Subscribe via RSS Feed

Bar Italia. E’ arrivato il momento di fare qualcosa!?


Pericolosissima e odiosa all’ennesima potenza, la sosta selvaggia davanti al Caffè Italia, da tutti chiamato Bar Italia, deve finire. Una orribile sequela di auto, suv, vetture delle forze dell’ordine e furgoni che si piazzano in mezzo alla strada per andarsi a pigliare un caffè sono qualcosa di umiliante e basta, ma non solo: sono qualcosa di molto, molto pericoloso. Per chi proviene da Porta Paggiore (e dunque dalla Tiburtina, dalla Casilina, dalla Prenestina e dalla Roma-L’Aquila, ovvero da una marea di gente)  e svolta a destra dopo il semaforo di Via Santa Croce in Gerusalemme l’ostacolo è terribile. Subito dietro la curva si para davanti all’automobilista una muraglia di automobile che costringe a schivare, dribblare, fare lo slalom, invadere la corsia alla propria sinistra o, addirittura, la corsia opposta.
E’ lecito tollerare questo scempio? Per evitarlo qualche anno fa venne posizionata una telecamera su un alto palo in mezzo a Piazza di Santa Croce. Era il 2006 o il 2007 e, si giurò, la telecamera avrebbe multato ogni automobilista mal posteggiato, ogni macchina lasciata li in maniera pericolosissima a mettere a repentaglio la vita di qualcuno. O le multe non parto, o le multe non arrivano, oppure i cittadini sono stati presi in giro. Sicuramente le situazione è sempre la stessa: in un tratto dove la sosta è vietata, c’è invece la doppia fila. Una strada con due corsie abbondanti, diventa una strada a una corsia. E basta chiedere un rapido accesso agli atti ai Vigili Urbani per verificare, matematicamente, che le contravvenzioni effettuate sono pari a zero quando dovrebbero essere un centinaio al giorno. Chi rispetta le norme è un fesso, chi le viola mettendo a rischio la sicurezza altrui è, come spesso scrivono anche i giornali, un ‘furbetto’. Noi preferiamo chiamarli criminali. Alle forze dell’ordine un messaggio chiaro: i criminali si combattono, non si tollerano.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (20)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Lele says:

    Concordo, neanche sapevo non fosse una zona adibita a parcheggio.
    È da quando sono nato che faccio quella strada tutti i giorni e non l’ho mai vista libera. I primi a parcheggiare sono i Carabinieri e la GdF, o i Vigili Urbani, e la cosa lascia abbastanza interdetti.

  2. Livia says:

    Stessa cosa per il bar dal lato opposto. Chi proviene da via Sommeiller e deve girare a destra verso Santa Croce rischia di sbattere persino contro qualche ambulanza parcheggiata. Ho visto anche esponenti delle forze dell’ordine parcheggiare praticamente in mezzo alla corsia per farci colazione.

  3. Anonymous says:

    Per non parlare della doppia fila continua su via sommeiller davanti alla scuola e all’autoufficina!

  4. Anonymous says:

    Esagerati ! Paranoici !

  5. Anonymous says:

    Carabiniere in doppia fila! Bavoso occupante abusivo che non distingue strada da marciapiede!

    O semplicemente barista?

  6. Anonymous says:

    semplicemente rilassato e ottimo guidatore e pedone felice…….

  7. Anonymous says:

    meno male che c’e’ confusione e gente a tutte l’ore cosi’ c’e’ meno possibilita’ di furti ai piani bassi delle abitazioni sopra il bar …… IO SONO PER IL RISPETTO TOLLERANTE DI BUON SENSO !

  8. Degrado Esquiilno says:

    I commenti a questo post sono da arresto, qualcuno della magistratura ci chieda gli indirizzi IP dei pezzi di merda che considerano la terza fila in mezzo alla strada un deterrente ai furti o che considerano “paraoica” la richiesta di rispetto delle regole. Siamo disponibili a produrli.

  9. Anonymous says:

    si faceva dell’ironia , che non e’ stata capita . E’ chiaro che la situazione e’ seria , e’ sotto gli occhi di tutti quello che accade all’ esquilino e non solo .

  10. Marco says:

    Vale lo stesso, per la doppia fila sistematica e indisturbata davanti al bar Eugenio, in via Principe Amedeo…

  11. Anonymous says:

    Vedi, con le minacce la lurida mala fede fa dietro front.
    Un banale boicottaggio del bar mi sembra cosa buona e giusta, più avanti c’è di meglio.

  12. giampaolo says:

    io dico ma di che stiamo a parlare?in qualsiasi paese “normale” il problema si risolverebbe con un controllo (e relative multe) quotidiano della zona in questione. purtroppo la polizia municipale latita, come troppe volte nel rione, e di questo latitare se ne approfittano sia i semplici cittadini incivili sia, cosa ancor più grave, le forze dell’ordine.

    PS: non capisco perchè dovrei boicottare il bar Italia per una situazione di cui il bar non ha colpa se non quello di trovarsi in una città dove l’inciviltà purtroppo domina.

  13. Lele says:

    Boicottare il Caffé Italia? E perché? Che c’entrano loro?

  14. Anonymous says:

    Ma che fessi siete, ci sono duemila bar chissà perché si fermano in quarta fila tutte là le forze dell’ordine.

  15. Lele says:

    Non si fa così, le cose devi spiegarle. Chi lo sa perché si fermano… tu lo sai? Allora illuminaci.

  16. Anonymous says:

    Ma infatti, non si fa così, si dice la verità su tutte le cose che sappiamo così fanno chiudere il blog al povero Tonelli. Un po’ di fantasia, e maieutiche questioni: perché si fermano tutti là?
    Chissà.

  17. Anonymous says:

    Diccelo il perché. Al massimo rintracciano il tuo ip. Non ci mettiamo dietro tonelli solo quando fa comodo…

  18. giampaolo says:

    PS: l’anonimo delle 14:57 ero io, erroneamente non avevo inserito il mio nome.

  19. Anonymous says:

    Me sembrate scemi. “Al massimo rintracciano il tuo ip”. Ve lo meritate casaleggio.

  20. Lele says:

    Perdona la mia ingenuità, ma non riesco a immaginare davvero nessun motivo per cui Carabinieri e GdF dovrebbero fermarsi proprio davanti al Bar Italia. L’unico che mi viene in mente è che da quelle parti si trova sempre posto perché si piazzano in doppia fila. Che sarà mai?
    Pensavo fosse un motivo stupido, non avrei mai immaginato che te ne saresti uscito con “se lo dico fanno chiudere il blog a Tonelli”, non è un po’ esagerato?
    Forse hai anche ragione, non lo metto in dubbio, solamente mi hai colto alla sprovvista.

Inserisci un commento



(facoltativo)