Subscribe via RSS Feed

Non votate chi insozza l’Esquilino. Ops, è Caratelli…


Non ci mancavano i Fratelli d’Italia di Stefano Tozzi che vincono di gran lunga il premio come il partito più abusivo e zozzo della campagna elettorale, ora ci si mette anche un altro noto politico esquilino, Augusto Caratelli. Con le sue legioni di antichi romani in maschera, il capo dell’associazione Roma Caput Mundi (sic.) si è avvicinato all’ex terrificante assessore all’immobilità Antonello Aurigemma (quello che ha gestito l’inaugurazione della metro B1, per capirci) e ora lo sponsorizza così come vedete. Sui contenitori della Caritas in Via dello Statuto e altrove. Uno che esalta l’orgoglio della “Caput Mundi”, capito!? Cose che se le facevi durante gli anni d’oro dell’impero ti appendevano a testa in giù legandoti per le palle. Dolore eh, Caratelli?
Questa settimana impegnatevi ancora di più a fare il giro del Rione e guardate i manifesti fuori posto: in particolare prestate attenzione a partiti e realtà che hanno un legame con l’Esquilino (Caratelli appunto, Fratelli d’Italia, Casa Pound…) perché il loro peccato vale triplo. E segnatevi chi assolutamente non va votato…

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (8)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. giampaolo says:

    io farei una menzione speciale anche per rivoluzione civile di Ingroia: ha tappezzato cabine telefoniche, entrata della metro A Manzoni…beh, bella rivoluzione quella di sporcare…

  2. giorgio says:

    Più che per i manifesti sti soggetti non andrebbero votati per il disastro che sono stati capaci di generare in Italia e a Roma in particolare.

  3. marte says:

    ma di che vi meravigliate ? uno che si prende il merito di cose fatte da altri e ci stampa pure i manifestini pre-elettorali, che altro potrebbe fare per avere qualche voto ? Ricordatevelo quando sarete in cabina, e sarà opportunamente ripagato.

  4. Anonymous says:

    Ingroia è un fuori concorso: uno di quelli che sostengono le occupazioni abusive direi che è da boicottaggio totale. Gli unici di cui non vedo i manifesti effettivamente sono i grillini e la destra sociale, oltre alle liste civiche.

  5. liberivs says:

    Sessorium non confonderele associazioni di rievocazione storica, che fanno un lavoro diricerca, sudio, ricostruzione in mniera seriae in collaborazione con le università e che magari sono fragiati da medagle d oro della Presidenza della Repubblicaper l’opera di divulgazione che compiono quotidianamente, con politici di bassa lega, chi porta le maschere sono altri, a cominciare da chi non firma gli articoli che scrive.

  6. Lucia says:

    Cosa dire di quelli che mettono i manifestini sotto i tergicristallo? Oggi le macchine parcheggiate in via Carlo Emanuele e vie limitrofe erano cariche di volantini. Ma che fine fa tutta questa cartaccia ? Ma soprattutto… chi ve vota?

  7. Anonymous says:

    Ogni tanto salta fuori un Lunoide, abitante della Luna sceso tra noi che ci parla di non si capisce bene che. Tipo Liberivs.
    Comunque, può essere pure un manifestino di Gandhi, va sanzionato.

  8. liberivs says:

    Anonymus, cero che va sanzionato, ci mancherebbe altro, io non mi riferivo ai manifesti, ma purtroppo al reataggio culturale, che troppo spesso l opinione pubblica fa della associazioni di rievocazione storica, ci sono quelle che svolgono questa attivita in maniera seria e professionale e quelle che fungono da vetrina per ineressi personali

Inserisci un commento



(facoltativo)