Subscribe via RSS Feed

Pisciare in pieno giorno in mezzo a Piazza Vittorio? Si può


Qualche foto che ci consente di fare il ‘tagliando’ alla situazione dei giardini di Piazza Vittorio. Mentre all’esterno procede uno scandaloso cantiere che, finanziato con alcune centinaia di migliaia di euro, si limita a posare le guide a terra per i non vedenti (sistematicamente interrotte dalle bancarelle) senza risolvere i veri problemi dei marciapiedi circostanti l’area verde ovvero la sosta selvaggia che ingombra addirittura tutti i golfi di accesso al giardino rendendo impossibile o difficoltoso l’accesso, mentre questo accade all’esterno, dicevamo, all’interno ecco le foto.
Uomini che pisciano all’ora di pranzo sulle siepi. Aree adibite a bivacco per la siesta. Bambini che si dilettano su giostre pericolanti. Le solite scene Bagdad-style nel cuore della Capitale d’Italia.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (29)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. antipop says:

    è così sempre, a tutte le ore, e non solo dentro la piazza ma in molte vie limitrofe. in alcuni punti il tanfo è così insopportabile che si è costretti a cambiare strada per non vomitare. una volta ho incredibilmente incrociato due poliziotti di quartiere e gli ho chiesto se avessero intenzione di fare qualcosa: mi hanno gentilmente risposto che no, non si può fare nulla. multare queste persone secondo loro sarebbe inutile.

  2. oronzo says:

    Non si tratta di essere razzisti, ma uìin qualunque Paese del mondo certe cose non sarebbero tollerate perchè la civiltà non lo permette. D’altro canto i bivaccatori nullafacenti non sono solo extracomunitari ma ,ahimé, prci comunitari che trovano qui il permesso di fare tutto, dalla piccola alla grande delinquenza. Roma Capitale dello schifo.

  3. pippo says:

    la puzza di piscio e non solo e’ intorno alla piazza e ovunque c’e’ una fontanella e dei cassonetti

  4. Anonymous says:

    Basterebbe poco per evitare pisciate e bivacchi nei parchi:
    https://www.youtube.com/watch?v=LJxqweBiTQc

  5. Anonymous says:

    ditelo all’assessora omonima di marino che viniva a comiziare nei giardini senno scrivete a chi l’ha visto

  6. ANONIMO says:

    ieri all’ora di pranzo saranno stati un centinaio, non sto esagerando, il giardino praticamente non esiste più.
    chevvolete purtroppo il poliziotto di quartiere o come lo chiamavano i fascio-berlusconidi 10 anni fa (la destra della tolleranza zero e dei clandestini), purtroppo aveva problemi alla vista e in anni di ronde sotto i portici ha dimenticato il giardino…

  7. antipop says:

    ii giardini di piazza vittorio sono una terra di nessuno dove può succedere di tutto. qualche settimana fa ho visto un tizio che dopo aver raccolto un po’ di rami secchi ha accesso un fuoco e si è messo a cucinare un pollo

  8. giampaolo says:

    non a caso la scena del video è girata al parchetto di piazza dante…altro simbolo del degrado e di come si sia lasciato in mano di veri e propri vandali le aree verdi del quartiere…e poi dobbiamo sentire discorsi dai tanti politucoli cittadini sull’importanza di “riqualificare le aree verdi della città”. Inutile sottolineare la mancanza di cultura delle persone fotografate, le stesse che prendono ogni angolo di strada poco illuminato o gli spazi tra i cassonetti come bagno pubblico.

  9. Roberto says:

    il problema della pipi nella piazza è un problema concreto e reale. la puzza e i rivoli di pipi che scendono dai muretti deturpano la piazza. posto che credo (purtroppo) sia inutile multare chi lo fa (spesso si tratta di senza tetto che chiaramente non possono pagare) mi chiedo anche dove facciano pipi tutti quelli che lavorano nella piazza (ad esempio i bancarellari). sarebbe bello che tutti imparassero la buona educazione ma credo che l’unica soluzione fattibile sia di installare dei bagni chimici gratuiti in qualche via laterale.

