Subscribe via RSS Feed

Dalla padella alla brace di Via Emanuele Filiberto


Questa foto è per te piccolo povero cittadino che pensavi che Via Emanuele Filiberto fosse la peggior strada del Rione e forse di Roma. Che non fosse un luogo peggiorabile. E dunque eccoti servito. Non hanno allargato i marciapiedi, per la verità non li hanno neppure riqualificati, non hanno eliminato tutt’intorno la sosta selvaggia e il tram viaggia promiscuo in mezzo alle auto, ciò nonostante sono sbucati i tavolini all’aperto. Guarda che bellezza, piccolo povero cittadino!

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (11)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. giampaolo says:

    indecente, una situazione indecente. vogliamo dire dei marciapiedi che andrebbero allargati?vogliamo dire dei cestoni dei rifiuti impresentabili e minimamente non accostati al marciapiede (il top però, amici di via filiberto, sono i 2 cestoni di viale manzoni, altezza angolo con via tasso, che vengono puntualmente lasciati dai mezzi raccoglitori AMA a una distanza di quasi un metro dal bordo del marciapiede, praticamente in mezzo alla strada: a quando l’incidente?)?vogliamo dire delle macchine parcheggiate in terza fila (vigili ovviamente sempre belli tranquilli e paciosi nel gabbiotto all’angolo con viale manzoni, a 50 metri da dove sono state scattate le foto…e devo pure leggere qui sul blog gente che ne difende l’operato…)?vogliamo dire dei cartelli, delle sedie e dei tavoli dei negozi che costringono ad uno slalom sul marciapiede (già stretto) con il rischio di cadute (provare per credere?io ho provato uno dei scorsi giorni quando ha piovuto)?sorvolo sulla mancanza di pulizia perchè quella riguarda i marciapiedi di tutta Roma (certo l’Esquilino tra i quartieri è a primi posti…) e di ciò ringraziamo sentitamente l’AMA. Una via (ma il discorso potrebbe valere per viale Manzoni) che andrebbe assolutamente valorizzata per la sua importanza sia come strada di collegamento sia da un punto di vista commerciale (100 pizzerie kebab attaccate sono necessarie?frutterie sempre vuote a go-go: non se ne può fare a meno?) e che invece viene uccisa ogni giorno dall’assenza di chi dovrebbe intervenire (la lista è lunga, sotto a chi tocca: municipio, AMA, Polizia Municipale, …) e invece se ne fotte.

  2. Anonymous says:

    Tutto giusto. Faccio notare che il punto è sempre lo stesso; l’alternanza kebab-internet-frutteria-abusivismo-degrado, indica ovunque la stessa cosa, che qualcuno, che non ha bisogno di negozi “veri”, ma solo di centrali di controllo del territorio per affari d’altro calibro, ha in mano l’Esquilino e San Giovanni. Da china town a kebab town, sempre cosenza city è. Più che isolare questa zozzeria e non dare loro anche i soldi della spesa, non si può fare.
    Ma poi lo scemo che compra i limoni da abdullah lo trovi sempre.

  3. Anonymous says:

    veramente le pizzerie di viale manzoni sono frequentatissime pure da tanti turisti ma c’è uno solo che scrive le stesse cose per tutti?Su via emanuele filiberto invece sono stradaccordo ,cmq sto buttare fango su tutto e tutti francamente ha stancato, capisco che qualcuno si candiderà prossimanente e cosi raccatta quattro voti in più ma insomma datevi pace

  4. franci says:

    non riesci a darti pace quando ogni giorno cammini su queste strade, quando ogni mattina accompagni tuo figlio a scuola percorrendo via e. filiberto e poi via bixio tra il misto di puzza dei gas di scarico, dei marciapiedi e dei cassonetti, dicendogli continuamente di non avvicinarsi ai muri, di fare attenzione a non pestare le cacche o i rigoli di piscio, alle buche, alle radici, alle macchine o ai motorini che montano sui marciapiedi, ogni santa mattina all’andata e ogni santo pomeriggio all’uscita.
    e se inoltre un po’ di tempo hai anche paura a camminare da sola la sera su queste strade, come fai darti pace?

