Subscribe via RSS Feed

Buone e cattive notizie dal Parco di Via Statilia

Strani movimenti in questi giorni al cantiere -manco la Fabbrica del Duomo è durata così tanto- del Parco di Via Statilia. La ditta incaricata di realizzare il Parco e che ha portato a compimento il 90% delle opere previste (mancano quelle che si potranno realizzare solo dopo che la Soprintendenza toglierà le impalcature previo consolidamento di un tratto di Acquedotto Neroniano) si è presentata ed ha smantellato il cantiere. Via anche le reti in parte del parco e dunque via libera a chi voglia entrare nel parco che, ad oggi, risulta penetrabile da chiunque (e sappiamo che personaggi che girano in zona) non essendo ancora protetto dalla prevista cancellata.
“Non ci sono i soldi per il consolidamento dell’acquedotto e della cancellata” ha dichiarato la ditta ad un gruppetto di cittadini allarmati per il prematuro smantellamento del cantiere. “Ci hanno detto di smantellare”.
Ci siamo immediatamente informati e abbiamo trovato per fortuna diversi. In effetti i denari mancanti per cancellata + consolidamento sono stati stanziati, ma erano bloccati in Ragioneria Comunale. Abbiamo allarmato gli amministratori (in particolare Stefano Tozzi e tramite lui Federico Mollicone) e pare che la situazione si sia in qualche modo sbloccata. Chiaramente finché non vediamo non crediamo, ma auguriamoci davvero che a breve si possa iniziare la posa in opera della cancellata e, necessariamente, il completamento del marciapiede circostante il parco e l’eliminazione delle ormai storiche impalcature.
Attenzione però perché ad oggi il parco, non completo, è aperto a tutti con i consueti rischi di accampamento e danneggiamento delle opere realizzate. Sarebbe un assurdo spreco…

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (14)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Marcus says:

    Che vicenda assurda per quello che poi sarà un piccolo giardinetto!
    Con questo non sminuisco il grande lavoro che ha fatto in questi anni Degrado Esquilino per questa opera…

  2. Duilio says:

    Incredibile che il comune di Roma non riesca a gestire la riqualificazione di un fazzoletto di terra…

  3. famo na festa says:

    beh, non resta che chiamare de romanis a fare una bella festa e tutti vestiti da maiali

  4. Anonymous says:

    Soprattutto a rischio di scavo abusivo, che sta diventando l’ ennesima brutta abitudine dei malfattori di zona.

  5. sebastian says:

    Non ci sono più soldi?…
    Strano, vero?!….Se per anni hanno fatto anche in Campidoglio quello che si è scoperto alla Regione….Adesso si capisce perchè non ci sono soldi per reimpianto di alberi e costruzione di giardini nuovi, rifacimento di marciapiedi e piazze, pulizie straordinarie, disinfestazioni e disostruzione delle fogne stradali,ecc.
    E noi, come dei coglioni ancora a denunciare queste carenze e disservizi…Ma a chi?!

  6. P@blito says:

    Scavo abusivo? Please spiega meglio…

  7. Anonymous says:

    Ci sono buche e terra rivoltata lungo tutte le mura. La notte c’è gente che entra nei giardini di Via Carlo Felice, che sono chiusi per finta.

  8. sessorium says:

    Abbiamo notato ieri notte (23.30) gente nel parco di Via Carlo Felice. Ma che fanno? Perché entrano? E cosa è questa storia delle buche? Ti potresti spiegare meglio?

  9. Giampaolo says:

    Io non sono al corrente del discorso “buche” ma so che oggi ore 13:00, quindi pieno giorno, sotto gli archi all’interno del parco c’era un simpatico bivacco di personcine “leggermente” alticcie

  10. Anonymous says:

    Guarda, io ho visto terra smossa e scavi sia lungo l’ anfiteatro che su Viale Castrense.
    La notte, appunto dalle undici-mezzanotte, arriva gente strana, scosta le catene, coi lucchetti rotti o loro hanno le chiavi, e poi spariscono verso le mura. Ho visto qualcuno anche scavalcare a volte gente che poi va a dormire o gioca a pallone.
    Un paio di volte ho avvertito il 113, non so con quali risultati.

  11. radio fante says:

    vogliamo parlare dei topi? Ieri ho fatto un incontro ravvicinato del terzo tipo con uno di loro. Due giorni fa ne ho incntrato un altro spiaccicato sull’asfalto, una settimana fa nel mio cortile della cooperativa di s. croce.Il giardinetto ? Quanto tempo di vita avrà?

  12. Massimiliano Tonelli says:

    Son settimane che è pieno zeppo.

  13. Massimo Livadiotti says:

    Signori….inutile illudersi! l’Esquilino sud è a tutti gli effetti considerata periferia sia dal municipio che dal Comune e questa vicenda del parco di via Statilia ne è la dimostrazione! Un progetto che ha avuto un iter assai tortuoso e un pò kafkiano che è poi finito in mano a Mollicone e sappiamo come è finita! Abbiamo ancora una flebile speranza che mettano la cancellata? Se così non sarà allora era meglio prima….Per non parlare dei poveri giardini di viale Carlo Felice che in qualsiasi capitale europea sarebbero il fiore all’occhiello e invece qui sono (quasi) abbandonati….e poi tutta l’area davanti e intorno alla facciata della basilica di S.Giovanni con gli alberi mozzati e le aiuole che sono orinatoi e terra di nessuno?O se andiamo al parcheggio di fronte alla Scala Santa dove i suv parcheggiano sul marciapiede tra i cipressi o direttamente sulle aiuole delle Albizie? Stendiamo un pietoso velo…..

  14. Anonymous says:

    Continuate a stendere veli pietosi, poi siete i primi a far giocare i ragazzini a pallone dove non si potrebbe, a lasciare liberi i cani dove non si potrebbe, a non chiamare la polizia quando si dovrebbe, a non presentare esposti quando si dovrebbe.
    In un paese senza midollo, le chiacchiere restano a zero.

Inserisci un commento



(facoltativo)