Subscribe via RSS Feed

Dieci punti sull’incivile protesta dei commercianti di Via Merulana

1- Non esistono conseguenze sul traffico: in queste zone il traffico era sostenuto e rimarrà sostenuto; anzi è probabile che vista la nuova disciplina molti che utilizzavano Fori\Labicana\Manzoni\Merulana per ‘tagliare’ alcuni tragitti oggi passino altrove, facendo dei giri tangenziali più larghi.

2- Non è vero che Via Merulana diventerebbe un incubo, perché Via Merulana era già un incubo da anni e anni. Essendo già un incubo, a seguito di notevoli cambiamenti, la sua situazione potrebbe esclusivamente migliorare: peggiorare è impossibile.

3- L’unica preoccupazione dei commercianti è che la nuova disciplina salterebbe e creerebbe problemi in presenza di ostacoli ai flussi e la doppia fila è un ostacolo notevole ai flussi: il peggiore ostacolo possibile. Ecco perché per evitare che tutto il gioco vada a gambe all’aria finalmente l’amministrazione comunale dovrà combattere questo malcostume. Combattere un malcostume è tuttavia cosa positiva e non negativa.

4- Affermare, come ha fatto il direttore del Panificio Panella, che a seguito di questo “qualcuno farà del male al sindaco con la sua bicicletta” rappresenta una intimidazione mafiosa. Perché i giornali danno credito e ascolto a chi fa intimidazioni mafiose?

5- Affermare, come ha fatto la proprietaria del Panificio Panella neppure 24 ore dopo l’inizio della sperimentazione dei “Fori Pedonali”, che gli affari stanno scemando del 25% rispetto allo scorso anno non ha nessuna credibilità poiché rilevazioni percentuali e statistiche non si possono fare in questo modo. Perché i giornali danno credito a questi numeri semplicemente ridicoli?
Parlando in generale è del tutto evidente che il commercio a Roma sta morendo, malamente, proprio a causa della sosta selvaggia che allontana i romani e i clienti migliori e inorridisce i turisti. La sosta selvaggia è parte del problema, non è la soluzione.

6- Il Panificio Panella come molti altri esercizi commerciali dell’area probabilmente perderanno parte della clientela abituata a vivere in doppia fila a scapito dei cittadini onesti, ma guadagneranno un nuova clientela che non frequentava Via Merulana perché non accettava di fare acquisti in un girone infernale di smog, clacson, sosta selvaggia, pericoli per la circolazione.

7- Se il delta tra clienti perduti e clienti acquisiti penderà a favore dei clienti perduti non vorrà assolutamente dire che i negozi stanno guadagnando meno di quanto si meritano, vorrà dire al contrario che i negozi prima guadagnavano, non regolarmente, di più del dovuto. Ergo si tratta di una semplice riconduzione alla normalità ed alla correttezza. Chi lucra guadagni su clienti che si comportano in maniera incivile fa concorrenza sleale, ad esempio, a esercizi commerciali di vicinato dove finalmente i cafoni della doppia fila torneranno ad andare ad acquistare o a esercizi che non dispongono, da vanti, di uno spazio ampio da occupare abusivamente.

8- Peraltro qualsiasi delta di mancati guadagni andrebbe dimostrato non dalle parole dei commercianti, ma da una indagine seria: confrontare, con la presenza di un ispettore, gli incassi di una settimana oggi con quelli di una settimana del 2012 monitorando che nella settimana attuale tutte le transazioni vengano regolarmente battute in cassa con scontrino e poi raffrontando. Avremmo delle sorprese e probabilmente potremmo parlare di un aumento di incassi assai considerevole

9- Tornando al Panificio Panella occorre sottolineare che, pur avendo costantemente progredito, anche grazie alla qualità quasi sempre elevata dei suoi prodotti, ha avuto un autentico boom solo da quando la strada che lo fiancheggiava è stata pedonalizzata e questo ha permesso al negozio di potersi trasformare in un esercizio di somministrazione con grande profusione di tavolini all’esterno. Dunque quando le pedonalizzazioni servono per mettere i tavolini e moltiplicare i propri guadagni vanno bene, quando invece servono a salvaguardare i nostri monumenti o a combattere le odiose abitudini dei nostri clienti allora apriti cielo, vero? Un comportamento inaccettabile, indifendibile, antisociale.