  10. marte says:

    ma si, certo…e già che ci siamo, oltre ai bagni diamogli anche una camera per dormire, e magari un pò di soldi per campare, e già che ci siamo – perché no – una donna per non sentirsi soli….avete provato voi a fare una cosa del genere a Madrid, o a Vienna, o a Londra ? Provateci, poi mi fate sapere se vi offrono i bagni pubblici o la galera !

  11. ex residente says:

    Io abito al Pigneto e le strade sono delle vere e proprie latrine a cielo aperto, forse anche peggio di piazza Vittorio e dintorni. Il problema principale è che l’Ama non pulisce le strade come dovrebbe (cioè con l’idrante) e ciò andrebbe fatto tutti i giorni, specie nelle zone di movida o frequentate da molti senzatetto (es. le zone intorno a Termini). Se però chiami l’ama al telefono e ti incazzi poi vengono a pulire. Insomma a quanto pare la pulizia delle strade funziona su richiesta, altrimenti possono passare mesi.

  12. Anonymous says:

    ma di che vi state a lamentare intanto ci pedonalizzano i fori …….e ci mandano tutto il traffico da noi

  13. giampaolo says:

    Esatto ex residente, l’ama va chiamata e bisogna incazzarsi al telefono w allora poi passano a pulire. Il numero verde è 800867035

  14. Giorgio M olli says:

    ..propongo un “piscia day” sono certo che allora interverranno le forze dell’ordine e di fronte a normali cittadini troveranno reati da contestare!

  15. Roberto says:

    per risolvere i problemi bisogna avere un atteggiamento concreto. i senza tetto e gli ambulanti che non hanno un posto dove urinare, la fanno per strada. mi pare chiaro che non si possono multare, non si possono cacciare, non si possono picchiare, l’unica cosa è dargli un bagno pubblico gratuito. poi se vogliamo continuare a pensare “questi dovrebbero tornare a casa loro”, che cambiano le leggi sull’immigrazione, che se ne vadano spontaneamente o che miracolosamente imparino le norme igieniche, nel frattempo respiriamoci l’odore di urina!

  16. DiPiazzaVittorio says:

    Io non voglio tollerare i ‘poveri senzacasa’ che sono obbligati a urinare davanti a tutti. Urinare è il meno, questa gente è in Italia senza nessun diritto, senza lavoro e senza speranza. Sicuramente facevano lo stesso nei parchi a casa loro, solo che ora ce li dobbiamo subire noi. Negli altri paesi, quelli civili, se non hai casa, lavoro o mezzi di sostentamento vieni rimandato a casa. Se non sbaglio ci dovrebbe essere, uso il condizionale, una legge della Repubblica che vieta di pisciare in giro; se magari le applichiamo in maniera concreta forse piazza Vittorio torna ad essere un luogo vivibile e civile.

  17. Luis says:

    Sì vabbè, fossero solo i bengalesi che pisciano. Non parliamo di quello che combinano i romani con le loro macchine, motorini, monnezza gettata ovunque, ecomostri, periferie immonde, centri commerciali inutili e quant’altro. La civiltà manca in primis ai romani e addirittura la si pretende dagli immigrati provenienti da paesi sgangherati quali Bangladesh e Sri Lanka. Ma per favore!

  18. Tramvinicyus says:

    @ Luis, capisci Luis è proprio qui, con quelli come te che perdiamo, con una mentalità come la tua? Riesci a separare il danno che fa uno che piscia per strada da uno che parcheggia sulla fermata dell’85? No eh? Non c’è speranza.
    E allora decidi tu, teniamoci il tuo mondo di Fata Boldrina e Biddibiboddibiliciacolò, quello che è sempre così obsoletamente perdonista, buonista con tutti da fare venire la nausa. Teniamoci il tuo mondo fatto sempre di tolleranza a tutto spiano, che poi è la più falsa, perché non esiste l’uomo incapace di condannare se è un minimo in grado di intendere e di volere.
    Teniamoci questa tua totale incapacità di giudicare, vergogna nel dichiare di desiderare un minimo di repressione.
    Quanto siete, ipocriti, sempre pronti a far notare ciò che sbagliamo noi romani senza mai vedere il danno che fa chi è troglodita (come lo definiresti uno che piscia per strada strafatto?).
    Giudica tu, se ho votato Marino e mi sono pentito, se sono di SEL, se sono un nazional-socialista represso, fai tu, sei tu il padrone.
    Se proprio mi scappa e non c’è un bar nei pressi, credimi, ringrazio iddio ogni giorno di essere nato maschio, ma sai non per altro….proprio per la comodità di poterla fare addosso a un muro, ma almeno mi cerco una pianta che mi copra, cerco un luogo nascosto il più possibile, certo non vado col pannolone (non ancora almeno).
    Non mi metto a pisciare davanti a tutti senza che mi sia rimasto addosso un briciolo di dignità umana.
    Buon Mondo Luis, davvero tanti auguri.

