Subscribe via RSS Feed

Ricettatori e mercato di roba rubata nel parco di Carlo Felice. E ci hanno pure aggredito

Dopo le numerose segnalazioni dei giorni scorsi, nella mattinata di ieri ci siamo decisi di andare a verificare e, effettivamente, abbiamo riscontrato quello che i cittadini ci sollecitavano di documentare: dentro (dentro!) al Giardino di Via Carlo Felice, di fronte al chiosco-bar e di fianco ai giochi per i bambini, al mattino si allestisce un povero e fatiscente mercatino di roba usata, prelevata dai cassonetti, rubata.
Ricettazione in piena regola, a quanto pare. Con stranieri che vendono e italiani (i veri ricettatori?) che coordinano. E proprio uno di questi italiani ci ha interrotto e iniziato a insultare mentre stavamo, senza dir nulla a nessuno, filmando la situazione nel video che pubblichiamo qui e che, appunto, è interrotto alla fine dall’inizio dell’aggressione. Hanno cercato di strapparci il cellulare, ci hanno circondati, ci hanno urlato contro, ci hanno detto che per riprendere e filmare in un parco occorreva l’autorizzazione (?), ci hanno detto che avevamo fatto un reato molto più grave di quello che facevano i venditori.
Al ché abbiamo proposto di chiamare la Polizia: se avevamo fatto un reato era giusto farcelo notificare dalle forze dell’ordine. Ma non hanno acconsentito a chiamarla, strano no? E’ indice, ad ogni modo, di come questa gente ormai si senta padrona del parco: è roba loro, è evidente che si sentono protetti, delle tante persone che stavano bevendo qualcosa al chiosco-bar nessuna si è degnata di alzarsi in segno di solidarietà durante l’aggressione. Lo stesso gestore del chiosco-bar (che ha avuto la concessione a patto di garantire il decoro dell’area, pensa tu…) alla fine del parapiglia ha dato il suo contributo di omertà: “per te va tutto bene, vero?”, gli abbiamo chiesto. “Va tutto bene cosa?” ci ha risposto con l’espressione di uno che nulla aveva visto di quello che era avvenuto a circa tre metri dai suoi occhi per un bel quarto d’ora. Qualche cittadino poi, di nascosto, ci è venuto a spiegare – chissà che è vero – che i gestori del chiosco sono sotto minaccia: “se ci fai sgombrare ti bruciamo il bar”. Francamente non facciamo fatica a crederlo…

Il Parco lineare di Via Carlo Felice, realizzato per il Giubileo con soldi nostri, provenienti dalle nostre tasse, unisce due importantissime aree basilicali: Santa Croce in Gerusalemme e San Giovanni in Laterano. E’ percorso ogni giorno da migliaia di turisti e pellegrini e, specie al pomeriggio e durante i finesettimana, è pieno di un gran brulicare di bambini che giocano. Chissà cosa ne pensano i genitori e i nonni: è corretto portare a giocare i bambini nello stesso luogo dove qualche ora prima si vendono mercanzie prelevate dai cassonetti tra pidocchi, pulci, germi e sorci?

La situazione si verifica da anni. Prima fuori, sul marciapiede di Via Carlo Felice. Si mettevano li in decine fintanto che riuscimmo, con grande sforzo, ad ottenere un presidio fisso delle forze dell’ordine. Allora la ricettazione si spostò subito fuori le mura, su Viale Castrense. Ora sono tornati e si sono posizionati addirittura all’interno dell’area verde. Incredibile.

I venditori ci hanno urlato, minacciosi ad un millimetro dalla nostra faccia, che con questa crisi non potevamo andargli a rompere le scatole. Benché non avessimo detto loro nulla ne fatto altro che un video che, come abbiamo cercato di spiegargli, era solo un video turistico, così per inquadrare mura romane e basiliche barocche. Secondo loro la crisi è la causa del degrado e dunque il degrado non può essere combattuto. La realtà è tutta al contrario: il degrado ha causato la crisi, ecco perché va debellato quanto prima. Ci appelliamo alle forze dell’ordine ed alla nuova presidente del I Municipio oltre che a tutti i consiglieri municipali che abbiano ancora voglia di risolvere i problemi.

POST SCRIPTUM. Il video, come vedrete, si ferma nell’esatto istante in cui inizia l’aggressione e in cui, cercando di sfilarci il telefonino, i ‘signori’ in questione spengono la registrazione.

