Subscribe via RSS Feed

Progettare l’Esquilino. Un nuovo laboratorio partecipato ci prova


Appuntamento domani, giovedì 21 marzo alle ore 18.15 presso gli spazi dell’associazione Cielo Sopra Esquilino di Via Galilei 57, per il debutto in società del laboratorio Esquilino2020 che da circa un anno ragiona su ipotesi di progettualità condivisa riguardanti il nostro Rione. I primi risultati saranno appunto presentati giovedì e, nella gallery qui sotto, Degrado Esquilino è in grado di anticiparvi alcune tavole dedicate ai temi del verde, della mobilità e di altro. Sarà diffusa anche la piattaforma programmatica di questo laboratorio: l’abbiamo letta e ci è sembrata in buona parte condivisibile anche se poco focalizzata sulle vere mosse che potrebbero determinare la svolta nel combattimento contro il degrado urbano: l’arredo urbano, il contrasto alla sosta selvaggia, il coadiuvare le forme di mobilità sostenibili: la bici, i mezzi pubblici, le nostre gambe.
Invitiamo dunque gli amici di Esquilino2020 ad essere meno rinunciatari: ci sono decine di provvedimenti che si possono prendere a costo zero. Che aspettano solo la volontà politica e la lucidità amministrativa per essere compiuti. Chiediamo quelli.

Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (50)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Pippopalla says:

    Tante cose belle e condivisibili, solo che non si capisce come mai, tutte queste belle idee e progetti appaiano in special modo nei periodi pre-elettorali e nelle sedi squisitamente partitiche.Hanno in mano la città da sempre e il risultato lo vediamo sotto ai nostri occhi. Mi dispiace ma non ci crediamo più, tantomeno ad associazioni legate ai soliti vecchi sistemi di potere.

  2. Anthony says:

    ESQUILINO 2080 e più credibile, specialmente conoscendo bene i cervelli immobbilizzati e paralizzati, nonchè la voglia di amare più l’ideologia del propio partito senza versare un goccio d’amore e responsabilità verso la città.

  3. Anonymous says:

    L’unico progetto che l’Esquilino richieda è una bonifica anti-mafia, il resto sono diversivi per adolescenti brufolosi.

  4. cesare says:

    x pippopalla: il laboratorio esquilino2020 lavora da circa un anno e raccoglie tante esperienze del nostro rione con un approccio innovativo e concreto. cercate su fb e se siete intellettualmente onesti vi farete un’ottima idea di questa iniziativa.

    x anonymous: tra gli adolescenti brufolosi ci sono persone di tutte le età e provenienti da molte esperienze civiche e professionali. architetti, ingegneri, archeologi, sociologi, tutti adolescenti brufolosi.

  5. Anonymous says:

    Purtroppo sì. E’ un paese di vecchi minorenni, che non vogliono aprire gli occhi perché non vogliono grane, e il sistema corrotto ha gioco facilissimo nel distrarre questi vecchi minorenni coi “laboratori partecipati”, con le maratone, con le manifestazioni del niente.

  6. Anonymous says:

    …sarà, però qui gira voce che il famigerato centro sociale di viale carlo felice sia gestito proprio da gente del pd…..

  7. giampaolo says:

    non vorrei fare demagogia, ma perchè in tutti i manifesti di qualsiasi corrente politica non leggo mai una parolina semplice e che invece sarebbe necessaria per l’esquilino: SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE?in un’ottica di migliorare la vivibilità del rione, nella lotta al degrado, non c’entra forse garantire una maggiore sicurezza a chi nel rione ci abita?vedo dalle immagini che il progetto mette al centro piazza vittorio: beh, non vorrei ripetere quanto già detto molto bene in tanti post su questo blog su spaccio, prostituzione, commercio abusivo, ma non vi sembra che anche questo sia lotta al degrado?e ve lo dico da sostenitore del verde pubblico e nemico dell’invasione delle maghine. Insomma a me da abitante del quartiere mi piacerebbero anche proposte, diciamo così, un pò più pratiche ma che rispondono a problemi con cui mi scontro tutti i giorni.