  19. giampaolo says:

    luis scusa se te lo dico ma è proprio il classico commento benaltrista. Siccome ci sono le periferie immonde allora possiamo tutti pisciare per strada?o siccome ci sono problemi più importanti non dobbiamo preoccuparci se le strade diventano latrine?

  20. sebastian says:

    Piazza Vittorio e i Portici sono splendidi e dovrebbero essere goduti maggiormente dal cittadino ma purtroppo molta gente è abituata a convivere con la sozzura, sembra normale tutto il lerciume possibile e allora anche in questi posti possiamo assistere a tutto ciò che di più schifoso ci possa essere e senza reagire in alcun modo!
    La Polizia invece di stare agl’ingressi deve controllare l’interno e MANGANELLARE chi viene trovato a pisciare davanti ai bambini oppure sdraiato sulla panchina totalmente bevuto!
    C’è da fare solo questo e basta! E non venitemi ancora a parlare di tolleranza e razzismo!
    PUGNO DI FERRO!!!

  21. Anonymous says:

    ma esquilinotizie che fa non parla piu?

  22. Paolo says:

    C’è una raccolta firme in corso per adibire la casetta AMA a bagni pubblici, come quelli di Villa Celimontana. Un piccolo contributo per la pulizia – non tutti sono senza soldi in tasca! – e il problema di dovrebbe risolvere. Allo stesso tempo però va istituito un sistema di sorveglianza del giardino, magari ricorrendo ai volontari (come accade per il giardino dell’Acquario a Piazza Manfredo fanti).
    Si può firmare all’edicola, alla libreria su via Emanuele Filiberto o da Selli.
    Nel frattempo scriviamo al Comune e ed al Municipio affinché si provveda a sistemare l’area giochi il prima possibile. E’ più di due mesi che è in queste condizioni!

  23. giampaolo says:

    grazie per l’informazione Paolo!

  24. DiPiazzaVittorio says:

    Aderisco all’idea delle manganellate, siamo molto vicini al limite di sopportazione.

  25. ANONIMO says:

    propongo di aprire un campeggio gratuito per giovani italiani studenti disoccupati precari che non possono pagarsi le vacanze.
    tutti a colle oppio vicino al magnifico colosseo.
    non lo sapevate ma è stato appena inaugurato il maxi-camping “domus aurea” gratuito e aperto a tutti.
    accorrete prima che vadano esauriti tutti i posti

  26. Roberto says:

    Proporre le MANGANELLATE è una soluzione illegale (ovvio) e quindi è una non-soluzione che porta a non risolvere i problemi e ha come unica conseguenza quella di continuare a vivere con la puzza di pipì. Così come non è il sindaco o il mini-sindaco responsabile delle leggi sull’immigrazione, quindi è inutile discorrere sul fatto che gli immigrati ci siano oppure no, non è una cosa che ricade nella nostra sfera d’azione. quello che possiamo fare noi è costruire un bagno pubblico, non rivedere la politica estera del Paese.

  27. Claudio says:

    anche in prossimità di Piramide, dove abito la puzza di piscio è insopportabile. Vedo gente in pieno giorno urinare in qual che resta dei giardini di fronte alla Stazione Roma OStia.

  28. lu says:

    Aggiungerei che anche i poveri resti delle mura serviane inglobate a lato dell’Auditorium di Mecenate a Largo Leopardi sono uno dei vespasiani preferiti. Quando si passa lì davanti spesso e volentieri l’olezzo e la macchia ormai fissa di urina la fanno da padrone. Che tristezza….

Inserisci un commento



(facoltativo)