Subscribe via RSS Feed

Ancora sull’Atac e le sue strategie

Sulla perfetta (ehmmm) strategia di comunicazione di Atac abbiamo già detto più volte nei giorni scorsi. Torniamo sull’argomento a causa della famigerata fermata nuova di zecca realizzata su Via Carlo Felice (non quella del tram, quella del bus), all’angolo con Via di Conte Rosso. Ne abbiamo già parlato tempo fa, esprimendo i nostri dubbi sull’operazione. Oggi la novità: la fermata risulta soppressa, c’è il classico bollo Atac. Appena montata, appena disegnata la segnaletica e già soppressa? Come mai? Quale è la strategia? Quale è la road map che, secondo Atac, dovrà portare il 571 ha passare su questa parte della strada e i binari a tornare al tram? Quali tempi? Perché nulla si comunica?
E intanto quella fermata farà la fine che avevamo facilmente pronosticato: tolte le strisce blu e messe quelle gialle della fermata, ora queste ultime risulteranno inutili e verranno occupate da vetture in sosta selvaggia il giorno e la sera. Così Atac, da questa operazione, ha semplicemente perso tre o quattro parcheggi tariffati e dunque ha avuto un notevole danno economico di cui, ci auguriamo, qualcuno gli chiederà di rispondere.

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (4)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. destino says:

    -La strategia di comunicazione ATAC è (e sarà sempre?) PENOSA
    -La scelta sembrerebbe comunque corretta: far passare il 571 sul preferenziale insieme a tram N10 e taxi. Altrimenti a cosa serve il preferenziale?
    -La proposta è di trovare chi ha svolto l’operazione di progettare la nuova fermata 571 spendendo soldi; poi spendendo altri soldi per cambiare completamente la soluzione. Una volta trovato il responsabile, potrebbe essere perlomeno rimosso dalla posizione che occupa.

  2. Marco says:

    Anzi, questa volta hanno addirttura stampato l’avviso… di solito lo scrivono col pennarello e, a fine “avviso” manco lo togono più…tipo la fermata di via Carlo Porta(il bollo atac con scritto fermata soppressa è rimasto per mesi anche se i lavori sulla strada erano già belli che terminati)!

  3. Alex says:

    Magari con la soprressione saranno anche sufficientemente intelligenti da ripristinare le strisce blu. Vediamo se lo fanno…Lo spero!

    P.s. Hanno messo una palina gialla, quando dovrebbero essere verdi nel centro storico, no?

  4. Anonymous says:

    Il 571 passa ogni 50 minuti. A che cosa serve un mezzo pubblico che sodisfa le esigenze del personale di ATAC, e non NOI cittadini che devono prenderlo per andare a lavorare? Ma, come sempre, NESSUNO reclama contro l’ATAC per questo disservizio. Si subisce sempre!!!

Inserisci un commento



(facoltativo)