Subscribe via RSS Feed

Il dente cariato di Via Labicana

Cosa succede in quel di Via Labicana? No, per una volta non parliamo delle conseguenze della Pedonalizzazione (per ora molto immaginaria) dei Fori e del nuovo senso unico che ha rivoluzionato il vialone che collega l’Esquilino al Colosseo. Ah, detto per inciso la famosa débacle commerciale paventata per Via Labicana si sta trasformando nell’ennesima figuraccia per gli uccellacci del malaugurio: ci sono almeno due esercizi commerciali nei quali fervono i preparativi per nuove apertura. Un bar tutto tematizzato con legno e vimini (vedremo di che si tratterà) e un grande fondo dove c’era un negozio di materassi e nel quale misteriosamente si lavora a non sappiamo cosa. Ma la strada non doveva desertificarsi?

Ma torniamo a noi e all’edificio nella foto. Cosa sta succedendo? Perché è fermo? L’edificio doveva diventare, se non abbiamo capito male, un residence o qualcosa di simile. Lo studio di architettura è lo stesso che ha curato il diversamente-bello palazzone dell’Enpam in Piazza Vittorio (ormai quasi finito ma lungi ancora dall’essere inaugurato), ma un tempo aveva progetto e renderings sul sito mentre ora non c’è più niente. Chi sa qualcosa, ci racconti. Cosa è successo? Ci dovremmo tenere un altro dente cariato in pieno centro? Magari a rischio di occupazioni? La città è piena di abbandono, questo è il vero spread rispetto alle aree urbane europee evolute.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (3)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Maurizio says:

    Un paio di osservazioni. Il negozio dei materassi (ex negozio ripartore di bambole) sta per diventare lo show room di una impresa di costruzioni / studio di progettazione. Non un vero e proprio esercizio commerciale, quindi, ma qualcosa di più simile ad uno studio professionale. Cosa che, detto per inciso, a via Labicana potrebbe funzionare: via senza passeggio, scomoda per shopping ma comodissima da raggiungere, coi mezzi, da qualunque parte di Roma.
    Il palazzo. Non ho notizie oltre a quelle riportate. Faccio però presente che la sorte di quel palazzo è legata (essendo la medesima proprietà) a doppio filo ad un edificio ben più ampio, non visibile dalla strada, ma visibile con Google Earth o similari. E’ un grande quadrilatero senza sbocchi su strada, situato tra via Labicana, via San Giovanni, Piazza san Clemente e le suore. Era questo grande complesso, un tempo adibito a fabbrica di conserve alimentari e torrefazione (almeno, così m’hanno detto gli antichi abitanti), che avrebbe dovuto diventare un residence con 60 (sessanta) mini appartamenti. I lavori vanno a rilento ma vanno. L’ultima notizia che avevo sentito (anche qui: passaparola tra abitanti del quartiere, quindi nulla di certissimo) era che il palazzo sarebbe diventato sede di uffici e “scorporato” dall’edificio ex fabbrica. Cosa stia succedendo ora non saprei. Spero di saperne di più da qualche altro commento.

  2. residente says:

    Io lo butterei giù, come tutti i palazzi di via labicana, per allargare la carreggiata…

  3. Laura says:

    Come via labicana non è via da passeggio??? Prima abitavo a Santa croce e quanto mi manca la mia passeggiata quasi quotidiana da via di San quintino via labicana e il Colosseo sullo sfondo e ritorno! Bellissima

Inserisci un commento



(facoltativo)