Subscribe via RSS Feed

A Via dello Statuto due orecchie fatte male. A Via Principe Amedeo il festival delle orecchie fatte male


Non c’è molto da aggiungere dopo aver visto e soprattutto ascoltato questo filmato che abbiamo girato meno di una settimana fa a Via Principe Amedeo. Vi ricorderete quanto lottammo per ottenere una sistemazione di qualità, ottenemmo molto poco e poi la mancanza di manutenzione e di multe ha fatto il resto: la strada è peggio di prima, un vero e proprio incubo, un monumento alla prepotenza, alla sciatteria. Per non parlare delle lastre sui marciapiedi: tutte semplicemente appoggiate al fondo, tutte mobili passandoci sopra.

Insomma un intervento con denari pubblici che, in qualsiasi altro paese d’Europa, avrebbe richiamato la magistratura contabile, la Corte dei Conti. Già sulla carta, infatti, era evidente che tutto il progetto era sbagliato. Abbiamo fatto il possibile, qui nel blog è tutto documentato, per migliorarlo. Incontri e telefonate con Orlando Corsetti, con l’assessore Yuri Trombetti (dopodiché non lo abbiamo più visto mai), con la ditta, con i vigili urbani. Sono stati proprio questi ultimi a spiegarci che a Roma non è possibile richiedere interventi con standard europei perché loro, comunque, non danno mai il vialibera dicendo che poi la strada è troppo stretta, che c’è un mercato, che poi uno non si può fermare mai ecc ecc. Lo fanno apposta, fidatevi, perché tutte quelle auto in divieto che vedete nel video sono potenziali mucche da mungere per la corruzione che arrotonda, pinguemente, i loro stipendi. E’ uno scandalo che anche un bambino capisce, ma la magistratura di Piazzale Clodio no…

Share

si parla di: , , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (6)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Paolo says:

    Grazie, era proprio quanto andava specificato. Le immagini ed il commento sono chiarissimi. La conclusione è che a Roma non si fanno i lavori a regola d’arte perchè non si vuole disturbare la sosta selvaggia.

  2. Paolo says:

    Scusate, ultima osservazione: almeno qui ci sono i percorsi tattili. A via dello Statuto i non vedenti non sono ammessi? Perchè via Merulana si e via dello Statuto no? Qualcuno ce lo spieghi, per favore.

  3. Marco says:

    Vivo sopra la prima foto, e parcheggio la moto là davanti. Ogni volta devo fare il giro delle sette chiese, per trovare chi mi ha parcheggiato davanti in doppia fila, per uscire (Quando va bene), come se fosse la cosa più normale del mondo. E i vigili non rispondono mai al telefono, e, quando rispondono, non vengono e/o non multano. Sono letteralmente schifato

  4. Anonymous says:

    riguardo la prima foto i responsabili sono assolutamente imbecilli o coglioni o stupidi o non lo so , sicuramente non intelligenti.
    c’era tutto lo spazio per fare il parcheggio a spina pure dall’altro lato , cosi avrebbero ristretto la carreggiata guadagnando posti auto e impedendo la doppia fila.
    ma che razza di coglioni
    roma deve morire insieme a coloro che la annichiliscono e che buttano i nostri soldi cosi.

  5. Marco says:

    Pensa che alcuni di questi responsabili hanno pure scritto su questo blog, per rivendicare il merito di avere fatto provvedimenti come questo! Speriamo che alle prossime elezioni vengano asfaltati tutti!

  6. Anonymous says:

    Come ripeto, la Salerno Reggio Calabria…guardate come sono ridotti gli asfalti dopo due giorni dalla messa in posa. Guardate come lavorano gli operai delle ditte, lasciando sempre qualcosa che penzola effetto naufragio.
    Si chiamano appalti al ribasso, io ti dico che costo poco così, poi ti costringo a chiamarmi duemila volte perché uso materiali e manodopera del cavolo.
    Mafia, tanto per cambiare, non la rivendicherei affatto, fossi lor signori.

Inserisci un commento



(facoltativo)