Subscribe via RSS Feed

Parco di Via Statilia. Abbiamo la ringhiera (non tutta)


Il nostro blog è nato, lo testimonia il primo post ormai oltre 5 anni fa, proprio su questo piccolo giardino. Proprio per sensibilizzare sul degrado in cui versava quest’area e per sensibilizzare alla creazione di un parco, di un’area di rispetto. E’ dunque con una certa emozione che osserviamo, seppur con una lentezza esasperante, il procedere dei lavori nel Parco di Via Statilia che in questi giorni di festività ha visto finalmente il montaggio della agognata ringhiera.
Non siamo ancora al completamento dei lavori tuttavia e alcuni particolari, fondamentali, mancano per poter inaugurare in piena regola la nuova area verde.
Ci sono dei bei faretti che di notte valorizzano alla grande l’acquedotto Neroniano che percorre tutto il parco; c’è la ringhiera, ma non del tutto, mancano le aperture, i cancelli, e manca tutta quella parte dove ancora insistono le impalcature che attendono -speriamo a breve- il consolidamento di alcune parti dell’acquedotto. A quel punto la ringhiera si potrà del tutto completare. E si potrà procedere ai dettagli.
Il primo riguarda il fronte del parco su Via Santa Croce in Gerusalemme. Lì qualche idiota, inscenando una protesta strumentale, fece modificare il progetto ripristinando degli inutili e bruttissimi posti auto al posto di un largo marciapiede. La cosa ideale sarebbe ripristinare subito tutto il marciapiede, ma nel frattempo -speriamo che entro il 2013 e prima della fine della consiliatura si possa procedere- è importante impedire la sosta almeno con dei paletti dissuasori.
Ci sono poi le sedute all’interno del parco. Progettate da una mente malata sembrano fatte apposta, appena il parco si aprirà, per ospitare graffiti e senzatetto spaparanzati. Occorre procedere alla stesura di vernice antigraffito ed alla separazione delle sedute con degli appositi dissuasori per impedire il bivacco.
Va poi sistemato il manto erboso e fatta partire l’irrigazione, correttamente instalata ed è necessario cancellare le scritte vandaliche che sono state realizzate lungo Via Severino Grattoni, nell’unica area che in queste passate settimane è stata aperta.
Insomma, il diavolo sta nei dettagli e sarebbe un peccato non prestare massima cura a questi ultimi prima dell’inaugurazione che, giustamente, sarà da sottolineare come un ottimo successo di questa amministrazione comunale.
Consideriamo, come tutti, fallimentare questa consiliatura sia a livello municipale che a livello comunale. Occorre però dire che questa piccola porzione di territorio è cambiata in meglio: le aiuole di Porta Maggiore, il rifacimento di Via Sommeiller, il Parco di Via Statilia. Il tutto, forse, anzi senza forse, grazie all’impegno di noi tutti attraverso il megafono di questo blog…

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (28)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Marco says:

    Forse che ci sono le elezioni a breve, che hanno montato la ringhiera?

  2. Anonymous says:

    sulle aiole va stesa l’erba pronta e relativo inpianto di irrigazione

  3. Giampaolo says:

    Eh, le elezioni si stanno proprio avvicinando…chissà se nelle vicinanze del parco si deciderà di rifare anche i marciapiedi di via statilia e di viale manzoni…ma forse, data la velocità con cui si sta rifacendo il parco, per i marciapiedi se ne riparla tra cinque anni.

    PS: ovviamente al completamento del parco aspettiamo sul blog i commenti festanti di rito dei vari amministratori comunali e municipali (giustamente definiti fallimentari)

  4. Paolo says:

    Ma avete visto come hanno tagliato le sbarre in corrispondenza di un quadro elettrico? Non sono neanche state chiuse!
    Lasciate in quel modo sono condannate ad essere vandalizzate in pochi giorni!