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (44)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Caterpillar says:

    gli hai detto che è rapina appena ti sfilano un oggetto di tua proprietà?

  2. Caterpillar says:

    Comunque son le solite scuse da quattro soldi dei delinquentelli di mezza tacca che vivono di espedienti.

  3. cacioppo says:

    IO A CASA MIA FILMO QUELLO CHE VOGLIO E SE NON TE STA BENE TE DO’ PURE NA CAPOCCIATA! EXTRACOMUNITARI A CASA!!!!!!!!!

  4. Anonymous says:

    Piena solidarietà al blogger.

  5. oronzo says:

    Tutta la mia solidarietà a Tonelli, una delle poche persone coraggiose del quartiere, abbandonato dalle istituzioni alla mercè del peggio che si possa trovare in una città che osa definirsi capitale

  6. Franco Quaranta says:

    Innanzitutto la mia solidarietà,però ti consiglio di stare più attento perchè questa è gente che non ha nulla da perdere.

    Questo non è più un problema di decoro ma di ordine pubblico.

    Il Prefetto e il Capo della Polizia conoscono bene la situazione perchè ormai questi “mercatini” spaventosi sorgono in tutta la città. A via Andrea Doria per esempio c’è la stessa situazione e la presidente De Giusti in persona si rivolse alle autorità di P.S. per debellare il fenomeno che è stato attenuato ma non è certo sparito

    D’altronde se si tollera la presenza di migliaia di recuperanti è evidente che costoro si sentono ormai sicuri di poter fare il comodo loro e di trasformare Roma in un grande letamaio.

    Per non parlare del problema dei loro accampamenti abusivi nei parchi che comporta spese pubbliche enormi per gli sgomberi e la pulizia delle TONNELLATE di immondizia che viene abbandonata in mezzo al verde urbano.

    Abbiamo fatto le nostre proposte operative come movimenti anti-degrado al neo-sindaco Marino.

    Speriamo che anche lui non ceda presto alla retorica buonista ma molto pelosa viste le decine di milioni di € che il Comune spende ogni anno per “integrare” queste persone tramite ONLUS “caritatevoli”

  7. Anonymous says:

    ecco quello che combinano le onlus caritatevoli e certa sinistra bigotta !!!

  8. Marco says:

    Piena solidarietà al blogger. Le onlus caritatevoli per favore lasciatele in pace, che non c’entrano niente con queste cose qua

  9. Magica says:

    Ma non vanno denunciati per occupazione di suolo pubblico ?
    Dovrebbe intervenire la polizia municipale (figurati … ma quando ?!?!) sequestrargli tutto e denunciarli appunto

  10. Franco Quaranta says:

    @ Marco

    e invece c’entrano e come.
    Documentati bene su quanto spende il Comune da ANNI per l’assistenza agli emarginati e ai nomadi e DOPO valuta serenamente i risultati.
    Come per le continue richieste di soldi per le crisi internazionali la cultura dell’”emergenza continua” crea enormi business.
    Ci saranno o no motivi per cui scene allucinanti come queste a Parigi e in qualsiasi città europea non le vedi?
    O vengono tutti qui solo perchè fa più caldo e ci si può accampare nei parchi?

  11. claudio says:

    Mi domando, cosa potrebbero fare attivamente i cittadini per farsi valere? Come scoraggiare nello specifico la presenza di questi bipedi stile mercato nero del dopoguerra? Forse 70 anni fa li avrebbero scoraggiati con metodi spicci..però tra la pletora di manifestazioni romane si potrebbero organizzare delle belle riunioni di cittadini numerosi et incazzati in loco. A una singola persona fanno paura..ma se ogni tanto ti arrivano decine di persone alterate..l’unione fa la forza si diceva una volta

  12. Patrizio says:

    Piena solidarietà Massimiliano, speriamo almeno che questa tua disavventura serve per spingere chi di dovere ad interventi RISOLUTIVI, non solo i soliti interventi tampone ed in emergenza.

  13. mario says:

    Solidarietà all’autore del video, penso che è stato anche fortunato a non essersi beccato una puncicata o ad esser pestato da questi subumani.
    Speriamo soltanto che il sindaco possa provare a fare qualcosa per arginare questo problema e restituire la piazza alla gente perbene, ma la vedo dura visti i comunisti ripuliti ed i radical chic in consiglio.

