Subscribe via RSS Feed

Il Tempio di Iside, il nuovo Conter, la pasticceria araba. Gastronovità del mese


Qualche news su alcuni cambiamenti della scena ristorativa del Rione magari (in)utili in ottica finesettimana. Su Via Labicana si è allargato il Tempio di Iside, mitologico ristorante di pesce (di gran qualità, c’è da dirlo) frequentato dai peggio sottosegretari che la storia ricordi. I proprietari avevano aperto un format chiamato Cottura 0° che ora hanno chiuso allargando il ristorante classico che ora appare che una enorme piattaforma che occupa un mezzo isolato. Non andremo in questo posto fintanto che la clientela che lo frequenta continuerà a parcheggiare suv in doppia fila di fronte. Evidentemente ai gestori va bene così, altrimenti farebbero qualcosa magari proponendo al Comune – ora si può fare – di allargare il marciapiede per aumentare i tavolini. La stradina, invece, e spesso pure la deliziosa Piazza Iside, pedonale, si trasforma nell’autorimessa del ristorante: tutto il giorno, tutti i giorni. Inaccettabile.
Non belle notizie, almeno apparentemente, da Piazza San Giovanni in Laterano. Il delizioso Conter, di cui avevamo parlato anni fa in occasione dell’apertura, è stato a lungo chiuso e ha cambiato gestione. Oggi il luogo sembra la brutta copia di se stesso, davvero molto, ma molto degradato esteticamente. Auguriamoci che la qualità dei prodotti sia migliore dello shock estetico, ma già fanno capolino dalle vetrine marchi di banali prodotti industriali lontani anni luce dal peculiare progetto che era Conter.
Infine saliamo su verso Piazza Vittorio con una novità rispetto alla quale chiediamo ai lettori un giudizio. Al posto del non rimpianto negozio di abbigliamento (?) Tadadattà ha aperto un caffè\pasticceria halal, insomma arabo con tanto di proprietario arabo. Speriamo che l’offerta sia di qualità e particolare. Aspettiamo i commenti di qualcuno di voi con i vostri assaggi. Intanto notiamo che questo piccolo angolo tra Via dello Statuto e Via Leopardi è in fase di miglioramento.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (17)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Marco says:

    Conter, nonostante la qualità, non poteva che fallire, con quei prezzi…

  2. Anonymous says:

    La gente non sa più mangiare. Paga 15 euro la biretta co la pizza surgelata fatta dal marueco che si mette le dita nel naso mentre impasta, e lascia sparire le tradizioni gastronomiche di eccellenza.
    Altro che prezzi, se vuoi mangiare a 5 euro mangia a casa.

  3. Anonymous says:

    La gente non sa più mangiare. Paga 15 euro la biretta co la pizza surgelata fatta dal marueco che si mette le dita nel naso mentre impasta, e lascia sparire le tradizioni gastronomiche di eccellenza.
    Altro che prezzi, se vuoi mangiare a 5 euro mangia a casa.

  4. manlio carvilii says:

    beh, non si può negare che i prezzi dei ristoranti siano raddoppiati con l’euro.un pasto a 50.000 lire era una cosa, a 50 euro, è un’altra

  5. franci says:

    Regoli è caro, Panella è carissimo. eppure c’è sempre gente e funzionano. e fanno la differenza. è anche una questione di progetto e di gestione.
    il bar a gestione cinese Just for You per esempio, che si trova accanto a Fassi, recensito a suo tempo dal blog, ha sbaragliato tutti gli altri bar dei dintorni. perchè i proprietari hanno investito nell’arredo, il personale e molto cortese, i prodotti, cornetteria e tramezzini da laboratorio, sono freschi e ben esposti, il locale è ben tenuto e ha i bagni più puliti del rione, nessuno ti mette fretta ai tavoli. è piacevole.
    purtroppo Conter ha commesso alcuni fatali errori di progetto e di gestione. Adesso è l’ennesimo triste e sciatto bar di cui è zeppa la zona.

  6. Anonymous says:

    ANDATE A VOTARE MARINO!!! E’ IMPORTANTE E L’AFFLUENZA ALLE URNE E’ BASSA!!
    NON RICONSEGNAMO ROMA AD ALEMANNO, ALTRIMENTI CI ASPETTANO ALTRI 5 ANI DI DISASTRI!!!!!

  7. Marco says:

    Regoli come pasticceria mi sembra tutto meno che cara. Le cose buone a poco, esistono, come dimostrano biolat, i mercati campagna amica, i gas, il punto macrobiotico, ecc., di cui peraltro qui si è anche parlato.

  8. Roberto says:

    sono passato davanti al nuovo bar Halal. A parte l’enorme miglioramento estetico dopo Tadadattà, il locale è molto carino, luminoso e con una vasta offerta che va dal pranzo alla pasticceria. Ieri sera mettevano dentro fiori e piante. Lo proverò prestissimo e vi farò sapere.

  9. Anonymous says:

    costosi ma si parla sempre di pochi euro ! Da conter una volte il succo costa 3 euro il giorno dopo 3,50 ….le pagnottelle un paio di volte me le ha date rifatte ! E per voi questa è qualità ?

  10. SashaDD says:

    Per non dire dei SUV puntualmente parcheggiati sui marciapiedi introno a piazza Iside, sempre di proprietà della terrificante clientela del ristorante. Gente che meriterebbe qualche sorta di punizione corporale…

  11. Marcus says:

    Piazza Vittorio: Bel ristorante cinese, pulito abbordabilissimo. Agenzia di viaggi, decorosissima.
    Poi la bella Vineria. Ora l’Halal Vittorio che promette molto bene.
    Gli Italiani invece producono solo quei cessi di Mas, Tadattà, le moribonde gallerie Grilli…
    Siamo onesti,la riqualificazione della zona è in mani straniere!

  12. cesare says:

    il caffè al nuovo bar halal non è male, ma ho assaggiato solo quello…

  13. Luca says:

    Il locale halal non è affatto arabo, halal significa semplicemente lecito per la religione islamica.
    Il proprietario non è affatto arabo, ma è bengalese(è l’imam della Moschea di San Vito…

  14. Marcus says:

    Ecco, appunto. Allora si mettano l’anima in pace gli Italiani invidiosi che parlano di mafia cinese. C’è anche la mafia bengalese? Forse c’è solo tanta voglia di lavorare…

  15. Mario says:

    Su quello che era Conter, ora è preso in gestione dal Circolo degli artisti, il che già vi fa capire il target di persone che ci graviterà! Che amarezza..

  16. Roberto says:

    sono stato al caffè/pasticceria halal. l’impressione è molto buona: è carino, pulito e luminoso. sono tutti molto gentili e premurosi. ho mangiato degli ottimi pasticcini. da quanto ho capito nei primi giorni il flusso di clienti è stato inferiore alle aspettative, ma spero che l’iniziativa abbia successo perchè mi sembra che loro abbiano fatto tutte le cose nel modo giusto, riqualificando non poco l’angolo in cui c’era tadadattà. ora sarebbe bello togliere il banco fisso che vende valigie dall’altra parte della strada!

  17. Johnb518 says:

    In My Bambino site you can find sso many interesting aspefts kgekdgdcddff

Inserisci un commento



(facoltativo)