  5. Il fango è nella città says:

    E’ inutile che proviate a giocare con le parole, senza saperlo fare: è la città ad essere invasa dal fango, come confermano i resoconti dell Finanza e dell’ Antimafia, e la coscienza delle persone perbene riconosce ciò che vede.
    Il problema è che poi ci siete voi, i collusi con questo fango, che cercate di imporre la lurida omertà che vi portate da casa, cercando di impedire alla gente di dire, di scrivere, di rendersi conto e di far rendere conto agli altri di cosa ci sia dietro il degrado generalizzato.
    Continuate a prendervela con il signor Tonelli, fingendo di non credere che c’è una miriade di persone che ai giochetti, anche pubblicistici, della criminalità organizzata, non ci stanno.
    Se poi il signor Tonelli si candida, io lo voto di sicuro, con tutta la mia disapprovazione per i parcheggi interrati.
    Datevi pace, sarete spazzati via con le vostre pizzerie kebabberie fetenti, cocainofore, semi vuote e senza scontrini.

  6. Anonymous says:

    Ah bè, il famoso turismo di viale Manzoni…

  7. giampaolo says:

    per anonimo delle 06:03:i turisti a viale manzoni nelle pizzerie? tu intendi quelle all’angolo con via giolitti, e ok, ci posso pure stare…ma la via l’hai vista in che condizioni è?ma tu cammini sui marciapiedi o voli?ma tu lo schifo intorno ai cestoni dei rifiuti lo vedi e passandoci lo senti o no?io non butto fango su tutto e tutti, mica me la sono presa col governo ladro ma con 1)municipio, 2) polizia municipale I gruppo 3)AMA sezione esquilino. Stop. Il misto kebab-internet-frutteria-abusivismo-degrado purtroppo esiste (ed aggiungerei money transfer): cos’è non lo dobbiamo vedere?Qui non si candida nessuno, semplicemente non votiamo quelli come te che vogliono darsi pace ed accettare questo stato delle cose.o non dobbiamo neanche parlarne?

  8. Anthony says:

    Non solo sporcizia, ma la mancanza di dare un volto europeo a questa strada è quello che colpische ancora di più. I marciapiedi andrebbero allargati, lampioni istallati ed alberi piantati! Anche Via Cavour è più africana che europea!!

  9. Anonymous says:

    Mi sbaglierò ma qui d’Europa ce n’è fin troppa, insieme alle porcherie che ci ha imposto; quanto ai marciapiedi ampi e ai lampioni, bè, dubai ne è piena.
    Forse dovremmo puntare sulla nostra bella, vecchia vecchia Roma: guardate come sono gli angoli di Roma dove non è arrivato l’asfalto, il palazzinaro, il calabrese aumma aumma che cerca di ripulirsi: e mi riferisco alla parte interna di Trastevere, alla Garbatella vecchia, alle viuzze dietro Campo de Fiori.
    Non è il caso di darsi come modello i basaalti piatti di stoccarda, che non ha un bar neanche a pagarlo, in compenso ha un kebabbaro ogni dieci metri; e la parte più bella di Parigi, per esempio, è quella vecchia, come il Marais, per esempio, coi marciapiedi a norm sì, ma piccolini.
    E che dire di Firenze, che senza un albero e coi marcipiedini mini mini fino al pre-renzi era un gioiello?
    E’ l’incultura mafiosa che sta distruggendo il nostro paese, non lo scarso europeismo.

  10. Anonymous says:

    Mi sbaglierò ma qui d’Europa ce n’è fin troppa, insieme alle porcherie che ci ha imposto; quanto ai marciapiedi ampi e ai lampioni, bè, dubai ne è piena.
    Forse dovremmo puntare sulla nostra bella, vecchia vecchia Roma: guardate come sono gli angoli di Roma dove non è arrivato l’asfalto, il palazzinaro, il calabrese aumma aumma che cerca di ripulirsi: e mi riferisco alla parte interna di Trastevere, alla Garbatella vecchia, alle viuzze dietro Campo de Fiori.
    Non è il caso di darsi come modello i basaalti piatti di stoccarda, che non ha un bar neanche a pagarlo, in compenso ha un kebabbaro ogni dieci metri; e la parte più bella di Parigi, per esempio, è quella vecchia, come il Marais, per esempio, coi marciapiedi a norma sì, ma piccolini.
    E che dire di Firenze, che senza un albero e coi marciapiedini mini mini fino al pre-renzi era un gioiello?
    E’ l’incultura mafiosa che sta distruggendo il nostro paese, non lo scarso europeismo.

  11. Anonymous says:

    Vi ricordate i – giusti- commenti fatti a proposito della mafia dei supermercati con la sentinella – finto povero di fuori?
    Hanno appena sequestrato tutti i DESPAR alla mafioissima famiglia dei MESSINA, arrestati i componenti per associazione a delinquere.
    Ecco, il fango che sarebbero le persone per bene a buttare su Roma.
    ZOZZI MAFIOSI, ANDRANGHETISTI E CAMORRISTI, TORNATEVENE NELLA SPAZZATURA

Inserisci un commento



(facoltativo)