  14. pippo says:

    la colpa è di chi compra quella roba…., è come : le prostitute esercitano perchè hanno i clienti , italiani e isospettabili…

  15. Anonymous says:

    BASTA!!! QUESTE PORCHERIE SI VEDONO SOLO A ROMA! E’ ORA DI DIRE UN SONORO BASTA!!!!!

  16. cesare dornetti says:

    la solidarietà al blogger è doverosa e scontata: non è accettabile che chiunque possa essere aggredito perchè scatta una foto o gira un video in uno spazio pubblico. detto questo mi fa ridere chi scrive che è colpa della sinistra buonista, considerando che negli ultimi 5 anni abbiamo avuto un sindaco che ha fatto degli sgomberi e dell’aggressività contro gli immigrati una bandiera. evidentemente, ora è sotto gli occhi di tutti, quella ricetta non funziona, con buona pace degli interventisti da accatto. inutile girarci attorno, la soluzione è il giusto mix tra repressione di comportamenti illegali e promozione di progetti di recupero sociale. la situazione è tutt’altro che semplice, per cui serve ben altro rispetto ai metodi spicci che qualcuno evoca nei commenti dimostrando nostalgie disinformate…

  17. Roberto says:

    Solidarietà al blogger anche da parte mia. Non passo mai per quel parco, ma lo spettacolo è davvero indecente. questi non sono poveri, perchè, come diceva qualcuno, alle loro spalle c’è un’organizzazione che si prende il profitto e a loro danno pochi spiccioli (come anche tutti quelli che chiedono l’elemosina). Il fatto che le forze dell’ordine non possano/vogliano far niente la dice lunga sullo stato della città.

  18. Caterpillar says:

    questa paccottaglia la vendono anche su Via Efeso, dietro l’Ostiense.
    “Tutto a poco, tutto a poco”
    disse il bifolco

  19. carlo infelice says:

    ….disturbo alla quiete pubblica, compromissione del decoro urbano, imbrattamento della pubblica via, ambulantato su sede impropria, occupazione di suolo pubblico, abusivismo commerciale, evasione fiscale, prelievo di rifiuti dai cassonetti (..ma non sono i rifiuti nei cassonetti materiali “indisponibili” del comune?…), danneggiamento degli spazi verdi del parco, sottrazione dei cestini metallici dei rifiuti, utilizzo degli spazi verdi per dormire e soddisfare i propri bisogni fisiologici,…sono tutti reati!!!!!!

  20. parco via carlo in..felice says:

    …disturbo alla quiete pubblica, compromissione del decoro urbano, imbrattamento della pubblica via, commercio su sede impropria, occupazione di suolo pubblico, abusivismo commerciale, evasione fiscale, prelievo di rifiuti dai cassonetti (..i rifiuti sono materiali “indisponibili” del comune!!!.?…), danneggiamento degli spazi verdi, sottrazione di arredo urbano(cestini metallici per rifiuti), utilizzo degli spazi verdi e panchine come dormitorio, bisogni fisiologici nelle aiule,abbandono di rifiuti (bottiglie, cartoni, piatti e bicchieri monouso con resti di cibo, merce invenduta,…ecc.) su suolo pubblico…SONO TUTTI REATI!!!!!!

  21. bruy says:

    Facciamo un esposto al giorno

  22. Anonymous says:

    si tutti a parlar bene ! MA intanto è sempre il blogger a muoversi e a rischiare in prima persona !
    Bruy sarei felice se facessi una sola telefonata anonima ai vigili urbani (figurati se ti credo , un esposto al giorno bah ).

  23. Marco says:

    Non tutti sono reati, e in carcere non c’è posto. Bisogna pensare altre soluzioni.

  24. GIGIO says:

    MASSIMILIANO LA TUA VOCE TREMANTE DI PAURA MI FA SEMPRE RIDERE!
    COMUNQUE DOVRESTI FARE UN BLOG SULL’INEFFICIENZA, LA CORRUZIONE, L’IGNORANZA E LA CODARDAGGINE DEI CORPI DI POLIZIA ROMANA QUELLO SAREBBE VERAMENTE UN BLOG RIVOLUZIONARIO PERCHè TUTTO QUESTO è CAUSA LORO. e’ EVIDENTE CHE UN CITTADINO DA SOLO COME TE RISCHIA DI FARSI ACCOLTELLARE IN UNA SITUAZIONE DEL GENERE.
    SE FACESSI UN BLOG SULLE GUARDIE PASSERESTI ANCORA PIU PROBLEMI DI QUANTI NE HAI PASSATI FINO ADESSO IN QUANTO SONO LORO I VERI CRIMINALI IN TUTTA QUESTA SITUAZIONE.
    SARESTI VERAMENTE UN EROE E TTUTTA ROMA TI SUPPORTEREBBE IN QUANTO TUTTI SANNO COSA FANNO LE GUARDIE A ROMA: PRENDONO IL CAFFè AL BAR.

