Subscribe via RSS Feed

La grande novità di Via Emanuele Filiberto. E non guardate il marciapiede (!!!), guardate il cartellone

Poco dopo viale Manzoni verso Piazza Vittorio, prima di Via Nino Bixio è spuntato adesso questo impianto pubblicitario. Prima delle feste pasquali non c’era. 
Piuttosto che riparare il marciapiede, si vede in che condizioni verte, si pianta un bel cartellone quasi nel mezzo del camminamento pedonale.  Sorpresa dell’uovo di pasqua o scherzo del primo d’aprile?
Nessuna delle due cose, solo ennesima riprova che l’incuria e il disprezzo per Roma sono arrivati a un livello da darmi il voltastomaco.
Francesca Federici
Share

si parla di: , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (12)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. giampaolo says:

    conosco bene quel tratto. fa veramente schifo: cestoni di rifiuti sempre sporchi, raccoglitore panni usati utilizzato come gabinetto da gentiluomini di diverse nazionalità, muro tappezzato di affissioni abusive e, come non mancare, marciapiede stile effetto bombardamento. argomenti detti e ridetti, con la situazione che peggiora e l’amministrazione che continua a pensare solo ad intascare soldi dagli spazi pubblicitari.

  2. Davide says:

    Sapete se questo cartellone è stato autorizzato?

  3. Ring says:

    Il buffone che siede ancora per poco in Campidoglio aveva detto che le autorizzazioni sarebbero state sospese del tutto.

  4. Anonymous says:

    GUERRA AL NUOVO NATO!

  5. Anonymous says:

    Imbrattava muro della chiesa di Sant’Agnese
    Denunciato un uomo a piazza Navona
    Il 49enne romano, “armato” di bomboletta spray, è stato fermato dai carabinieri in servizio davanti al Senato. E’ accusato di danneggiamento

    Fino a quando Roma dovra’ restare in ostaggio di questi COGLIONI?!

  6. Anonymous says:

    Ho sentito Gentiloni oggi al Teatro Colosseo. Appassionato, conoscitore di Roma, pragmatico, con un’idea futuribile di Roma e con strumenti chiari per arrivarci. Decisamente il migliore!

  7. Marco says:

    E poi è appoggiato da Renzi, l’astro distruggente della sinistra

  8. Tramvinicyus says:

    Mo c’è Marino, punto-puntino, virgolameno, faccia da scemo….infatti ha vinto lui…è la persona più inoffensiva della storia della politica italiana. Da noi se c’hai la faccia da patata lessa sei scemo, quindi onesto.
    BINARI DAPPERTUTTO!!!!
    Tramvinicyus

  9. giampaolo says:

    attendiamo fiduciosi da Marino, a parte le solite frasi post vittoria (vittoria…) del tipo “cambieremo il mondo”, “sconfiggeremo la fame”, “più diritti per tutti”, “Daje Roma “, qualche proposta seria, concreta, per combattere il degrado, non dico all’Esquilino (sarebbe troppo che un candidato sindaco parlasse dei problemi di un rione del centro della capitale) ma quantomeno di Roma.

    PS: ho letto con piacere che Repubblica ha scoperto lo schifo del mercato dell’Esquilino. Peccato che nell’articolo non abbia letto il nome dei responsabili di questa situazione…

  10. vito says:

    A proposito di graffitari: perchè non incoraggiarli (e “autorizzarli”) a infierire sulle auto in sosta sui marciapiedi, sui passaggi pedonali, ecc… invece che su facciate di innocenti palazzi o sulle fiancate dei mezzi pubblici? se i vigili chiudessero gli stessi occhi che chiudono adesso e se l’opinione pubblica li incoraggiasse avremmo forse messo un argine alla sosta selvaggia e salvato qualche facciata o vettura della metro…

  11. Anonymous says:

    Perchè per i minus habens graffitari i palazzi sono grigi e tristi (nonostante i palazzi romani sono a maggioranza giallo ocra o rosso pompeiano) mentre le maghine sono intoccabili (e sono a maggioranza grigie o nere).

  12. Griffin says:

    tramvinicyus, meno male che ci sei tu che sei bello e hai lo sguardo acuto e intelligente

    personalmente non me ne frega niente delle facce

    altrimenti dovrei dirti che il tuo capo fa spavento con quella brutta faccia schifa che si ritrova

    perché tu sei grillino no? hai il tono squadrista-criptofascista-fate tutti schifo da grillino…

Inserisci un commento



(facoltativo)