Subscribe via RSS Feed

La piccola guerra (in)civile dei Quattro Cantoni


Vi ricordate quando, qualche tempo fa, esultammo alla notizia che Via dei Quattro Cantoni, area pedonale sistematicamente stuprata dalla sosta selvaggia, era stata finalmente sistemata? Per interessamento di Stefano Tozzi, capogruppo del PdL al Primo Municipio, la zona era stata dotata di mancorrenti per quanto riguarda le scale, e di dissuasori e catenella per quanto riguarda la strada. Con l’aiuto e la collaborazione dell’ufficio sindacale che affaccia lungo tutto un lato. Ebbene, come qualche nostro lettore previde, la catenella è durata l’espace d’un matin. Alcuni cittadini, ben individuati peraltro, hanno divelto il paletto, messo da una parte la catenella e parcheggiato nell’area pedonale. Tozzi ha fatto ripristinare gli arredi una, due, tre volte. Niente da fare: ogni volta i “cittadini”, tra molte virgolette, totalmente impuniti (perché, ricordiamocelo, i Vigili Urbani sono praticamente dalla loro parte visto che in quella posizione non si può non vedere), hanno continuato imperterriti e impuniti.

Cosa fare? Il primo consiglio è “far west urbano”: spaccategli i tergicristalli, rompetegli gli specchietti retrovisori, bucategli le ruote. E’ la prima cosa che viene naturale pensare, provocatoriamente. Per chi invece vuole evitare azioni a rischio (un tizio capace di divellere gli arredi urbani della sua città chissà cosa altro è capace di fare), consigliamo di chiamare, continuamente, la Polizia Municipale. Nella speranza che qualcuno si smuova: una multa al giorno a questi “signori”, tra molte virgolette, potrebbe iniziare a dissuaderli. Il terzo passaggio è il cambiamento degli arredi: “evidentemente paletti e catenelle non sono sufficienti” ci ha spiegato Tossi “provvederò a far piazzare due fioriere, quelle sono decisamente più difficili da spostare…
Continuiamo, tutti, a monitorare questo ennesimo fronte. Nell’ambito della continua guerra (in)civile che si vive ogni giorno in ogni strada della città. Grazie a chi ha convinto i prepotenti che Roma è di loro proprietà.

Share

si parla di: , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (10)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. abitante dell'Esquilino says:

    Caspita, il difensore della legalità che incita a spaccare tergicristalli e bucare le ruote alle macchine altrui …

  2. Caterpillar says:

    abitante dell’Esquilino chi non sa leggere non dovrebbe neanche scrivere. O no? Vabbè ma d’altronde come si può ragionare con un troll

  3. Anonymous says:

    Anche le fioriere si spostano senza problemi: lo ho vissuto prorio accanto a casa.

    PERCHE’ NON PROVARE PIUTTOSTO CON DEI BEI SOLIDI PARAPEDONALI CEMENTIFICATI A PIU’ DI 30 CM SOTTO LIVELLO STRADALE E COLLEGATI.

    Vi assicuro che sarebbe molto difficile divellerli!

    Mc Daemon

  4. Valerio84 says:

    secondo me dovreste mettere le fioriere, quelle belle pesanti. Voglio vedere poi con quanta fantasia riescono a perdere un’ora di tempo a levarle e far tardi a lavoro…

  5. Valerio84 says:

    ovviamente le fioriere andrebbero sistemate di notte, cosi’ la mattina si ritrovano con la macchina bloccata…temporaneamente.

  6. Valerio84 says:

    ok…bloccare le macchine no. E’ illegale, è sequestro di persona.

    Ma per impedire l’ingresso vanno più che bene.

  7. Manuele Mariani says:

    ma mettere dei pilomat in modo che possano accedere solo i mezzi ama, come si vede nella foto ?
    a proposito, nel frattempo è comparsa pure una scritta rossa sul muro..

  8. Anonymous says:

    Qualsiasi soluzione che possa rendere permanente e definitiva l’area pedonale va benissimo. Proviamo con le fioriere pesantissime o le croci di sant’andrea che sono difficili da scardinare. Ne sto discutendo con l’ufficio tecnico.
    Stefano Tozzi

  9. abitante dell'esquilino says:

    Caterpillar,

    l’italiano non è un’opinione, è logica.
    “Per chi INVECE vuole evitare azioni a rischio” vuol dire che chi non vuole evitare le azioni a rischio si dedichi a spaccare tergicristalli e specchietti. Non c’ avverbio che tenga.

    Questa è’ la frustrazione del benpensante.

    A proposito di troll e false identità, il tuo stile di scrivere non mi e’ nuovo …

  10. chatterino says:

    segnalo nel frattempo che dal 4/05 scorso il paletto e la catenella sono stati ripristinati

Inserisci un commento



(facoltativo)