Subscribe via RSS Feed

Mercatino del rubato a Carlo Felice. Il video e la petizione da firmare

Ora abbiamo anche un bel video. Fatto con qualche piccola tecnica per non essere visibile vista l’aggressione subita qualche mese fa. Aggressione che aveva fatto muovere il municipio che aveva votato un atto contro questo mercato, aveva mobilitato la Polizia Municipale e aveva frettolosamente gridato alla soluzione. Dopo qualche giorno la Municipale è andata via e il mercatino della roba rubata è tornato a rubare spazio ai bambini, ai nonni, ai cani, alle persone che vogliono fare jogging o allenarsi. Tutti via: qui resta lo spazio solo per l’illegalità, l’abusivismo, il crimine organizzato. A queste attività servono, a Roma, le aree verdi che tutti abbiamo pagato con le nostre tasse.
E c’è di più: il business fuorilegge si ampia perché il mercato ha una seconda edizione notturna. Non dentro al parco ma subito fuori, su Viale Castrense. L’area prospicente la cattedrale di Roma è insomma diventata un hub della malavita che viene qui a ricettare ciò che ha trafugato e rubato durante la giornata. Una filiera criminale che non starebbe in piedi più di mezza giornata in una città normale. E che invece qui viene lasciata crescere e prosperare, per anni.

La disperazione dei cittadini è tale che è partita anche una petizione online che vi invitiamo a firmare con maggior forza proprio dopo aver visto questo video qui sopra. Solo per stomaci forti. Tra i centri sociali occupati di Sans Papier, Casa Pound, Scup, la nuova occupazione dello stabile dell’ex Inpdap e questa enorme metastasi di illegalità tutto il territorio sta diventando un posto da cui fuggire via.

FIRMA LA PETIZIONE

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (20)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. anonimo says:

    Io ho firmato la petizione.
    Chissà se la firmeranno pure quei benpensanti che vengono a scrivere qui e su altri blog difendendo questo esercito di rom che se ne vanno in giro 24 ore al giorno per la città a rubare nei cassonetti o altrove.
    loro li difendono sostenendo che fanno opera di “riciclo” (o meglio riciclaggio).
    Spero che nei loro cervelli da oggi arrivi un po’ più di ossigeno con la speranza che possano rinsavire e cominciare a pensare un po’ più decentemente. vergogna!

  2. Magica48 says:

    Io ho firmato e ho anche invitato altri a farlo. Per favore spargete la voce per far sapere di questa petizione !!!

  3. Magica48 says:

    Ma si può mettere la petizione anche su Facebook ? Io non lo so fare ma chi è capace lo faccia se si può

  4. Tiziana says:

    Ho letto pure l’articolo di ESQUILINEWS ed è incredibile che siamo arrivati al punto che sia stata Casapound a mobilitarsi contro il degrado dell’Esquilino con proposte che mi sembrano tra l’altro abbastanza serie e ragionevoli, mentre tutti gli altri continuano a stare a guardare e a lamentarsi soltanto senza prendere alcuna iniziativa ! Vuoi vedere che alla fine dobbiamo ringraziare Casapound ?!?

  5. Anonymous says:

    VIA TUTTA STA MERDA DA CARLO FELICE!!!!

  6. Pippopalla says:

    Siamo in tanti che vorremmo chiedere al questore,al sindaco, al ministro degli interni, al capo della polizia, agli assessori, a tutti VOI CAPI, ai tanti beceri chiacchieroni della politica,etc. etc. e a tutta sta gran gente che paghiamo con le NOSTRE TASSE se non si vergognano a prendere i nostri soldi, visto che non fanno NULLA ma veramente NULLA per questa città dove gli unici ad avere diritti sono i criminali.Dovremmo denunciare chi ha la responsabilità istituzionale della sicurezza e del decoro di Roma! DOVE SIETE?? DOVE ABITATE? Non vedete questo schifo?Non avete alcun rimorso? Vi garba vivere nel degrado devastante? Non dovremmo pagare più chi non svolge alcun lavoro nel nostro Paese.E’ ora di dire BASTA.

  7. yorkie says:

    finchè si faranno soldi col degrado e l’illegalità e mi riferisco : ai politici tutti , municipi compresi ; alle pseudo associazioni non profit e di finta beneficenza , vedi pure la comunità di sant’egidio e finchè non ci sarà trasparenza su dove finiscono i nostri soldi , intendo i soldi di chi le tasse le paga , nulla cambierà . Continuiamo a votarli e ad accettare questi soprusi , rubare al povero per dare al ricco e continuiamo, ipocritamente, a dire poverini a tutti quelli che vivono nell’illegalità e che , molti di questi , poverini non sono ,visto l’uso dei cellulari e delle auto etc. etc.. Io mi sono stufato e me ne vado da Roma e dall’Italia

  8. Marco says:

    Firmo, ma mi trovo a disagio con certi cofirmatari: non tutti i rom sono ladri, e non tutti i ladri sono rom

  9. giampaolo says:

    Non tutti marco ma una buona parte.

