Subscribe via RSS Feed

Archivio di November, 2012

Provare a camminare da San Giovanni a Santa Croce. Una performance estrema in un video

Provare a camminare da San Giovanni a Santa Croce. Una performance estrema in un video

Abbiamo provato a fare un esperimento: una roba fuori dal comune, estrema, pericolosa, cose-che-non-si-fanno. Abbiamo provato ad andare a piedi (orrore!) da San Giovanni in Laterano a Santa Croce in Gerusalemme. Giudicate voi dal video se è una passeggiata edificante o se, magari, è qualcosa che umilia chi lo fa invitandolo a pigliare l’automobile!?

Share
Cosa vi dice il nome Tadadattà?

Cosa vi dice il nome Tadadattà?

Il famigerato negozio all’angolo tra Via dello Statuto e Via Leopardi non c’è più. Tutto vuoto. Stracci e abiti usati smantellati e vai con i cartelli di affittasi. Qualcuno di voi si strapperà i capelli per questa perdita?

Share
In attesa della monnezza del mercatino di Natale, Piazza San Giovanni consegnata a Donna Moderna

In attesa della monnezza del mercatino di Natale, Piazza San Giovanni consegnata a Donna Moderna

Molti di voi ci avranno fatto caso. Di fronte alla Cattedrale di Roma nei giorni scorsi era allestito un experience store (???) brandizzato dalla rivista Donna Moderna. Pensate se una roba del genere fosse consentita di fronte a Notre Dame a Parigi o a St. Paul a Londra…

Share
Inaugura il polo culturale di Villa Altieri. In un Viale Manzoni che muore di degrado

Inaugura il polo culturale di Villa Altieri. In un Viale Manzoni che muore di degrado

Grande giornata domani per l’Esquilino. Apre un nuovo polo culturale a Viale Manzoni (qui su Degrado Esquilino vi avevamo anticipato tutto due anni e mezzo fa). Ma ciononostante la strada continua ad essere terra di nessuno. Abbandonata, con marciapiedi dissestati, terreno di conquista dall’orribile racket degli attacchini abusivi

Share
Il grande bluff: a Roma si parcheggia male perché non ci sono i posti. Ecco le prove che non è così

Il grande bluff: a Roma si parcheggia male perché non ci sono i posti. Ecco le prove che non è così

Abbiamo fatto un giro per il nostro Rione con l’obbiettivo di dimostrare quello che tutti possono vedere ogni giorno in ogni zona della città: le auto a Roma sono parcheggiate in maniera assurda non perché mancano i posti, semmai perché manca totalmente la voglia (o l’obbligo) di comportarsi in maniera civile

Share
Luce sul Parco di Via Stailia. Ma sono solo i faretti

Luce sul Parco di Via Stailia. Ma sono solo i faretti

Updates sul Parco di Via Statilia. Le opere realizzate mesi fa e poi abbandonate iniziano a deperire. L’atmosfera di abbandono favorisce i writer e gli squatter che si accampano sotto agli archi. Le erbacce soffocano le piantumazioni. Pare che il 27 arriverà la ringhiera, per ora bisogna accontentarsi di una ventina di faretti per l’illuminazione artistica dell’acquedotto neroniano…

Share
Architetto italiano, addetti italiani, fornitori italiani, prodotti italiani. Proprietà cinese. Un nuovo bar all’Esquilino

Architetto italiano, addetti italiani, fornitori italiani, prodotti italiani. Proprietà cinese. Un nuovo bar all’Esquilino

Evoluzioni dell’offerta commerciale cinese all’Esquilino? Sembra che qualcosa si stia decisamente muovendo negli ultimi mesi. La più recente apertura è un bar a Via Principe Eugenio. Abbiamo intervistato i proprietari scoprendo in loro una attenzione e una consapevolezza. E una voglia di rischiare anche in tempo di crisi economica puntando sull’alto di gamma e sulla qualità

Share
Marciapiedi che racconteremo ai nostri nipotini

Marciapiedi che racconteremo ai nostri nipotini

E’ l’ennesimo video che non merita commenti. I marciapiedi, ormai, nel centro di Roma, in strade anche celebri, frequentate, famose come Via Statilia hanno i marciapiedi in terra battuta. Ebbene sì. Una situazione che in primis è umiliante per i cittadini. Costretti a vivere in una città che non ha nulla di “città”.

