Subscribe via RSS Feed

Fenomenologia della bancarella elettorale

Siete tra quelli che consideravano ancora troppo poche le raccapriccianti bancarelle lungo tutto il perimetro di Piazza Vittorio? Eccovi serviti con l’ultima arrivata, giusto sul marciapiede all’angolo con Via Carlo Alberto, con il suo furgone, come il guscio e la chiocciola, piazzato in un punto che rende non pericolosissimo, di più, quell’incrocio, con le sue merci alla riunfusa, con la sua posizione a rendere impossibile il deflusso di sicurezza dalla metro. In caso di attentato, di incendio, di necessità di fuga, chi sta sotto la metro deve fare la morte del topo perché fuori ci deve stare il nuovo ambulante, l’ennesimo.
Le bancarelle a Roma muovono tanti soldi, chi le gestisce pagata la campagna elettorale e dunque sotto elezioni le bancarelle si muovono, si moltiplicano, guadagnano posizioni. Nessuna città nel pianeta ha 10mila bancarelle, un fenomeno che, tra l’altro, come alcuni blog spiegano con dovizia, sta uccidendo il commercio tradizionale. Ci troveremo tra cinque anni ad avere solo (solo!) bancarelle e saracinesche abbassate. E la colpa, oltre alla camorra che le gestisce ed alla corruzione che le sfrutta, è chi compra.
Ma torniamo a Piazza Vittorio. Sotto elezioni dicevamo, già: ma sia prima che dopo il voto. Da Piazza Vittorio la precedente amministrazione di centrosinistra (di fronte a questi lestofanti ignobili persino Walter Veltroni spicca come uno statista e un grandioso amministratore) era riuscita a togliere le bancarelle, la Piazza era tornata ad avere una dignità propria. Arrivato Alemanno, ma soprattutto arrivato Bordoni, nonostante la contrarietà (a parole!) di quelli che oggi si chiamano Fratelli d’Italia, passò la tesi che le bancarelle (roba appannaggio di pochissime famiglie, con milioni di euro di fatturato quasi tutti in nero) dovevano tornare altrimenti si mettevano in difficoltà degli operatori. Piazza Vittorio venne trasfigurata e ora ci vorranno quarant’anni per ripristinare la normalità, chissà quale amministrazione ci riuscirà. Le bancarelle comparvero subito dopo le elezioni e ora quest’altra, la bancarella elettorale di Via Carlo Alberto, compare subito prima. Da oggi anche l’ultimo lembo di marciapiede, l’unico incrocio con una visibilità civile è perduto. Siamo passati e abbiamo urlato all’addetto “viva le elezioni eh!?”. Ha sorriso, sornione…

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (16)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Magica says:

    Ancora una volta non si può esprimere a parole quanta rabbia e disgusto si provano assistendo a tutto ciò . Ma quello che mi chiedo è : la gente si rende conto di questo schifo che cresce rapidamente ogni giorno di più ? O siamo solo in pochi “fanatici” del decoro ,della pulizia e sopratutto della legalità? Riusciremo alle prossime elezioni a cambiare qualcosa ?

  2. Roberto says:

    domanda non finto ingenua e nemmeno ironica: dato che in Italia tutto si muove con le lobby, perchè i commercianti “regolari” non trovano il modo di farsi sentire? è chiaro che le bancarelle affossano i loro ricavi, ma anche loro hanno un bagaglio non trascurabile di voti, no?

  3. Marcus says:

    Risposta: perche sono ormai depressi e abbrutiti e forse.. hanno anche paura.

  4. Giampaolo says:

    posto l’odio/disgusto/indignazione contro l’amministrazione comunale, in effetti davanti l’uscita della metro la bancarella non può stare per ragioni di sicurezza: perchè non facciamo una segnalazione ai vigili del fuoco? sessorium sai a chi/come si fa?

  5. Anonymous says:

    Torno a ripetere: ma le pacchianate chi ce le compra? E poi, de nuevo: ma un bell’esposto collettivo? Così poi magari prima di sporgere denunce contro i blog anti mafia ci pensano due volte.

  6. Giampaolo says:

    esposto collettivo, segnalazione, quello che volete, purchè si faccia qualcosa e non si rimanga solo con le parole.

  7. letizia cicconi says:

    ho subito segnalato la cosa al presidente Corsetti, che ha allertato i vigili, ieri la bancarella non c’era, vi terrò informata sulla vicenda grazie per il lavoro che fate

  8. letizia cicconi says:

    dimenticavo che è del tutto illegale posizionare le bancarelle all’angolo della strada e meno di venti metri dalle uscite metro ed a meno di ciquanta da luoghi d’interesse archeologico, andrò a fondo a questa vicenda se la bancarella tornerà ancora ,adesso basta

  9. aldo says:

    oltre a segnalare per l’ennesima volta l’orrida bancarella-suk di via Amendola che occupa ALMENO il doppio dello spazio a essa riservato vorrei anche segnalare l’”odore” fortissimo proveniente, specie di mattina presto, dal “kababbaro” lì a pochi metri. ma i NAS una capatina non ce la fanno mai?

  10. Marco says:

    Confermo che la bancarella di via Amendola/via Gioberti sta proprio all’angolo…

  11. Anonymous says:

    Rispondo a Magica. Metà degli italiani si indigna per le porcherie a cui assiste, l’altra metà ci mangia.
    Ecco perché è importante stare uniti, e denunciare. Oltre che difendere chi si espone, come il signor Tonelli.
    Per dire, io avevo lasciato la mia mail per un esposto contro l’occupazione di Via Nola, e non ho ricevuto un’adesione. Ciò non ostante io l’ho fatto da sola.
    Forse tutt questa vogli di giustizia non c’è. m tnt vogli di chicchierre sì.

  12. Anonymous says:

    Risposta a Roberto, il più delle volte quando vedi qualcosa di illecito nei pressi di un negozio, il negoziante è d’accordo.
    Per esempio, a Ottaviano sono gli stessi negozianti che foraggiano gli ambulanti. C’è una frutteria bengalese che passa la merce ai compari, alcune pelletterie hanno il lenzuolo senegalese davanti.
    Per non parlare della mala dei supermercati col pasciuto africano a mano tesa o la zingara con 45 minori a fianco.
    Se in Italia la mafia ha campo, è perché ha tante nullità alla base della piramide che la chiedono.

  13. antipop says:

    GRAZIE, LETIZIA

  14. Anonymous says:

    Per non parlare delle chiese con lo zingaro fuori che aspetta le signore anziane per elemosinare.

  15. giampaolo says:

    Eh si avvicinano proprio le elezioni: http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/01/24/news/stretta_contro_i_dehors_selvaggi_al_pantheon_chiuderanno_7_locali-51162709/
    chissà invece quando vedremo i vigili mandare via le bancarelle sotto i portici di piazza Vittorio?Mai!

Inserisci un commento



(facoltativo)