  5. Anonymous says:

    Quegli imbecilli che si firmano “BISL” hanno imbrattato con bomboletta spray nera l’uscita della metro Circo Massimo lato Circo Massimo ed il muro di fronte.
    Come si segnala ai Pics ? Mi date una mano ?
    Grazie

  6. oronzo says:

    ma l’avete visto l’angolo sulla stradina parallela a via statilia e via di santa croce? Poicheè il terreno è leggermente pendente hanno montato la cancellata storta verso sinistra e in alto hanno fatto una sldatura che grida vendetta! A Roma fa schifo tutto!!!!

  7. pinky says:

    qualcuno pensa pure che quello sia un parco ??!!

  8. Giampaolo says:

    Beh in una città civile, con un minimo di attenzione al verde pubblico da parte del Comune, quello, sì, sarebbe un parco, piccolo ma pur sempre parco.

  9. Paolo says:

    In effetti sarebbe meglio chiamarlo giardino, a Parigi ce ne sono di più piccoli tenuti benissimo e molto frequentati. Solo che per essere davvero un giardino ci dovrebbero essere piantumazioni di fiori ed essenze e soprattutto una cura costante. Che cosa si prevede per questo tratto di acquedotto? Il solito abbandono (considerando la sciatteria con cui vengono eseguiti i lavori) o qualcuno ha previsto un minimo di manutenzione?

  10. Magica says:

    Figurati ma quale manutenzione ! Fra non molto lo vedremo pieno di erbacce certacce di ogni genere e bottiglie lasciate dai soliti vagabondi che la notte si imbriacano .
    Fra i marciapiedi da rifare (o …quantomeno da aggiustare ) ci sarebbe pure via Principe Eugenio ci siete mai passati ? Sono un vero attentato con una percentuale di cadute e conseguenti fratture del quasi cento per cento!

  11. Patrizia says:

    Spero di immaginare in modo sbagliato la realizzazione finale del “parco di via Statilia”: abito nei pressi e … mi sento IN GABBIA. Oltretutto i cancelli mi sembrano pochi,a differenza di via Carlo Felice, e temo non ci siano vie di fuga da eventuali malintenzionati per chi stazioni sulle panche all’interno del parco stesso. Poi non capisco la sistemazione del tratto di via Severino Grattoni, quello vicino a porta Maggiore. Mi sembra che gli abitanti di via Enrico Toti siano stati una volta di più penalizzati dall’assetto urbanistico. Mi piacerebbero rassicurazioni.

  12. sessorium says:

    in che termini consideri penalizzata via Toti? Quel tratto di via Grattoni, oggi chiuso e protetto nel parco, un tempo era ricettacolo di grande degrado, mini discarica, area dove appartarsi per scopare con le prostitute. Oggi forse è un po meglio?

    Riguardo alle aperture saranno 3. Il parco di Carlo Felice, grande dieci volte tanto, ne ha 4. No?

  13. mnz says:

    Molto lieto di vedere cose positive per il nostro quartiere, ma occore ancora lavorare su Piazza di Porta Maggiore, illuminando la Porta, togliendo altri parcheggi della piazza e di rispristinare anche i muri confinanti della porta, sia a destra che a sinistra, con pulizie straordinarie. Andrebbe anche tolto un albero propio davanti alla Porta che ostacola la visualità. Andrebbero anche rivisti i semafori sulla piazza che mettono in pericolo la vita dei pedoni a tutte le ore.

  14. Patrizia says:

    Io avevo chiesto spiegazioni sul tratto di via Grattoni e non ne ho avute…è diventata strada privata? Da ciò che vedo “chi” vuole può entrarci ugualmente….attendo la fine dei lavori per giudicare, per ora esprimevo solo perplessità. Per quanto riguarda via Toti, ha oltretutto una sola via d’uscita e l’entrata è sempre difficoltosa (su via sommeiller) grazie alla buona creanza di automobilisti in parcheggio e operatori del mercato

  15. Degrado Esquiilno says:

    In che senso strada privata? Via Grattoni era un angolo di degrado e ora fa parte del Parco, l’accesso è pubblico anche forse per chi passa senza soffermarsi un attimo non si è chiaro: c’è un percorso che passa sotto gli archi e si sbuca su Via Grattoni.

