Subscribe via RSS Feed

Le conseguenze dei Fori nell’Esquilino Sud


Nella parte Sud del Rione la chiusura al traffico privato di parte di Via dei Fori Imperiali ha portato delle conseguenze inaspettate, molto più impattanti di quelle che si stanno verificando su Via Merulana ad esempio. In zona Piazza di Porta San Giovanni, infatti, è stata consentita, per chi scende dall’Amba Aradan verso la Porta, la svolta a sinistra, prima vietata, verso Via Emanuele Filiberto. Questo fatto, unito alla quantità molto maggiore di vetture che girano per Via Domenico Fontana (l’unico modo di dirigersi “a est di Via Emanuele Filiberto essendo impossibile imboccare Viale Manzoni in direzione Colosseo), ha comportato una modifica dei tempi dei semafori che penalizza in maniera massiccia strade interne come Via Umberto Biancamano (nella foto) che ogni mattina è sotto pressione delle vetture le quali compongono una fila compatta da San Giovanni a Santa Croce in Gerusalemme. Ad ogni semaforo passano al massimo 6 auto e naturalmente la fila, lo smog, i clacson si sprecano. Urgono correttivi.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (11)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. bibi says:

    vogliamo parlare di via statilia , altro che via biancamano , le auto passano tutte su via statilia e , pedonalizzazione a parte , non si puo’ fare il gioco delle tre carte , tolgo il traffico qui e lo aumento automaticamente la’ …. Tutti hanno gli stessi diritti di avere strade sgombre , quindi o tutte ZTL o niente , ridistribuiamoci tutti il traffico

  2. Francesco says:

    Non è che uno po’ scendere in strada a protestare solo perchè il traffico è finito sotto casa sua e pretendere la solidarietà degli altri cittadini. Quasta è una città folle con una motorizzazione privata fuori controllo. Ecco le conseguenze. Vogliamo protestare per questo? Vogliamo chiedere più TPL, più preferenziali, più ciclabili e meno automobili? Ok, sono con voi! Però se volete solo che il traffico venga spostato sotto casa di qualcun altro allora sono affari vostri.

  3. Geppo says:

    Intanto evitare lo scellerato ritorno della sosta a spina su Merulana tratto Labicana – San Giovanni, si è ancora in tempo. Eppoi corsia riservata a centro carreggiata per 16 87 e 714, in modo che i bus finalmente diventino un’alternativa praticabile e veloce

  4. p@blito says:

    confermo che v. Statilia, soprattutto al mattino. e’ un delirio.
    le auto anche col verde non riescono a passare a causa delle auto bloccate lungo v.v.emanuele, e c’e’ un concerto di clacson…

  5. Anonymous says:

    a mo non vi piacciono più ,via e.filiberto la mattina è un delirio fino a san giovanni, per non parlare di via dello statuto e piazza vittorio e aspetto martedi quando ci sarà lo sciopero generale dei bus

  6. Lucia says:

    Si vede che gli abitanti di piazza Vittorio continuano ad essere i figli di nessuno, al di là e nonostante cambi di giunta. Ma come, finalmente c’è la tripletta (regione, comune, municipio) “monocolore” e il degrado continua imperturbabile, anzi sta aumentando? Ci ricordiamo le promesse su un decoroso ambulantato, sulla raccolta dell’immondizia, sui bagni pubblici e sul controllo degli ubriachi? A tutto questo si aggiunge il caos delle auto, i cosidetti artisti di strada cui – con la solita demagogia d’accatto della sinistra – è data la più ampia libertà di rendere ancora più rumoroso, sporco e caotico il centro (chi chiamiamo per misurare lo sforamento dei decibel, l’ARPA? Perché questa presa per i fondelli? Perchè??). Avete notato che sono aumentati i banchetti dei cartomanti, fini artisti dell’evasione fiscale? Nei politici nazionali nessuno sperava più nulla ma almeno che ci fosse uno spiraglio di realismo amministrativo e di rispetto per il solito demente cittadino! Si può sapere che cosa vi abbiamo fatto per dover essere così maltrattati e sbeffeggiati? Ditecelo e almeno qualcosa avrà un senso.

  7. Paolo says:

    Ogni mattina all’imbocco di via Fontana a partire dalle 8 si scatena l’inferno. Un inferno i cui gironi arrivano al semaforo di via Statilia e lungo tutta via Emanuele Filiberto. E tutte le mattine i vigili cercano di gestire l’ingestibile: un flusso enorme di veicoli di tutte le stazze e dimensioni che vogliono infilarsi nell’imvuto di via Fontana. La follia è permettere di girare a sinistra ai veicoli provenienti da Porta S. Giovanni, attraversando i binari del tram. Infatti quando c’era la barriera centrale tutto funzionava benissimo: invece adesso…

  8. marte says:

    Geppo – e chi per lui…: i bus non hanno bisogno di una corsia per andare veloci…venerdì, complice l’assenza di traffico su via Merulana, ne sono passati alcuni – e di quelli doppi, quindi ancora più “pesanti”… – anche a 70 km/h !! Ve lo immaginate se un bambino, una mamma con carrozzina, un anziano attraversano la strada un minimo distratti, o semplicemente lenti ?? Facciamogli pure la corsia per andare veloci…poi via Merulana la ribattezziamo Via Indianapolis !!

  9. Tramvinicyus says:

    Il Messaggero 30 Settembre 2013

    “….Il temporale ha inoltre costretto i vigili ad abbandonare temporaneamente la postazione in via dei Fori imperiali e così, per qualche minuto, la pedonalizzazione è stata messa da parte: auto e scooter circolavano come se il divieto non esistesse.”

    Tramvinicyus aggiunge: “…ai posteri l’ardua sentenza…”

  10. bibi says:

    bisognava avere il coraggio di pedonalizzare sul serio e non cambiare i sensi di marcia , prima o poi ci si abituava e si trovavano delle soluzioni migliori sicuramente di quelle propinateci dall’ assessore al traffico ……

  11. Anonimo says:

    D’accordo con marte.

    Aggiungo che una preferenziale sulla Merulana richiederebbe attraversamenti pedonali esclusivamente regolati da semafori, e in definitiva ucciderebbe via Merulana strada di passeggio come la conosciamo (o la vorremmo), rendendola uno stradone di scorrimento.

    Facciamocene una ragione: tocca limitare gli autobus turistici e tornare a UNA corsia per senso di marcia, vietando l’immissione Labicana->Merulana.

Inserisci un commento



(facoltativo)