  8. Anonymous says:

    Sempre bravo Giampaolo, quanto all’anonimo precedente, hai ragione anche tu, se non fosse che tutte le occupazioni abusive di Roma tranne casa pound sono gestite dal pd e satelliti.

  9. Anonymous says:

    Per questo dico, vi fanno giocare con le palline e i dadini(partecipate!) e nel frattempo loro gestiscono, assecondano, moltiplicano i fondamenti di reato.

  10. Anonymous says:

    Ho visto le immagini del progetto relative a piazza vittorio,vi racconto come devo fare per raggiungere la piazza:apro il portone e scavalco il paraurti dell’ennesima macchina parcheggiata a cavolo (vigili chiamati da tutti i condomini ma…dopo due ore di casa devi uscire per forza), non cammino sul marcepiede perchè invaso dai motorini e mi incammino in strada in fila indiana con mia figlia, pregando che non ci investano; tra via merulana/lanza/brancaccio dribblo un numero invariato di barboni e i loro escrementi;tra via dello statuto e i portici incontro maghe,cartomanti,ogni etnia mondiale che cerca di venderti di tutto e tutti che ti chiedono soldi o sigarette,malati di mente aggressivi e alcolisti che si pisciano sotto,punkabbestia con i cani sciolti, rom mutilati e non,banchi abusivi,prostitute, spaccio, ogni deriva umana e di degrado civile è presente. Ora..al di là del progetto in se…credo che una vera riqualificazione sia il ripristino della LEGALITA’ e della SICUREZZA del nostro rione.

  11. cesare says:

    sulle occupazioni vi prego di informarvi meglio. di demagogia si muore… per le persone interessate davvero al rione, qui c’è la presentazione del lavoro fatto.

    http://prezi.com/hostvdw9yxdq/esquilino2020-presentazione/?kw=view-hostvdw9yxdq&rc=ref-25256337

    le critiche costruttive nel merito sono sempre bene accette, per tutto il resto fate da soli…

  12. cesare says:

    …e questo è il gruppo fb con tutti i documenti e i report degli incontri svolti…

    https://www.facebook.com/groups/103157716491599/

  13. red says:

    pomeriggi per pensionati e per giovanotti in cerca di fama, nulla di nuovo belle intenzioni mai seguite fai fatti ,sono anni che ogni tanto specie in vista di una competezione elettorale ci propinano i soliti riti

  14. giampaolo says:

    io non penso che l’esquilino muoia a causa della demagogia. dico solo che sarò contento (e interessato) quando nei vari progetti vedrò tra i punti principali proposte concrete per risolvere i problemi che ho citato, e che mi pare non percepisca solo io come tali.

  15. L'ABUSIVISMO VIENE TUTTO DA SINISTRA says:

    Ma fosse vero, pensionati for ever.
    Sono pseudo iniziative in cui ulche grfico di quart’ordine, qulche ingegnerucolo e qualche architetto ben ammanicato mangiano un sacco di soldi pubblici per organizzare il niente.
    All’esquilino va progettata una mega indagine anti droga, anti immigrazione abusiva, e nti occupnti abusivi, che, ripeto, SONO TUTTI LEGATI ALLA SINISTRA, uno dei motivi per cui va assolutamente scalzata dalle istituzioni, che usa per diffondere l’illegalità.
    E’ inutile tagliare gli stipendi ai parlamentari, se poi i nostri soldi volano a milioni per foraggiare sussidi agli stranieri, ai centri di accoglienza, ai campi finti nomadi, alle bollette di zozzoni occupanti, per acquistare edifici comunali (quelli già esistenti vengono regalati a congreghe di nullafacenti).