  10. Marco says:

    Giampaolo, per quella parte in cui lo pensi, il tuo è un pregiudizio in buona parte razzista

  11. anonimo says:

    Marco, probabilmente ti riferisci a me che ho inviato il primo post.
    Intanto vorrei premetterti che non sono un affiliato di Casapound o similari (Casapound è un’altra questione ancora che tocca temi di degrado morale oltreché che urbanistico visto lo schifo che vanno ad incollare ovunque in giro).
    Nel mio post non ho assolutamente detto che tutti i rom sono ladri(questo è un argomento diverso da affrontare diversamente).
    Ho scritto che esiste un esercito di rom che quotidianamente se ne va in giro per Roma a rubare nei cassonetti.
    Ognuno poi può quantificare questo “esercito”.
    Vuoi forse negare che non sia così? Credo che anche tu come tutti esca di casa e veda quello che ti succede intorno.
    Vorrei sapere come mai non dovrei definire ladri coloro i quali vanno a rubare le cose all’interno dei cassonetti dell’immondizia (ed ora mi attengo solo all’argomento cassonetti).
    Secondo te è normale e accettabile vedere scene di questi che aprono i cassonetti e rovistano tutto all’interno in cerca di chissà cosa devastando tutte le buste all’interno?
    E’ accettabile che questi prelevino gli oggetti di metallo all’interno dei cassonetti preposti al riciclo degli oggetti di metallo?
    Stiamo pagando fior di tasse per sta benedetta riciclata e arrivano questi e si fregano la roba?
    Boh vabbè potrei continuare a scrivere per ore ma ovviamente non è possibile.
    Lascio spazio a quelli che ora diranno che questi poveretti rom non fanno altro che riciclare le cose e che in realtà siamo noi i cattivi e i maleducati…
    pago già soldi all’ama per questo servizio, buono o cattivo ma si spera sempre che migliori, o non ho bisogno che un rom ricicli il metallo, dove qui per riciclo è inteso come furto per rivendere ai mercatini.
    se voi intendete “riciclo” come possibilità impunita di rubare nei cassonetti e rivendere nei mercatini allora tanti auguri a tutti.

  12. Anonymous says:

    Roma deve diventare una città’ normale. Non può’ continuare ad essere il peggio dello schifo e a mostrare raccapricci impossibili da vedere in qualunque altra capitale al mondo! Basta con la pura anarchia, basta con la merda in ogni dove. Basta basta basta!

  13. Anonymous says:

    firmate la petizione. Non se ne puo’ piu’ di questi ladri che spadroneggiano pensando che oramai sia un diretto acquisito quello di fare traffico di merce rubata a carlo felice. E non parlo solo dei rom, ma anche degli italiani che la domenica rivendono a porta portese

  14. solo a roma says:

    succede solo a roma, con la r minuscola, degna capitale di un paese di merda.

  15. Davide Curcio says:

    Questa mattina c’è stata un’operazione straordinaria delle forze dell’ordine nei giardini di via Carlo Felice.
    L’operazione, fortemente voluta dalla Presidente del Municipio I Sabrina Alfonsi e che ha visto l’intervento di vigili, polizia e degli operatori preposti alla pulizia del giardino, ha portato all’immediato sgombero del mercatino illegale e alla rimozione della merce abbandonata nei giardini.
    Con questo intervento, al quale seguiranno altri simili, si punta a rendere più incisiva l’azione di presidio dei giardini e a debellare definitivamente un fenomeno intollerabile che impedisce la piena fruibilità di un bene pubblico.

    Sappiamo che non sarà una battaglia facile e che i risultati di questo lavoro non saranno immediati, ma in questa direzione va il nostro impegno.

  16. Tiziana says:

    Finalmenteeeee !!! Speriamo bene !

  17. Io says:

    E il mercato abusivo in viale castrense che spunta dopo le 8 di sera? Su quello quando si interviene? Troppa fatica stroncare anche quello schifo? Attendiamo ancora???

  18. Anna says:

    Sono una ragazza di diciotto anni e, una sera verso le 22,mentre tornavo a casa da sola, mi sono imbattuta nello schifo-mercatino di Viale Castrense. Purtroppo, per raggiungere la metropolitana, sono stata costretta ad attraversarlo, visti anche i lavori della metro c. Già ho avuto paura, poi sono anche stata colpita da uno zingarello con una pistola a pallini sulla schiena.
    Una ragazza da sola non può essere tranquilla neanche a San Giovanni per questi personaggi?? Deve sparire!!! Speriamo che la petizione serva a qualcosa…

  19. luciana says:

    Ma dove si sono spostati? noi ora bene a castrense ma avranno rovinato un altro luogo di roma
    ma perche’ non vanno in campgna su un terreno demaniale e non rompono a nessuno?

    ad esempio so che si sono rimessi a portaportese dopo le 13

  20. Anonymous says:

    Sono una commerciante e come quei pochi che siamo rimasti siamo francamente strastanchi di tutto ciò,ogni pomeriggio la solita solfa, tutti in viale carlo felice poi arriva la polizia che non fa altro che mandarli dall altra parte del marciapiede,io ho un negozio di ortofrutta in via andrea provana,per tirare su le serrande gli devo intimare di allontanarsi,ricevendo insulti parolacce e sputi,si proprio sputi,oggi il massimo mi hanno rubato l incasso in una frazione di secondo mentre mio marito era intento a scaricare il furgone con la merce,se parcheggio il furgone davanti al negozio mi multano perchè è striscia blu,bastaaaaaaaa come dobbiamo fare?chiudere tanto ormai tra tasse multe affitto è meglio che rimango a dormire invece di alzarmi la mattina lavorare 13 ore e essere anche sbeffati dallo stato e da loro

Inserisci un commento



(facoltativo)