    Ancora non si capisce quale sarebbe il problema di Via Toti.

  16. Patrizia says:

    “… si sbuca su via Grattoni” e poi? Ma non fa niente, rinuncio a capire e subisco!!!!

  17. Redazione says:

    Una buona riqualificazione e i cittadini parlano di “subire”. Davvero incredibile. Della seria non vi meritate niente…

  18. pinky says:

    ma quale buona riqualificazione!!!…. , ma le cose belle le avete mai viste??? non vedo tanta differenza tra prima e ora , anzi… e caro è costata ai contribuenti questa ridicola ” riqualificazione ” , mi chiedo perchè viene fatto tutto così male e approssimativo

  19. Patrizia says:

    Grazie pinky, mi fai sentire meno sola e “ingrata”.

  20. Anonymous says:

    Il problema è che senza una custodia effettiva, né si potrà mai qualificare un bel niente, né rieducare la marmaglia di cui si è riempita questo paese, specie con quattro occupazioni abusive da presso, con frustrati graffitari che si credono avanguardisti.
    A Parigi se provi a entrare in un giardino col cane esce fuori in dieci secondi netti un custode di due metri, se non ti fa notare prima i cartelli di divieto qualche educato frequentante.

  21. pinky says:

    W i Cani. W tutti gli Animali .Libero accesso ovunque a tutti gli animali al guinzaglio con i padroni muniti di paletta e sacchetto . Meglio i cani degli esseri umani , i cani sono più puliti dei sozzoni che occupano i giardini pubblici e le panchine . …..

  22. Anonymous says:

    Ma infatti, tu puoi fare le tue passeggiate nell’area per cani, visto che ti senti così uniforme al genere, purché ti sia chiaro che la tua solitudine, la tua nevrosi animalomane, i tuoi capricci di prepotente maniacale, costituiscano un criterio per eliminare regole elementari, tipo che un cane è un cane, fa il cane e deve stare in mezzo i cani, non a sbavare nel prato dove gioca mio figlio, per esempio.

  23. giampaolo says:

    il problema, e penso anche pinky lo sappia, è che per un padrone di cane che rispetta le regole, ce n’è almeno un altro che invece se ne infischia, soprattutto sul fatto di non pulire con paletta e sacchetto i bisogni del proprio cane. e se glielo fai notare ti affronta pure a brutto muso…

  24. pinky says:

    peccato che io veda troppi esseri umani pisciare e defecare ovunque qui all’esquilino e lasciare i loro nauseabondi escrementi infischiandosene dei figli di Anonimus che giocano ai giardinetti e che ha si ragione sui maleducati padroni dei cani , ma quanto peggiori sono gli umani!!!

  25. giampaolo says:

    ma infatti il problema non sono i cani, il problema sono le persone incivili!

  26. Anonymous says:

    Non fa una piega, siccome lei vede un suo simile che sporca (intendo l’essere umano), allora sporcare tramite cani diventa un diritto.
    Ma vi prego, fate un corso di logica elementare, o almeno di rispetto per il prossimo.

    PS Siccome alcuni sono ladri e assassini, apriamo le porte al furto e all’omicidio. Siccome alcuni amano il turpiloquio, lasciamo che i ragazzini dicano le parolacce. Siccome alcuni sono privi di buona fede quando esprimono i propri desideri e li spacciano per opinioni articolate, finiamola di discutere e vinca il più arrogante.
    Ripeto, ‘nfa ‘na piega.

  27. pinki says:

    c’e'qualcuno che non capisce e fa dire cose che non si pensano e dicono . in questo modo non c’e'un dialogo costruttivo. Buona fortuna…….

Inserisci un commento



(facoltativo)