Subscribe via RSS Feed

Chi (non) votare?

E’ sempre più difficile dare indicazioni di voto. In questi cinque anni, per il nostro territorio, la migliore empatia e sintonia è stata con il consigliere municipale Stefano Tozzi. Prima PDL ora Fratelli d’Italia, partiti lontanissimi (come tutti gli altri) dal nostro sentire, ma tant’è. Se volete esprimere un voto di preferenza in Municipio farlo per lui non potrebbe che far bene, avendo però la massima cura a disgiungere il voto per evitare che il vostro voto per il consigliere finisca ad avvantaggiare l’impresentabile e inaggettivabile candidato presidente Sergio Marchi che tutta la coalizione di centrodestra propone per il Primo Municipio. Da non trascurare comunque anche l’attenzione e la disponibilità di Letizia Cicconi, altra amica di questo blog che però in questa tornata non è presente in nessuna lista elettorale. Molto più evanescente Stefania di Serio, sempre più folkloristico, invece, Augusto Caratelli; il rione si è talmente impoverito che se ne stanno andando via pure i cinesi lasciando dietro di loro negozi sfitti e tristezza. E lui ancora vuole far loro la battaglia.
Difficile dire chi votare, si diceva. Più facile indicare chi non votare. E ci sarebbe quasi da dire di non votare nessuno visti i temi della campagna elettorale (nulli o ridicoli, sempre improntati ad insipienza e scialberia totale e ad una pelosa mancanza di lucidità e competenza da parte di tutti i candidati). E visto soprattutto che l’Esquilino, in campagna elettorale, proprio non ci è entrato. Eppure dovrebbe essere ancora il problema più grande, o uno dei più grandi, del Primo Municipio. L’unica presenza dell’amministrazione si è verificata quest’oggi, venerdì 24 maggio, a poche ore dalla chiusura della campagna elettorale, in occasione della visita del Sindaco: si è fatto strumentalmente partire il cantiere per la riqualificazione dei marciapiedi (solo rattoppi di basso profilo mentre ci sarebbe bisogno di ben altro per rivoluzionare i flussi e soprattutto la sosta in zona) e il cartello – posizionato appositamente per essere visibile – è stato collocato danneggiando i marciapiedi. Mai visto un cartello di cantiere che danneggia lo stesso marciapiede che il cantiere dovrà riqualificare. Fico, no?
Quello che ci preme sopra ogni altra cosa, indipendentemente da chi voterete per il Municipio (ovviamente escludendo Sergio Marchi), è che per il Comune non votiate Alemanno. Non umiliate voi stessi confermando la fiducia a chi ha riditto Roma in questo stato. E per il Municipio appunto? di Marchi abbiamo detto, la candidata del centro sinistra Alfonsi non ci convince neppure un po’: una candidatura che appare ideologica, in maniera un filo ottusa, lo abbiamo capito sull’assurda posizione riguardo alla riqualificazione di Via Giulia: 30 anni di sosta selvaggia nella strada più bella del mondo e la Alfonsi non ha detto niente, appena si è iniziato a scavare per realizzare un parcheggio e dunque togliere le auto dalla strada ha iniziato a protestare contro il cantiere. Inaccettabile. Che sia il caso di far arrivare un messaggio a chi amministra votando in maniera laterale. No, che avete capito, non il Movimento5Stelle (il candidato al Primo Municipio è un bravo ragazzo, ma tutto può fare nella sua vita salvo che occuparsi di politica e amministrazione santocielo), bensì Matteo Costantini e la lista UnitiXilCentroStorico. Mah, leggete e pensateci: intanto sono stati gli unici ad averci convocato, da soli, per un incontro face to face in cui si sono detti molto interessati ai problemi del Rione Esquilino…
Chi non votare, si diceva. Astenersi dal farlo per Casa Pound: hanno continuato, come fanno da anni, a insozzare tutta la città e in particolare il nostro Rioni ove sono ospiti dopo aver occupato un pregiato palazzo di proprietà pubblica. Sono ospiti all’Esquilino e lordano l’Esquilino di affissioni abusive e prepotenze varie: inqualificabili e invotabili. Sarebbe verramente orribile, a spoglio avvenuto, leggere che qualcuno, all’Esquilino, abbia votato per questa gentaccia. Ma che dire poi di Militia Christi? Questo bizzarro movimento (non ne commentiamo le istanze, invitandovi a leggere il loro sito dove troverete programmi e quant’altro) ha alcuni tra i suoi personaggi di punta che abitano all’Esquilino e nell’area di Porta Maggiore\Santa Croce e proprio questi personaggi si sono prodigati a imbrattare tutto l’imbrattabile con ignobili manifesti abusivi. Giusto di fronte a casa loro.