10- Purtroppo i giornali, specie il Messaggero che sta facendo un gioco sporchissimo sulla Pedonalizzazione dei Fori per tenere in tensione l’amministrazione visto che il proprietario del giornale ha degli interessi immobiliari nella zona che è stata individuata per la nuova discarica sull’Ardeatina, stanno dando voce solo ai comitati del no: come abbiamo dimostrato anche in un articolo di qualche giorno fa argomentazioni surreali, campate in aria, terroristiche. Noi invece ci auguriamo che il Comune non molli assolutamente, sarebbe un segnale terribile chinare il capo davanti a commercianti premoderni, che non avrebbero spazio in nessuna città del mondo, che arrivano a lamentarsi perché i Vigili Urbani fanno rispettare il codice della strada. Anzi il Comune rilanci: i pochi posti auto rimasti a Via Merulana non servono a nulla e a nessuno se non a generare il caos. La strada è stupenda e sarebbe un impeccabile boulevard europeo se solo si eliminasse la sosta, si lasciasse al centro un po’ di spazio per le auto e si allargassero massicciamente i marciapiedi. Ovviamente il commercio moltiplicherebbe – altro che diminuire – i propri incassi, ma per i commercianti che non capiranno questo ci sarà la possiblità di spostarsi. Il commercio è mobile per natura: se non ci sono più le condizioni in una zona, cambi zona. Se la tua fortuna economica dipende non dalla qualità del tuo prodotto bensì dalla possibilità o non-possibilità che i tuoi clienti hanno di violare le regole di civiltà allora sposta la tua salumeria, la tua gelateria, il tuo forno sulla Tibbburtina o sulla Boccea e lascia respirare Via Merulana: al tuo posto arriveranno investitori e commercianti che comprenderanno il valore del luogo al posto tuo. È il commercio, bellezza.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (64)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. toffee says:

    parlo da residente in viale manzoni…. io sono a favore della pedonalizzazione… vivere in queste vie è un incubo anche se non devi uscire di casa… i clacson gli ingorghi ti fanno compagnia da quando ti svegli a quando vai a dormire! siamo il primo municipio… e come per il centro storico c’è lo ztl e il NON permesso ad entrare con le auto .. idem deve essere per la zona intorno al colosseo… è un incubo dover vivere li.. e stare a girare ore e ore perchè c’è gente che si ferma anche in tripla fila per comprare il giornale.. io abito alla fine di viale manzoni (quasi all’incrocio con via giolitti)… chi ci passa sa che li è un incubo… la strada è ridotta a una corsia.. e viale manzoni è enorme! ben venga la pedonalizzazione… certo è vero che i mezzi pubblici vanno intensificati… altrimenti non c’è speranza di fare un buon lavoro… e poi parliamoci chiaro chi viene dalla periferia parcheggia la macchina altrove.. appena trova un fermata bus o metro che ti porta al centro.. così come quando si vuole andare in centro… dove la lasci la macchina!? sarà un ingorgo via merulana? beh dopo un mese qualcuno troverà alternative… via labicana era un incubo anche prima per farla… la mattina anche 20 minuti fermi… via merulana poi nn ne parliamo.. il caos c’è sempre stato e sempre ci sarà

  2. pippo says:

    allora ZTL come nel cuore di Roma e accesso dentro le mura ai soli residenti .

  3. c. says:

    le pedonalizzazioni per essere vere devono permettere accesso ai soli residenti e quindi va istituita la ZTL in tutto l’Esquilino e creati parcheggi di scambio fuori le mura collegati con i mezzi pubblici ….. Magari !