  25. Marco says:

    Contro questo abusivismo forse ci vorrebbe un sindaco come quello di Pomezia. Forse…

  26. Anonymous says:

    Ma no, abbiamo il nostro Marino: integriamo gli abusivi, integriamo la mafia!
    Si può sapere chi c* l’ha votato?

  27. Patrizio says:

    Beh certo invece Alemanno prometteva legalità, abbiamo tutti visto i risultati di questi 5 anni di legalità …

  28. laura says:

    ma una passata di calci nel sedere a questi qui no eh?
    eppure mi ricordo che spesso andavano le volanti quando si mettevano fuori a ridosso dal parco e sotto San Francesco.
    ora sono proprio senza ritegno.
    chissà se li hanno venduto le cose che hanno svaligiato dalla mia macchina bastard

  29. laura says:

    purtroppo non so perchè in questa zona da santa croce a carlo felice le persone sembrano imbambolate, forse i residenti sono per lo più anziani, non ci sono negozi, ognuno si fa i fatti propri…
    io mi ricordo un sabato mattina di fine giugno di 3 anni fa circa che uno zingaro in bicicletta mi scippò del cellulare al semaforo di via statilia, non un’anima in giro, e chi c’era si fece i fatti suoi.
    mi dispiace ma non è una zona vivibile, io sono in affitto e appena posso scappo via.

  30. parco via carlo in..felice says:

    quanti sanno che la percentuale di incremento dei casi di epatite virale A in Italia va dal 30 al 70 %? … e quanti sono i casi salmonellosi e di altre malattie che hanno cicli oro-fecali e che posono originarsi dal contatto con materiali vari imbrattati e contaminati da questi germi?
    quanti di questi casi sono collegati al “recupero” dei materiali dai secchioni dell’immondizia dove viene gettato di tutto,… anche avanzi di cibi e altri materiali contaminati? …. uno spunto per pensare…

  31. Stanco di tutto says:

    Mi sembra il caso di cominciare a pensare, per questo e per tutti gli altri merdai di cui siamo circondati, di smetterla di scrivere sui blog e di fare qualche cosa.

  32. sandro ludovisi says:

    Finalmente sento parlare di questo grave problema.
    Ho segnalato settimane or sono la condizione penosa del giardino all’URP del I Municipio, ricevendo un ” inoltriamo a chi di competenza” in risposta…perché, chiedevo, non c’è più il presidio dei vigili nel parco?
    non dovrebbe essercene bisogno ma….

  33. sangiovannino infelice says:

    Marino vada al parco(?)di C.Felice e si renda conto che la sua “rinascita di Roma” non si concilia con degrado, abbandono, sporcizia, uso canagliesco di aiule e viali, mendicismo, barbonismo, vendite abusive, danneggiamenti di arredi, cani vaganti, gestione(?)miseranda del chiosco,.ecc. Mentre innumeroveli turisti si spostano tra la Basilica di S.Croce in Gerusalemme e quella di S.Giovanni l’aspettiamo per una passeggiata nel parco(?)… a piedi.

  34. san francesco (rutelli) fece un parco says:

    ..s.francesco (rutelli) trasfomò, con un miracolo, un deserto in un bel parco,che chiamò “felice” e che, per un pò, fu la felicità del quartiere; accadde però che il diavolo veltroni decise, per invidia del santo, di abbandonare il parco al totale degrado rendendolo simile all’inferno e lo affidò ad altri diavoli per la custodia; da allora agli abitanti del quartiere sono inflitte orrende pene: degrado, sporcizia, abusivismo, violenze, vandalismi, furti,..ecc.. ecc.. S.Marino sconfiggerà i diavoli?

  35. Grahm says:

    A tutti coloro che parlano della “sinistra” buonista, chiedo dove fosse lo sceriffo Alemanno in questi ultimi quattro anni.

