Subscribe via RSS Feed

Fenomenologia cinematografara


Il Rione è di nuovo sotto assedio da parte dei cinematografari, dozzine di enormi camion (quello dei truccatori, quello dei camerini, quello dei costumisti) inondano la zona togliendo posti auto regolari, evabbe, ma avendo anche comportamenti un po’ prepotenti. Lungo quello che sarà -nel 2020\2030- il parco di Via Statilia non c’erano mai stati motorini sul marciapiede, ecco in questi giorni, casualmente in concomitanza con le riprese che vedono impegnatissimi Ambra Angiolini e Enrico Brignano, i motorini sono comparsi. Forse che comparse e tecnici delle luci non possono posteggiare civilmente come tutti? Chissà…

Come abbiamo detto più volte consideriamo il cinema una risorsa. E’ una grande industria della città. Muove tanti soldi, professioni creative, un’infinità di posti di lavoro. Sarebbe bello però che i territori che si sacrificano per ospitare i set lo facciano volentieri, ci vorrebbe più trasparenza: i cittadini dovrebbero sapere che le cifre corrisposte dalle produzioni verranno utilizzate per risanare proprio quel territorio. Utopia, per ora.

Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (2)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Riccardo Ceccherini says:

    Ora non esageriamo… é normale che l’arrivo di una troupe per le riprese di un film accresca le presenze sul territorio. Tuttavia questa è una condizione temporanea, ma sopratutto è un valore aggiunto. Incrementa gli affari locali e promuove i luoghi d’interesse, e spesso coinvolge gente del luogo selezionando comparse che vengono poi retribuite.
    Tuttavia ritengo che quei motorini non dovrebbero parcheggiare sul marciapiede. La produzione del film dovrebbe tener conto di questi dettagli e assicurarsi che i propri impiegati rispettino le regole vigenti dei codici civili. La responsabilità non è di chi parcheggia, ma di chi organizza.
    Forse basterebbe far notare ai produttori esecutivi, che spesso sono presenti sul set, di questa mancanza di rispetto. Con molta probabilità, se l’organizzatore è una persona civilizzata, ai propri impiegati verrebbe chiesto di parcheggiare i motorini in modo conforme alle regole.

  2. Anonymous says:

    Meglio i motorini che sono solo un fatto transitorio che le bancarelle che sono per sempre!

Inserisci un commento



(facoltativo)