  4. pippo says:

    mi sta bene che l’accesso sia dato anche ai commercianti dell’Esquilino nelle ore di apertura e pagando ticket o abbonamento mensile . Ma niente accesso a chi all’Esquilino ci lavora , niente benefit neppure ai dipendenti della asl e del municipio , consiglieri compresi ….. Tutti in bici o bus o piedi

  5. pippo says:

    naturalmente accesso ai commercianti per una sola auto …..

  6. bubi says:

    destinare l’enorme edificio ex inpdap a via santa croce in gerusalemme angolo via statilia ad un mega parcheggio multipiano …….

  7. Geppo says:

    Potenziamento delle frequenze x chi deve arrivare all’Esquilino col bus, potenziamento delle tariffe per i signori che vorranno arrivare in auto coi loro SUV (e che per questa comodità dovranno pagare il parcheggio a prezzo reale di mercato), e potenziamento del car sharing in modo che i residenti dell’Esquilino possano avere l’auto pubblica quando gli erve senza doverne per forza comprare una propria

  8. c. says:

    ben detto geppo . Purtroppo nessuno ascolta le proposte sensate e non si crea un dialogo costruttivo . E cosi’ l’esquilino perde identita’e acquista degrado

  9. Anonymus says:

    No Bubi! Non sono d’accordo. Un parcheggio multipiano serve solo ad attrarre traffico!
    Va bene solamente in caso di ZTL per 24 ore, potrebbero parcheggiarci i residenti e liberare le strade! Comunque meglio è potenziare bus e car sharing … No all’aumento delle tariffe parcheggio: semplicemente impedire il parcheggio ai non residenti.

  10. bubi says:

    il parcheggio multipiano per residenti , ovviamente!

  11. Rumenta says:

    semplicemente, all’interno delle mura aureliane non dovrebbero più circolare mezzi privati. Magari con un’esclusiva eccezione fra castro pretorio e via giolitti, giusto per permettere una fruizione più decente della stazione ferroviaria.

    Andando incontro alle esigenze degli automobilisti si ottengono più automobilisti. E i residenti che fanno? Come si fa a Manhattan, non ci si compra l’automobile e ci si sposta ugualmente, in taxi magari (anche perché fra costo del veicolo e manutenzione dello stesso e carburante, hai voglia a taxi).

    Roba è una città unica, di conseguenza ricette altrimenti valide in altri contesti non sono applicabili. L’imperativo è che Roma vada salvaguardata e sfruttata dal punto di vista turistico. Togliere le macchine private è solo il primo passo. Poi se a qualcuno non piace vivere in quartiere-parco-archeologico-pedonale, può sempre trasferirsi in zone più consone alle sue necessità.

  12. Francesco says:

    Da un residente di via Giovanni Lanza (incrocio via Merulana/via dello Statuto) GRAZIE per questo articolo, che mette su “carta” i pensieri che affioravano alla mia mente ogni volta che mi capitava sotto agli occhi uno degli N articoli diffamatori su questo cambiamento.

  13. Saverio says:

    Ma la foto che hanno messo in questo articolo inganna. Alla manifestazione ci stavano 4 gatti, invece in questa foto si vede qualche altra manifestazione in cui la strada e’ piena.

  14. Josef says:

    Voi tutti avete ragione ma vi dimenticate una cosa piu importanti delle vostre macchine del vostro parcheggio avete mai attraversato via labicana con i new jersey.qui la situazione e dramatico in vista della sicurezza.vi elenco.
    Anziani anticappati giovani touristi bambini.senza un semaforo che spezza la corsa delle macchine.anche i dorsi aiuterebbero.marciapiede di140 cm e non come da voi 300 e protteti dalle macchine parcheggiate e voi tutti parlate delle problematiche che in confronto a questo e niente.grazie

Inserisci un commento



(facoltativo)