  36. paolo feliziani says:

    Giusto Grahm, Alemanno (sotto elezioni) aveva promesso: riqualificherò l’esquilino! Abbiamo notato l’impegno profuso ad aggravare il declino del quartiere! UNA FOGNA DI QUARTIERE UNICO AL MONDO….E NON è FINITA!!!

  37. Davide Curcio says:

    Questa mattina un’operazione della Polizia Municipale ha portato allo sgombero dell’area e al sequestro di parte della merce esposta alla vendita.
    Con questa operazione e l’altra analoga di ieri mattina il Municipio 1 e la Presidente Sabrina Alfonsi intendono avviare un’attività di costante presidio della zona.
    Su questo tema nel mese di agosto io e la consigliera Stefania Di Serio abbiamo presentato una mozione approvata all’unanimità dal Consiglio Municipale.
    Sappiamo che questo è solo l’inizio di un lavoro lungo e difficile, ma speriamo che col tempo si riesca a debellare questo inaccettabile fenomeno.

  38. sessorium says:

    Eccellente operazione. Ora però tre cose:

    1. vigilare perché non tornino
    2. vigilare perché non tornino anche da altre parti, almeno nel I Municipio
    3. cercare di riqualificare un minimo il parco in modo che diventi sempre più inospitale per il degrado

    Grazie. Essere stati aggrediti in giugno evidentemente ha portato a qualcosa di buono!

  39. Davide Curcio says:

    Grazie anche a voi per il lavoro che fate con questo sito.

    Sul Municipio sono in corso altre operazioni del genere. Un fenomeno analogo lo si sta contrastando anche su via Andrea Doria (ex XVII Municipio). Purtroppo il lavoro è lungo e difficile e le risorse limitate. Ma il nostro impegno va in questa direzione.

  40. ROMA CIVILE ? says:

    …non importa di che colore è il gatto, importante è che afferri il topo!!!!…i cittadini di Roma hanno il diritto di vivere in un “ambiente cittadino” dove devono essere garantiti, da chiunque pretenda di interpretare il ruolo di pubblico amministratore, i fondamentali della vita civile…, o no?

  41. sessorium...tradito says:

    ….carissimo sessorium,come vedi, l’operazione di polizia non ha portato a nulla: i venditori di “monnezza” sono tornati come e peggio di prima!!! …. abbiamo una Amministrazione imbelle e inefficace, oppure siamo alla solita “istituzionalizzazione” del degrado e della illegalità? …che siano vere entrambe le ipotesi?
    Come cittadino vedo una orribile prospettiva.

  42. Anonymous says:

    questi estra comunitari, tutti a casa . chi li vuole se li ospita a casa loro. a loro spese,, compreso il vaticano.. noi non ci possiamo muovere , mentre loro fanno quello che c….. gli pare ..e noi paghiamo..basta,,, prima vengono gli italiani , poi loro..ma i nostri politici con il loro perbenismo , non sono meglio di loro.. anzi sono peggio. xchè piu ce ne sono e piu prendono soldi dalla comunita europea..epiu mangiano..a 4 ganasse…questi porci…

  43. Attilio says:

    Condivido pienamente questa denuncia dello stato di degrado in cui si trovano i giardini di V.le Carlo Felice e colgo l’occasione di segnalare che proprio in questi giorni ho fatto delle foto da inviare, con uno specifico esposto, alle pubbliche autorità, nonché al gabinetto del Sindaco. E’ una vera indecenza che una zona così storica e caratteristica di Roma sia sottoposta ad una violenza di questo genere. bisogna agire e perseverare affinché la città riacquisti la sua bellezza ed il suo decoro, pertanto invito il sindaco Marino ad affrontare in maniera definitiva e concreta questa situazione.grazie.

  44. Giovanni says:

    Oltre tutto quello che giustamente avete segnalato, posso dirvi con certezza che sempre più spesso i negozianti nelle vicinanze hanno denunciato molestie e minacce solo per aver fatto delle segnalazioni legittime. Ci sono persone che girano armate e pochi giorni fa è stato pestato a sangue un anziano proprio da uno di loro che si spaccia per il capo del quartiere. Lo scandalo è che tutto questo è all’attenzione delle forze dell’ordine che purtroppo a quanto sembra hanno le mani legate.

Inserisci un commento



(facoltativo)