  16. BOICOTTA L'INDIA E I PRODOTTI INDIANI says:

    Scusate se aggiungo un appello, estraneo all’argomento: come avrete letto il delirante, infame governo monti ha deciso di rimandare in india i due fucilieri, dopo la brillante trovata di fare il muso duro con quel governo di zulu.
    In india dovremmo mandarci monti, a pedate.
    Siccome l’india, come tutti i paesi del quarto mondo che speculano su un’industria di monnezza, in cui gli esseri umani sono trattati come monnezza, che vivono nella monnezza e che cercano di trasformare in monnezza pure i paesi civili, cerca di autoconvincersi di essere un referente internazionale, infrangendo le regole secondo lo stile zulu e facendo la voce grossa, direi che è ora di rimettere zulonia al suo posto.
    Smettiamo di comprare monnezza indiana possibilmente per sempre, ma assolutamente fino a che l’india non torna nell’ordine di idee di essere quello che è, un fonte di monnezza, e non rispetta i trattati internazionali e i nostri soldati.

  17. Lulù says:

    In un Paese NORMALE la vicenda dei marò sarebbe stata gestita diversamente. SOno stati rimandati in India, dove con i trattati internazionali e la carta dei diritti dell’uomo ci accendono l’incenso. TERZI doveva consegnarsi al posto dei Marò e dimostrare di avere spina dorsale.Ma tutto il governo Monti è eticamente impresentabile.
    SI AL BOICOTAGGIO, credo che senza paciuli e tamarindo la vita non ci cambia.

  18. Anonymous says:

    Brava, ma soprattutto guardare le etichette degli straccetti colorati nei negozi d’abbigliamento, e dei componenti informatici.
    E diffondere. Vediamola l’india imperialista.

  19. Patrizio says:

    Purtroppo nell’era della globalizzazione non riuscirai mai a boicottare un paese non comprandone i prodotti. Sai quanti beni vengono prodotti grezzi (ad esempio i tessuti dei vestiti) nei paesi del terzo mondo e quindi spediti in Italia per la lavorazione finale e quindi marchiati Made in Italy?

    Il boicottaggio internazionale è una battaglia persa in partenza.

  20. giulia says:

    è la prima volta che passo per questo blog. ho visto l’interessante post e poi ho trovato commenti sull’india…mi sono persa qualcosa? a prescindere dalle opinioni politiche (io nono sono un’elettrice del pd) credo che si dovrebbe discutere di più sui contenuti delle proposte. può uscire qualcosa di buono da chiunque…perchè remare contro a prescindere? io ho visto con interesse e favore i link che ha lasciato cesare, mi sembrano segni evidenti di un cambiamento di prospettive

  21. Anonymous says:

    cesare, il tuo intervento sulle occupazioni abusive è un pò ambiguo. potreste chiarirci meglio il vostro pensiero in materia ?

  22. cesare dornetti says:

    anonymous (ma poi è così complicato mettere il proprio nome? io faccio di più perchè non ho niente da nascondere, metto anche il cognome), spiegami l’ambiguità. io ho le idee piuttosto chiare che sono quelle della legge. personalmente la parola abusivo mi genera l’orticaria. La legalità viene prima di qualsiasi discorso. Quello che cerco di spiegare è che però è necessario intraprendere parallelamente alla questione della legalità anche quella della pianificazione. è dimostrato che in tutte le situazioni dove c’è una buona pianificazione l’illegalità trova maggiori difficoltà. non bisogna lasciare nessuno dei due aspetti.

  23. Il classico nullese della sinistra says:

    giulia è il classico elettore di sel che per evitare di dire “non rompetece le scatole a noi che grazie alle varie sinistre e sindacati campiamo senza fa’ niente”, parla il tipico “nullese” di chi cerca di buttarla in caciara.

  24. Ributtante: Il classico nullese della sinistra says:

    “credo che si dovrebbe discutere di più sui contenuti delle proposte. può uscire qualcosa di buono da chiunque…perchè remare contro a prescindere? io ho visto con interesse e favore i link che ha lasciato cesare, mi sembrano segni evidenti di un cambiamento di prospettive”.
    No comment. Cosa ha detto?