Share
Ciascuno può contribuire al miglioramento. Una storia da Via di Porta Maggiore

Ciascuno può contribuire al miglioramento. Una storia da Via di Porta Maggiore

Anche noi, qualche volta, possiamo cambiare le cose se soltanto ci responsabilizziamo e facciamo il nostro dovere da residenti e cittadini. Questa la morale della favola che un nostro lettore vuole trasmetterci raccontandoci questa semplice storia successa qualche settimana fa su Via di Porta Maggiore e avente come soggetto alcuni lavori pubblici…

Share
Da Piazza Vittorio a Santa Croce. Un percorso nell’illegalità

Da Piazza Vittorio a Santa Croce. Un percorso nell’illegalità

La cosa che colpisce sopra ogni altra è il pericolo potenziale per i pedoni e per le auto in transito. Non ci sono cinquanta metri di fila nei quali è garantità non tanto la legalità (utopia), ma almeno la normalità. Queste sembrano strade di Bangalore e invece siamo nel cuore del centro storico di Roma, area monumentale, protetta e tutelata dall’Unesco

Share
Che ne dite di fotografare ogni giorno questo angolo per mappare chi sono i fuorilegge che vi parcheggiano?

Che ne dite di fotografare ogni giorno questo angolo per mappare chi sono i fuorilegge che vi parcheggiano?

Ennesimo post dedicato al nuovo incrocio Statilia\San Quintino. Hanno tolto le strisce blu in quel punto, hanno disegnato una isola spartitraffico che significa “vietato parcheggiare”. E ciononostante ci parcheggiano eccome. Cittadini normali che, quando si tratta di macchine e di parcheggi, diventano camorristi: questi sono arrivati a togliere i manufatti anti sosta che la municipale aveva posizionato qui… Il municipio intervenga e realizzi l’orecchia del marciapiede. In muratura, non disegnata a terra.

Share
Aver smantellato le preferenziali passerà alla storia come crimine civile di Alemanno o no?

Aver smantellato le preferenziali passerà alla storia come crimine civile di Alemanno o no?

Ritorno a Via Napoleone III, il vero fronte dello scempio sulle corsie preferenziali fatto da Giovanni Alemanno e la ignobile cricca dei suoi seguaci. Sulla strada dove il Comune regala a Casa Pound un palazzo che grazie alle permute è diventato comunale, guardate come è ridotta la sosta…

Share
Statilia\San Quintino, l’incrocio perduto. Aiutateci

Statilia\San Quintino, l’incrocio perduto. Aiutateci

La solita piccola guerra civile urbana nel nuovo incrocio creatosi a causa dei cambi di sensi di marcia di Via Statilia. I professionisti della prepotenza arrivano a divellere arredi urbani e modificare impostazioni stradali pur di parcheggiare a gratis su isole spartitraffico e aree di sicurezza. Una situazione grave che al tempo stesso genera insicurezza stradale e alimenta volgarità e sopruso. E pensare che a Roma se manometti degli arredi urbani per parcheggiare la tua vettura la multa, invece che un mese di reclusione, è sempre di 39 euro. E manco te la fanno mai…

Share
Aggiornamenti sul merdaio e il pisciatoio di Piazza Dante

Aggiornamenti sul merdaio e il pisciatoio di Piazza Dante

La prosa straziante del nostro Citizen Dave ci consente di aggiornaci sulla situazione di Piazza Dante (che è la situazione di tutto l’Esquilino e di tutta Roma per la verità) ora che è partito e va a pieno regime il cantiere per la cervellotica trasformazione delle ex Regie Poste in sede dei Servizi Segreti (sic). Leggete e guardate le foto lontani, lontanissimi, dalle ore dei pasti.

Share
Emanuele Filiberto. Investimenti, e non di pedoni

Emanuele Filiberto. Investimenti, e non di pedoni

Nuovo debutto al civico 178 di Via Emanuele Filiberto. Un negozio Thun al posto di un vecchio negozio di scarpe. Qualche imprenditore ancora, evidentemente, crede nella strada più abbandonata del I Municipio. Parte dunque qualche investimento, in una strada che negli ultimi anni gli unici investimenti che ha visto erano quelli delle auto o dei tram…

Share
Fare ‘er bancomat’ a Via dello Statuto

Fare ‘er bancomat’ a Via dello Statuto

Una sosta super-cafona per fare il bancomat, nel bel mezzo di Via dello Statuto, ci dà il destro per affrontare una serie di faccende relative all’arredo urbano, alla segnaletica, ai lavori pubblici…

Share
Ecco dove mangiavano ostriche i consiglieri della Regione Lazio

Ecco dove mangiavano ostriche i consiglieri della Regione Lazio

Non contento di essere finito nelle ignobili cronache dello scandalo Regione Lazio, il ristorante Ottavio di Via Santa Croce in Gerusalemme continua ad ospitare una clientela che si dimostra tutt’altro che rispettosa del territorio circostante. Le volgari macchinone dei mangiatori di crudo di pesce e moscardini fritti occupano impunemente carreggiata e passaggio pedonali. Ogni giorno. I tavolini del ristorante d’estate fanno lo stesso col marciapiede…

Share