Subscribe via RSS Feed

Tornerà il tram all’Esquilino? Intanto l’Atac si fa pigliare per il culo a Carlo Felice

Continuano le oscure e misteriose modifiche alla segnaletica in tutto il quadrante sud dell’Esquilino. Le ipotesi più accreditate, ne abbiamo parlato anche l’altro ieri, palesano il ritorno sui binari, dopo ben 7 anni, dei vagoni del tram 3. La cara vecchia circolare che tornerà a sferragliare tra i Parioli e Porta Portese. Vedremo se la cosa sarà vera. Già, vedremo, perché non si sa niente.

Come nelle città delle repubbliche fantoccio centroafricane, l’amministrazione compie scelte non solo senza condividerle -e questo sarebbe il meno- ma senza comunicarle. In qualsiasi città occidentale in questi giorni sarebbero apparsi avvisi atti a spiegare la strategia adottata. Il cambio di senso di marcia di Via Statilia, il ritorno eventuale del tram, l’arrivo (come vediamo nelle foto) di grandi fermate bus nella stretta complanare di Via Carlo Felice. Questa è la novità dell’ultim’ora: apparsa ieri. Bene, ma la domanda è: con un arredo urbano da quarto mondo e con le strisce blu che domani si saranno scancellate, quanto durerà il rispetto di questa fermata? Già stamattina era ingombra di sosta selvaggia. Sosta selvaggia qui significherà obbligare l’autobus 571, che qui dovrà fermarsi, a sostare in mezzo alla carreggiata, bloccando il traffico. Urgono sistemi per costringere i locali cittadini a non fare come si fa in tutta Roma: posteggiare dentro le fermate dell’Atac. Le foto della prima giornata la dicono lunga. Eccole qui.
Succederà quello che prevediamo. I bus saranno costretti a fermarsi in mezzo alla strada. I disabili saranno impossibilitati dal salire sugli autobus. Le mamme con passeggino pure. Perché l’Atac continua a farsi pigliare per il culo in questo modo? Cosa ci vuole, se si decide di fare una fermata, ad allargare il marciapiede con delle opportune penisole (da qualche parte a Roma ci sono, seppure in pochissime strade) che impediscano la sosta abusiva delle vetture? Realizzare marciapiedi in questo modo costa poche centinaia di euro… Gli stessi che si potrebbero recuperare, solo nella giornata di oggi, facendo le multe ai prepotenti che si sono posteggiati dentro l’area vietata.

Share

si parla di: , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (6)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    ieri hanno completato le strisce su via Statilia, ovviamente assolutamente inutili infatti piene zeppe di auto parcheggiate non sulle regolari strisce blu (vuote) ma sullo spartitraffico disegnato tra san Quintino e via Statilia, volevo fare delle foto da inviarti ma non ho fatto in tempo

  2. Poverinoi says:

    Ma i figli di puttana con le audi e i suv da 70mila euro 300 euro al mese per un parcheggio regolare non ce li hanno? E manco 2 euro per sostare sulle strisce blu?

  3. Massimo Livadiotti says:

    Devono mettere in sicurezza la fermata del 3 di viale Carlo Felice all’altezza del civico 17 dove non c’è alcun attraversamento pedonale (nel senso che in pratica dal marciapiede dove c’è il civico è impossibile raggiungere la fermata). E poi la stessa fermata richiede di essere messa a norma perchè con i nuovi tram (molto più lunghi)i passeggeri rischiano di scendere direttamente sulla strada perchè la banchina è corta!Aggiungiamo che sul nuovo capolinea a Piramide c’è molta ambiguità!?In pratica alcune voci (atac) sostengono che visto che le banchine di porta Portese e di via Marmorata non sono adeguate con i nuovi tram la linea arriverà appunto solo fino a Piramide dove infatti hanno fatto un nuovo capolinea….speriamo di essere smentiti!

  4. Anonymous says:

    Quand’è che questi ridicoli fantocci lasceranno il Campidoglio dopo aver portato solo danni a Roma ?!!! QUANDO VE NE ANNATE????!!!!!

  5. Livia says:

    Credo che finché non mettono la palina le strisce gialle siano ancora prive di efficacia. Una volta attivato il bus, basterebbe multare e rimultare. Ma un tempo il 571 dove fermava?

  6. Federica says:

    Rispondo a Livadiotti dicendo che un autista ATAC mi ha riferito dell’errore nella collocazione delle banchine di fermata su via Marmorata e da qui la conseguente decisione di fermare il tram a Piramide facendo proseguire l’autobus fino a piazza Biondo.
    Dopo questa sua rivelazione mi son chiesta se un bambino alle elementari avesse potuto fare altrettanto, ovviamente io credo di no.
    Siamo veramente a pezzi.

Inserisci un commento



(facoltativo)