  25. Ributtante: Il classico nullese della sinistra says:

    Ha detto: “Da partiti che difendono e propugnano gli illeciti si può ricavare casa aggratise, pseudo-lavori senza merito, finanziamenti infondati, dunque, perché ci dovete rompere le uova nel paniere?”
    Quanto a Patrizio, se si vuole fare davvero non è impossibile. Su internet si trovano tutte le fonti di produzione delle varie case di moda e marchi. Gli stracci al mercato non vanno comprati e basta.
    L’Italia è il quarto paese per importanza di commerci con zulonia: stai tranquillo che gliene importa eccome che la loro spazzatura perda quota, e perché ciò accada basta rinunciare ad acquistare smart phone e prodotti informatici di loro produzione.
    Se poi il boicottaggio si diffonde (nessuna popolazione civile può accettare un simile imbizzarrimento nei rapporti internazionali), zulonia è sistemata.

  26. Giorgio M olli says:

    …tornando al concreto, bisogna iniziare ristabilendo la legalita in questo quartiere ed in questa citta altrimenti tutti i bei progetti (preelettorali) sono del tutto inutili. Come fare?

  27. Manlio carvili ( ex anonymous) says:

    Cesare, sono perfettamente d’accordo con te. Pero’ io abito in una zona dell’esquilino, dove la vita di residenti e’ letteralmente massacrata dal noto centro sociale sans papier. E, informatomi meglio, pare che siano piu’ che voci, quelle secondo le quali sia gestito da gente del pd. Quindi mi chiedo se quello espresso sia un tuo parere personale e quale sia la linea del partito democratico

  28. giampaolo says:

    come fare giorgio?con i controlli delle forze dell’ordine(vedi alla voce prostituzione e spaccio), con il coordinamento costante tra forze dell’ordine e amministrazione municipale e soprattutto con un municipio serio che combatta con i dovuti provvedimenti (e non invece che faciliti) attività illecite quali ad esempio il commercio abusivo. partiamo dalla sicurezza, dal togliere lo schifo più schifo dal rione, dal togliere la paura a chi si trova costretto a girare a piedi in alcune vie dell’esquilino (vedi l’appello condivisibilissimo di anonymous del 22/03/2013 at 11:13) e poi pian piano viene il resto. se io ho paura a girare alle 21:00 di sera a piazza vittorio e vie limitrofe(manco fosse il bronx)mi dite di quali progetti sulla socialità & co. stiamo parlando?

  29. giampaolo says:

    cesare, la legalità e la sicurezza vengono prima della pianificazione. sono temi nè di sinistra nè di destra ma della gente. se non si toglie di mezzo schifo e illegalità progettare e pianificare il bello è molto difficile. prendi per esempio il caso del commercio abusivo e schifoso (bancarelle, camion bar dappertutto): se a livello municipale e comunale ci sono ancora lobby (usiamo sto termine va, sono buono stasera…)che ci campano, come pensi che potrà risolversi davvero questo problema?

  30. lulù says:

    La validità di un progetto passa per la libertà delle idee da ogni egemonia politica ma se queste vengono promulgate sul sito di un partito(PD) con sezione dedicata,ho delle perplessità. La ‘pianificazione’ territoriale è importante e mi piacerebbe moltissimo vederla applicata anche e SOPRATTUTTO al sans papier, tanto per dirne una….

  31. cesare says:

    manlio, su sans papier mi viene difficile pensare a una gestione da parte del pd, soprattuto considerando la distanza politica siderale tra noi… ma non si sa mai, potrei anche sbagliarmi. fate qualche nome, sono curioso di verificare nei fatti…sulla legalità e sul decoro mi dispiace ma non transigo. all’esquilino in questi anni siamo stati promotori di numerose iniziative a riguardo, dalle numerose pulizie dei portici, alle segnalazioni dei cartelloni abusivi, al contatto con il commissariato del rione, alle pressioni sull’ama, ma non sto qui a far propaganda, anche perchè il laboratorio esquilino 2020 non è di partito. l’unica cosa che mi piacerebbe sono le opinioni sulle proposte e su 30 commenti non ne ho letta una…