Per tacere poi della terrificante vela pubblicitaria (abusiva!) che hanno deciso di piazzare in curva, in divieto di sosta, tra Piazza Santa Croce in Gerusalemme e Via Carlo Felice. Se non c’è morto ammazzato qualcuno è stato un miracolo. Se Cristo scendesse in testa manderebbe una Militia diretta contro di loro per punirli di santa ragione. Su altri spunti elettorali, lasciamo libero spazio ai commenti

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (15)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. giampaolo says:

    Io qualche incontro di vari candidati consiglieri comunali, consiglieri municipali etc. l’ho seguito e tra tutti parole sull’Esquilino le ho sentite chiare e forti solo da Stefano Tozzi. Peraltro, ho anche scritto, qualche settimana fa ormai, alla candidata presidente del centrosinistra chiedendo un giudizio sulla situazione e sugli interventi necessari nel quartiere … e sto aspettando ancora la risposta. Io penso che a livello di consiglio municipale quello che conta, al di là del colore politico, è avere persone serie che provino ad occuparsi dei problemi dell’Esquilino (massimo rispetto per Prati, San Pietro, il Tridente etc. ma a me interessa l’Esquilino, qui abito e di quello avrei voluto/voglio sentir parlare!!!).

  2. liberius says:

    concordo con la vostra visione, anche se ritengo l’attuale sindaco alemanno il miglior candidato

  3. Anonymous says:

    BASTA ALEMANNO, HA RIDOTTO ROMA IN GINOCCHIO.

    NON DISPERDETE VOTI, OCCORRE FARE FRONTE COMPATTO ANTI-ALEMANNO E L?UNICO CANDIDATO CHE LO PUO’- NUMERICAMENTE BATTERE-E’ MARINO.

    Altrimenti rischiamo di avere altri 5 anni di disastri!

  4. letizia cicconi says:

    ti ringrazio per la tua considerazione ma io non mi sono candidata questa volta ritengo il mio percorso politico terminato, resto a disposizione come semplice cittadina per le battaglie che dovremmo intraprendere per migliorare il nostro rione, un caro saluto Letizia Cicconi

  5. Ambedue says:

    L’azione amministrativa di Tozzi ci ha fatto capire che non esistono più da tempo destra e sinistra, ma esistono persone capaci e persone incapaci o in cattiva fede. Per cui direi che dopo questi 5 anni di lavoro il voto mio e dei miei non glielo leva nessuno

  6. Lucio says:

    A me ha convinto Matteo Corsini per Roma Risorge. l’ho trovato risoluto contro il degrado e con due o tre idee nuove molto interessanti.
    Certo, è difficile che vinca ma al primo turno lo voterò con grande convinzione

  7. luana says:

    lavoro nel VII municipio (ex IX) e ho potuto conoscere i progetti, validi o meno, abito nel I municipio di cui non so niente. Ma è stata fatta una campagna elettorale? BRUTTISSIMA quella bandiera pubblicitaria nella curva tra s. croce e carlo felice scommetto che se uno di noi ci parcheggiava la macchina da quel dì che era stata multata e portata via.

