Subscribe via RSS Feed

Alberi. La mattanza di Via Machiavelli


Durante i lavori di asfaltatura di Via Machiavelli, lavori ancora in corso, sono stati gravemente danneggiati gli alberi (in una occasione dai macchinari del cantiere, poi da un camion in transito quando la strada doveva essere chiusa per lavori). E’ stato avvertito il Servizio giardini (2 volte) e la Polizia Municipale (3 volte). I negozianti hanno pure preso la targa del camion che ha causato il danno più grosso. Chissà se i vigili interverranno… Intanto c’è da notare come i lavori, volti a riqualificare la strada che lambisce un nuovo hotel in costruzione – uh, che novità – in un ex spazio religioso, riqualifica solo lo spazio dove passano le auto e non quello dove passano i pedoni. Inoltre l’ulteriore colata di catrame che si somma alle altre precedenti mai asportate a regola d’arte ha fatto sì che lo strato di asfalto abbia superato in altezza e spessore i marciapiedi. E abbia ricoperto tutte le caditoie con grande gioia delle giornate piovose che avranno così gioco facile ad allagare la strada incrementando ulteriormente la già precaria pericolosità già resa spavalda dall’assurda sosta selvaggia specie in curva. Strade del centro storico di una capitale europea, ridotte come manco a Bagdad…

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (4)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Uapa says:

    Il servizio giardini?
    Altri buoni quelli, che di piante ne sanno quanto ne so io di astrofisica nucleare e che riescono a compiere certi orrori, che manco un pazzo in preda ad una crisi isterica: piante potate male, senza tener conto di come e quando potarle, malattie che si diffondono, perché è troppa fatica prendere le dovute precauzioni, aiuole che a definirle abbandonate gli si fa un complimento. Alberi piantati e circondati da cemento e asfalto buttato lì a casaccio.
    Buche rattoppate male, lavori che procedono troppo a rilento, milioni di euro spesi a cacchio, senza un minimo di criterio, tanto, paghiamo noi.
    E’ triste vedere la nostra città ridotta così.
    In mano ad incompetenti, parenti di incompetenti, amici di incompetenti.
    Tutti geni che chiamano altri geni, perfino dall’estero, per trovare soluzioni sulla carta, che però nella realtà dei fatti non funzionano, perché non si ascoltano e non si vogliono ascoltare le persone che questa città la vivono davvero, tutti i giorni.
    Mi consola sapere che non sono la sola a prendersi a cuore certe questioni e, anche se la rabbia cresce ogni giorno, spero che un giorno saremo sempre di più ad occuparcene, invece di girarci dall’altra parte. E chissà che Roma non torni davvero ad essere la città più bella del mondo.

  2. Tramvinicyus says:

    E chi vuoi che abbia fatto quei lavori? Chi vuoi che sia la fortuna più grande per il nostro paese se non chi per pezzente com’è ridotto per un 50 demolirebbe anche il Colosseo con le unghie?
    Da da da spaco bottilia amazo familia….e il gioco è fatto…
    Buona Roma a tutti!

  3. Anonymous says:

    A Via di San Saba hanno asfaltato direttamente gli alberi, ricoperti fino al tronco. Un lavoro raffinatissimo…

  4. giampaolo says:

    la galleria dello schifo prosegue con viale manzoni, dove invece che fare danni non si è proprio intervenuto: sono mesi e mesi che gli alberi non vengono potati, i rami più bassi invadono ormai il marciapiede e parte della carreggiata. sullo stato dei marciapiedi intorno agli alberi ancora peggio, sembra di stare sulle dune…una vergogna…

Inserisci un commento



(facoltativo)