  32. PD, PD...e le foglie di fico per i crimini says:

    Tutta Roma è invasa dai manifesti abusivi della triade csoa, scup e sans papier, firmati dai tre congiunti. Se non ti bastano le rivendicazioni di fantino, cicconi, ingroia e nobile, Cesare, ti serva l’osservazione dello scempio dei muri romani.
    Dopo che hanno invaso Roma di occupanti(quante infamie con le case popolari in nome dell “fratellanza” di partito) e di abusivismo (oh, i poveri stranieri), tirano fuori iniziative da doposcuola, così gli scemi che lavorano e rispettano le leggi, si distraggono e magari li votano pure.

  33. giampaolo says:

    cesare io la presentazione di esquilino 2020 l’ho vista ed è anche condivisibilissima. qui però il problema è realizzarle le cose, non ipotizzarle. le azioni a favore dell’esquilino vanno valutate non sulla base dei progetti ma sulla base, concreta, dei risultati (e qui purtroppo i risultati latitano a prescindere dal colore politico). del resto, ripeto, gli spacciatori sotto i portici di piazza vittorio ci sono ancora così come le bancarelle abusive, non molto lontane da dove io vari partiti mettono il loro stand periodicamente o in occasione delle elezioni.

  34. Giorgio M olli says:

    Ma i vigli urbani dove sono? E se qualcuno li ha visti, cosa fanno?

  35. manlio carvili says:

    Cesare, il programma è tutto più o meno condivisibile. anzi, disponibilissimo a dare una mano. Solo un appunto: per quanto riguarda la zona in cui abito,viale carlo felice, non coglie i reali fattori produttivi di degrado della zona (di “devastazione” della zona sarebbe più appropriato).
    1) al primo posto, perchè dura 365 giorni l’anno, il sans papier. quello che hanno fatto la notte fra domenica e lunedì avrebbe fatto vergognare mario alessi.
    2) al secondo posto, per la sua portata, il concerto del primo maggio. e non solo per i disagi che, per chi ci vive, durano una settimana/10 giorni, ma anche perchè è inutile risistemare prati, giardini e muri se poi vengono massacrati ogni anno.
    3)al terzo posto, la politica vandalica della banca d’italia, proprietaria in zona di innumerevoli esercizi commerciali, e principale responsabile della desertificazione commerciale della zona.
    ps
    Il tizio del sans papier, mi dicono, dovrebbe essere qualcuno del IX municipio, ma ancora non ho saputo il nome.

  36. cesare says:

    caro manlio, è questo che volevo leggere! punti concreti su cui lavorare da inserire in un progetto complessivo, perchè il lavoro del laboratorio non è chiuso ma sempre vivo, da migliorare, completare, espandere, anche in funzione delle segnalazioni dei cittadini. PS: questa storia di sans papier mi sta incuriosendo sempre di più…

  37. Anonymous says:

    quanto siete ipocriti cesare, ma non vi vergognate?

  38. Anonymous says:

    Sinistra: su tutti i giornali stamattina c’era la notizia: Rom con conti da nababbi, minacciano i vigili: “Io sono il capo clan, state attenti che io conosco al senato (boldrini sicuro) vi faccio saltare per aria”.
    Su tutti i giornali tranne uno: repubblica.

  39. manlio carvili says:

    se c’è gente in grado di ragionare sui fatti concreti, senza farsi influenzare dalla ideologia, non mi interessa se sia di centro, destra o sinistra. se c’è gente onesta di buona volontà, magari può pensarla diversamente da me sui massimi sistemi, ma sono sicuro che saremo d’accordo sui marciapiedi puliti. E, in procinto di cambiare quartiere, il quartiere dove abitavano i miei nonni, vi dico ,magari, magari trovassimo 100 di queste persone. cambierebbe tutto.ma proprio tutto. ma i miei nonni sono morti e, in tutta sincerità, gli attuali abitanti dell’esquilino non mi sembrano all’altezza del compito, perchè “tanto non cambia niente”, oppure perchè “ci bruciano le macchine”….e mi dispiace tanto nonno, ma le cose cambiano, e qui sono cambiate.parecchio.

