Subscribe via RSS Feed

Come birilli in un bowling. Aspettare il 70 a Via Giolitti


E’ fuori di dubbio, anche appunto guardando le immagini di questo incidente (riealaborate anche nel video qui sotto), che il capolinea sia in una posizione assai scomoda. Non siamo però d’accordo con il lettore che propone di spostarlo più in alto su Via Giolitti: il capolinea infatti deve essere di servizio all’hub trasportistico dei laziali e dunque tutta l’offerta di traporto (treno, bus, trenino, taxi) deve essere disponibile a portata di sguardo e a portata di pochissimi metri a piedi. Che fare dunque? Semplice: riqualificare da capo l’arredo urbano di tutta la ‘buca’ dei laziali che è viziata da sistemazioni tipo Beirut trent’anni fa!!!

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (18)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. giampaolo says:

    domanda: a chi spetterebbe in questo caso la riqualificazione/riorganizzazione dell’arredo urbano?atac, competente assessorato del Comune o a tutti e due?

  2. Alex says:

    Non sono d’accordo neanche io con il lettore, concordo invece con sessorium!
    Il capolinea lì è stato costruito come un ottimo separatore dei flussi. Senza il capolinea, non esisterebbe lo spartitraffico e i sensi unici che consentono un maggiore rispetto delle regole del CDS. Semmai si devono rinforzare le protezioni.

  3. il testimone says:

    La mia testimonianza era tesa a svegliare le coscienze di coloro i quali sono responsabili della viabilità, dell’arredo urbano e della sicurezza. Per quanto a spostare il capolinea più avanti si tratterebbe di 50 metri in più da percorrere. Sarebbe comunque visibile per i viaggiatori delle linee laziali e porterebbe beneficio a tutte le problematiche che evidenziavo. Comunque ben venga qualsiasi soluzione utile a impedire qualsivolglia incidente devastante. Un’alternativa? Capolinea a Via Mamiani… solo 10 metri dall’Hub delle ferrovie Laziali. Abito da 5 anni a Via Giolitti, se sapevo avrei scelto diversamente.
    Saluti

  4. gaetano says:

    aggiungerei…perchè non riportare il capolinea della roma-giardinetti dov’era un tempo e dove sarebbe logico farlo stare? e ancora…perchè non rallentare le auto che escono dal tunnel? o tenere libera dalla sosta vietata l’area intorno al capolinea?

  5. il testimone says:

    Una domanda per Alex ed una risposta. Perchè senza il capolinea non esisterebbe lo spartitraffico che agisce tra l’altro per tutta la lunghezza della via? Cos’altro impedisce di mantenerlo senza il capolinea?

    Le protezioni le distruggono dopo nemmeno 15 giorni perchè di frenate lunghe se ne vedono a bizzeffe e così tutti liberi di effettuare salti di carreggiata contromano.

  6. gaetano says:

    ovviamente la prima era una provocazione…prima che qualcuno mi mangi :-D

  7. Lucia says:

    Occorre imporre agli automobilisti di andare più’ piano. Magari disseminando Roma di dossi artificiali. Avete mai provato ad attraversare poco più’ avanti, dopo il tunnel?? Che zona schifosa! E mi piacerebbe aprire una discussione anche sulla insana abitudine dei cinesi ed orientali in genere di sputare: segno di maleducazione e disprezzo della nostra città’.

  8. Caterpillar says:

    Lucia, non lo fanno per disprezzo, è che ce l’hanno proprio come abitudine cafona. Infatti per le olimpiadi a Pechino hanno persino messo i poliziotti a vigilare che la gente non sputasse per terra.

  9. Patrizio says:

    http://www.avantionline.it/2012/05/i-dossi-rallenta-traffico-da-oggi-creano-elettricita/#.UQrq52cWnao

    Dossi che creano energia elettrica, io li spargerei in ogni dopo in città :)

  10. Magica says:

    Che bella differenza con l’altro capolinea di Piazzale Clodio:
    li città normale bella e signorile, qui terzo mondo ma di quello terribile !
    Poveri noi che abbiamo deciso di stare in questo quartiere che sarebbe meraviglioso se fosse un po’ più curato e non abbandonato in mano ad incivili

  11. il testimone says:

    x Magica…quanto hai ragione…sembra di vivere in un girone dantesco senza essere stati prima giudicati. Come se avessimo ereditato solo debiti.
    Saluti

  12. Lucia says:

    Interessante il dosso che produce energia elettrica. Per quanto riguarda gli sputi (che riconosco essere una mia fissa dovendo ogni mattina fare lo slalom attraverso le vie di Chinatown prestando attenzione a dove metto i piedi) dovremmo noi cittadini dire qualcosa a questi incivili visto che a Roma e’ inutile chiedere a chi di dovere di esigere il rispetto delle regole. E poi secondo me bisogna cominciare a parlarne.
    Ciao.

  13. tramvinicyus says:

    Totale inversione del senso unico di Via Giolitti dall’intersezione con Via Gioberti fino a Porta Maggiore.
    Unificazione linee 70 e 71 in un’unica linea Stazione Tiburtina-Piazzale Clodio (scegliendo o V. Panisperna o V. De Pretis durante la tratta S. Maria Maggiore/Traforo)

  14. giampaolo says:

    a quello che dice Lucia aggiungo il degrado allucinante che c’è sotto il tunnel. stasera passando con la macchina c’era un tizio che, verso la fine del tunnel, quasi su via giolitti, stava facendo i propri bisogni…

  15. Anonymous says:

    è arrivato in piazza vittorio il gazebone dell’assessore alla mmobilità aurigemma candidato alla regione che ne dite di andargli a chiedere che ha fatto in questi anni?

  16. Tiziano says:

    Abito a Via Giolitti, proprio sopra il capolinea del 70, da 15 anni. Vi posso assicurare che la situazione, nella fattispecie d’estate quando le finestre sono aperte, è insopportabile. Tra il rumore dei motori degli autobus, gli automobilisti che suonano il clacson all’impazzata quando (anche più volte al giorno) non riescono a passare per colpa delle auto parcheggiate, lo smog che arriva fin sopra i piani più alti. Basterebbe spostare il capolinea pochi metri più avanti, ma è evidente che, non interessa migliorare la vita sia di chi ci abita che di chi la transita tutti i giorni per andare al lavoro o da turista per godere di questa meravigliosa città.

  17. daZab says:

    per non parlare di chi, stanco di aspettare godot, decide di bypassare il 70 e salire a piedi fino a piazza dei 500. ci fosse non dico addirittura un semaforo pedonale, ma neanche delle semplici strisce pedonali per attraversare il sottopassaggio…

  18. Anonymous says:

    Per caterpillar: magari si saranno accorti che sputare non è nelle abitudini igieniche italiche, no? E’ cafonaggine sì ma anche sprezzo e segno di appropriazione del territorio,tanto che spesso lo fanno incrociando un italiano.
    Stessa cosa vale per gli arabi che si mettono fuori dai negozi con le ciavatte da una parte e si toccano i piedi nudi con le mani che useranno per servire l’audace cliente.

Inserisci un commento



(facoltativo)