ogni inconveniente o disagio procuratoLe e Le chiediamo di contattarci nuovamente qualora la problematica dovesse ripresentarsi.

    Cordiali saluti.

    Atac Spa
    Direzione Commerciale, Marketing e Customer Care
    Rapporti con la Clientela

    Qualcuno ha ricevuto una risposta sensata?

  30. p@blito says:

    email ufficiale I municipio:

    protocollo.mun01@pec.comune.roma.it

  31. Anonymous says:

    Oggi dalla fermata s. Giovanni a Manzoni il tram 3 ha impiegato
    45 minuti tra il traffico in senso vietato, ambulanze bloccate
    vigili inesistenti
    Viva Roma Capitale

  32. lunettes oakley soldes
    occhiali sole ray ban http://www.bjorkegard.no/index_01.asp

Inserisci un commento



(facoltativo)