Subscribe via RSS Feed

50 auto fisse in divieto di sosta. Ecco il vero problema di Via Merulana


Hai voglia a mandare un branco di avanzi di galera ad attraversare la strada, a provocare i vigili, ad aggredire gli automobilisti per far vedere che c’è casino visto che questo casino, nonostante mesi e mesi di gufate, non si crea. Il problema di Via Merulana non è la ‘pedonalizzazione’ dei Fori, non è il troppo traffico o il poco traffico. E’ solamente la sosta selvaggia. L’altro giorno, mentre abbiamo girato questo filmato, i Vigili c’erano: 2 vigili per una somma di almeno cinquanta auto in divieto a rotazione. Una lotta impari. Ne facevano togliere una e se ne rimetteva un’altra: come le mosche sulla cacca. Ecco perché è necessario intervenire in maniera più massiccia su questa strada. Ecco perché ci vorrebbe un progetto di amplissimo respiro per Via Merulana: eliminazione totale della sosta, allargamento monster dei marciapiedi, spazio al centro solo per due corsie per sento di marcia di flussi veicolari e piazzole per i bus Atac e basta. Via Merulana con questo semplice intervento diventerebbe la strada più commerciale di Roma. Più di Via Condotti. Questo dovrebbero chiedere i commercianti, non il ritorno della sosta a spina che ruba spazio alla carreggiata e fa tornare la strada nella congestione, congestione che è sparita da quando c’è la nuova disciplina.
Nel frattempo, però, multe a strascico e telecamere.

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (9)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Marco says:

    “…ci vorrebbe un progetto di amplissimo respiro per Via Merulana” finanziato con 500 multe al giorno solo in quella strada. Tra 6 mesi partirebbero i cantieri.

  2. ANONIMO says:

    ancora una volta la responsabilità è della polizia municipale andrebbero perseguiti penalmente per omissione di atti d’ufficio non c’è alternativa. comunque a proposito di degrado assodato che i vigili proprio non riescono ad applicare la legge in via merulana, vi invito a fare un giro nelle traverse limitrofe tipo via buonarroti che definire una latrina a cielo aperto è dire poco, tipo incrocio via poliziano via botta con le macchine parcheggiate in maniera criminale, tipo il piazzale delle terme di traiano ecc ecc ecc

  3. Francesco says:

    Ragazzi, la carta imbrattata dai pennivendoli di Caltagirone è buona solo per incartare le uova (e per poche altre funzioni).
    Su questa storia di Via Merulana al Messaggero ogni giorno riescono a superarsi. Il coatto che si è messo a fare casino e a insultare i vigili descritto con “il volto gentile di un nonno, con barba sale e pepe e occhiali spessi”. Senza vergogna.

  4. Stefy says:

    No dai, non mi dite che ce ancora gente che compra il Messaggero.
    Ormai bar di infimo livello a parte e qualche vecchietto rincoglionito, quella cartaccia non la compra più nessuno

  5. red says:

    messaggero o no ieri mattina alle nove via emanuele filiberto era un delirio in entrambi i sensi e pure via labicana, questa roba fatta cosi non funziona, i vigili dopo il servizio agli incroci spariscono hanno finito il turno

  6. gicci says:

    E poi, anche se si volessero fare le “multe a strascico” che cosa resterebbe nella rete del Comune di Roma ?

    L’anno scorso, a Roma, il Comune aveva messo in bilancio un incasso di 281 milioni di euro dalle vecchie multe per le infrazioni stradali. Ne sono stati incassati appena 14, tanto che la giunta, a metà maggio, ha deciso di accantonare altri 85 milioni di euro sul fondo per la svalutazione dei crediti, vista «la comprovata difficoltà di incasso di tali proventi».
    (da il Corriere della Sera del 6 giugno 2013)

    Purtroppo a Roma funzionano solo gli ostacoli fisici… ce devono anna’ a sbatte !

  7. Geppo says:

    Occorre aumentare le multe collegate alle rimozioni, se devono farsi ridare la maghina vedrai i furbastri come pagano e alla svelta pure. Su Merulana più che un allargamento monstre dei marciapiedi vedrei meglio una corsia riservata, da tracciare in mezzeria della strada e protetta da cordoli fisici e telecamere. I bus ci guadagnerebbero 10minuti secchi di percorrenza su tutte le linee in transito

  8. Mauro Rossi says:

    Occorre, occorre e occorre….hai voglia a scrivere e denunciare, qui è da tempo che ne parliamo e non cambia nulla. Sono 26 anni che percorre in auto, tutte le mattine, via di S. Croce in Gerusalemme e puntualmente ci sono sempre le stesse auto in doppia fila perchè gli occupanti se ne stanno al bar a fare colazione.
    E indovinate un pò a chi appartengono le auto in sosta selvaggia.

  9. Anonimo says:

    “spazio al centro solo per due corsie per senso di marcia di flussi veicolari”

    Perché “solo”? Così le corsie aumentano. Ora sono due in una direzione e una nell’altra. Quel che serve è tornare a UNA corsia per senso di marcia, bloccare l’ingresso da via Labicana, limitare se non azzerare bus turistici e per Fiumicino.

Inserisci un commento



(facoltativo)