  8. Anonymous says:

    tozzi? umberto sarebbe stato più capace… la verità è che dopo 5 anni l’esquilino è solo peggiorato, quindi questi dirigenti andrebbero tutti eliminati in tronco…

  9. Anonymous says:

    Matteo Costantini UNITI PER IL CENTRO STORICO sarebbe il miglior presidente del I Municipio , una vera lista civica senza beghe di partiti ed amici da collocare una persona disponibile, amante della legalità e delle regole

  10. vincenzo says:

    Ovviamente ognuno ha le sue opinioni in merito a chi votare. Faccio solo presente alcune osservazioni in merito ad alcuni nomi citati. Ad esempio in merito a Stefania Di Serio potrei dire che è stata l’unica a tartassare di richiami l’AMA in merito alla pulizia della zona del mercato, segnalando – e rimanendo inascoltata purtroppo – il cattivo funzionamento sia del comportamento di alcuni esercenti che della stessa AMA in merito alla raccolta dei rifiuti. Non capisco le critiche a Sabrina Alfonsi invece: la storia di via Giulia così raccontata dal post risulta troppo spoglia e dimentica una serie di particolari importanti: ad esempio non è stata citata la vicenda così come si è evoluta del progetto del parcheggio, inizialmente partecipato, e poi improvvisamente cambiato in maniera “autoritaria” dal Comune. Sabrina Alfonsi è stata per giunta all’Esquilino in piazza Vittorio a raccogliere osservazioni e proposte e Degrado Esquilino è stato per l’occasione puntualmente avvertito ed invitato (non presentandosi).

  11. giampaolo says:

    Premesso nuovamente che conta la serietà e l’impegno delle persone e chenon ci sono tessere di partito da difendere, da residente dell’esquilino mi sarebbe piaciuto ascoltare le proposte della candidata alfonsi in un incontro con i residenti e non solo su piazza vittorio, che evidentemente non è l’intero quartiere e non rappresenta l’unico problema da risolvere. Tozzi da questo punto di vista ha fatto diversi incontri e proposto possibili soluzioni, che poi possono piacervi o meno, alle diverse problematiche dell’esquilino, non solo su piazza Vittorio.

  12. vincenzo says:

    come ho spiegato sopra, Sabrina Alfonsi è venuta all’Esquilino per u incontro pubblico. L’incontro tenutosi nei giardini di Piazza Vittorio, riguardava l’intero rione. E’ anche venuta nelle scuole e nel centro di aggregazione Matemù. Tozzi può anche aver fatto altri incontri ma resta legato ad una compagine politica che ha contribuito allo sfascio del rione in questi 5 anni. Se ci vogliamo far prendere in giro così va bene, ma mi sembra che qualunque azione di Tozzi non possa nascondere questa verità, e cioè che l’Esquilino è peggiorato sotto l’amministrazione Alemanno.

  13. Andrea Rossi says:

    Ma quanto bisogna essere vecchi dentro per votare Marino, Alemanno e’ stato pessimo ma riproporre la sinistra palazzinara e radical-chic e’ proprio da lettori di Repubblica, poi votare un genovese amerikano che conosce Roma come la puo’ conoscere un turista e’ davvero da idioti ma purtroppo sappiamo bene che l’elettorato PD e’ composto da robot programmabili da botteghe oscure che li socngela direttamente dagli anni ’30 con tanto di borsa di tolfa.

    Se rivince la sinistra ci aspettano di nuovo le favelas con assassini compresi, notti bianche e feste dei vicini di casa, piu’ Ferilli, Fazio, Bellucci e tutto il circo di nani e ballerine prezzolati.

    Sara’ il bengodi di criminali stranieri esattamente come nella milano di Pisapia.

    Andrea Rossi

  14. Anonymous says:

    ti ringrazio per la tua considerazione ma io non mi sono candidata questa volta ritengo il mio percorso politico terminato, resto a disposizione come semplice cittadina per le battaglie che dovremmo intraprendere per migliorare il nostro rione, un caro saluto Letizia Cicconi”

    Un applauso alla Cicconi ! La linea diRenzi è quella giusta e bisogna dare spazio ai giovani ! La prima volta che votai una ventina d’anni fa mi diressi su rutelli e athos de luca …..proprio come 5 anni fa ! Il problema non è l’antipolitica di Grillo, semmai la politica !

  15. Marco says:

    Per Andrea Rossi: per votare Marino bisognerà anche essere vecchi dentro, ma per votare Alemanno bisogna essere suoi amici, perché le uniche cose buone in 5 anni le ha fatte per i suoi amici, con assunzioni, stipendi e incarichi a pioggia. In questo caso, per me non è una battaglia tra sinistra e destra, ma tra onestà e salvaguardia di interessi privati.

Inserisci un commento



(facoltativo)