  40. giampaolo says:

    manlio sono d’accordo con te, non si può non essere d’accordo (anche se purtroppo invece c’è sempre il bastian contrario) su marciapiedi puliti, un minimo di sicurezza, pulizia delle strade, illuminazione decente, divieti di sosta rispettati, insomma su quel minimo di cose che rendono appena civile, abitabile un quartiere. Dato che all’esquilino questo minimo di cose si fa fatica a raggiungerlo pensi però che abbattersi sia l’unica via?

  41. cesare says:

    chiedo all’anonimo molto coraggioso che mi dà dell’iposcrita di cosa dovrei vergognarmi e quale sia la mia ipocrisia…a manlio e giampaolo voglio dire che anche secondo me la cosa più importante è recuperare uno spirito di comunità che voglia bene al luogo in cui vive, a prescindere dal proprio credo politico.

  42. Anonymous says:

    Ma perché tu cesare non sei anonimo?

  43. cesare dornetti says:

    no

  44. Anonymous says:

    Magari a qualcuno non va di comparire a digitazione su google per battibecchi telematici, e non è che tu cesare sei l’eroe dei due mondi perché scrivi che sei cesare.
    E’ inutile poi che facciate tutti gli ecumenici, chi non prende posizione è solo un ponzio pilato connivente.
    Se io so che il pd sostiene le occupazioni abusive e nega i fondi per l’assistenza ai disabili per pagare le bollette ai centri sociali, se io so che la sinistra urla da anni che chi vuole ordine e rispetto della legge è un negriero e un fascista, se io so che quelli che sotto casa mia spcciano e delinquno li protegge la sinistra, ma come posso non solo votre sinistra, ma fare finta che votare o meno dei delinuenti sia un atto neutro?
    Perciò è inutile che facciate tutti i disimpegnati, tre quarti dello sfracello di Roma è dovuto a una parte politica, che poi cerca di farvi entrare nel kindergarten dei cittdini deficienti.

  45. Anonymous says:

    Sei un ipocrita perché eviti di spiegarci come facciate a ergervi a difensori del decoro, quando gli abusivi in mezzo alla strada e nei palazzi pubblici ce li mettete voi.

  46. cesare dornetti says:

    e chi ha parlato di eroi…ho parlato di temi pratici, non di negrieri e fascisti… il tuo approccio anonimo e astioso è distante anni luce da chi ha voglia di costruire pensando al futuro mettendocci la faccia e il (poco) tempo libero. la mia buona fede non mi fa temere di essere trovato su google…e mi permetterà di non rispondere più a riguardo di cose che esulino dall’oggetto del post. chiunque tu sia, buona giornata!

  47. Anonymous says:

    Cercate di buttarla in caciara, perché a voi si deve il fatto che Roma, anzi, l’Italia, sia ormai un paese distrutto, una succursale musulmana; giocate a fare i percorsi ciclabili mentre intorno proliferano gli spacciatori maghrebini; gli stessi che trovano asilo presso le case occupate grazie alla vostra protezione.

  48. Anonymous says:

    sulle “tante esperienze e l’approccio innovativo e concreto”, basta farsi un giro a piazza Vittorio per vedere i risultati di tante chiacchiere del cavolo.

  49. Anonymous says:

    L’approccio deve essere ANTICO, ossia POLIZIA, GIUDICI, INDAGINI E CHIUSURA DELLE FRONTIERE. Eccolo l’approccio che serve.

  50. giampaolo says:

    Comunque stamani ho visto l’invasione dei manifesti di tredicine.ragazzi va bene tutto ma ad un certo punto basta!

Inserisci un commento



(facoltativo)