Subscribe via RSS Feed

Piazza Vittorio. Sempre peggio

Ecco quì, un bel trittico di auto di vigili urbani che per effettuare dei semplici controlli alle bancarelle sotto i portici non trovano di meglio che parcheggiare in terza fila, neanche in sceonda, occupando addirittura per intero la corsia di chi dovrebbe girare a destra in Via dello Statuto…
Ogni commento è inutile: solo una riflessione… ma questi “tutori del traffico” conoscono almeno le norme della circolazione che loro dovrebbero far rispettare?

Fin qui quello che ci racconta il nostro lettore Riccardo. Che ci manda la foto qui sopra. Qui sotto, invece, un nostro video sempre su Piazza Vittorio che riflette sullo stato del lato ovest della piazza e sulla necessità di un intervento pesante e di rottura degli attuali equilibri (tutti spostati verso il degrado), qui si, sulla strada, più che sul giardino. Perché il giardino, pur non messo bene, sta dentro ai confini della decenza. Diciamo che come voto ha un 5 e mezzo. La strada, messa male pure lei, non sta nei confini della decenza e si merita un 3 meno meno. Allora perché non intervenire su quest’ultima? Sappiamo che i portici sono privati e dunque il mercatino camorristicamente organizzato è difficile da estirpare, per non dire della mafia delle bancarelle, tornate al loro posto all’arrivo di Davide Bordoni e di Gianni Alemanno al Campidoglio, ma tutto il resto? Tutta la strada? Se ci fosse una strada come si deve questo comporterebbe automatica riqualificazione, a cascata, anche sul resto.

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (3)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Marco says:

    In un Paese decente, il fatto che i portici siano privati non dovrebbe essere un problema

  2. ruggero says:

    A.C.A.B.

  3. Marte says:

    i portici sono privati ma il Comune detiene una servitù di passaggio….nota bene: di passaggio, non di affitto a terzi ! Ma a chi ha provato a far rispettare questa cosa sono arrivate minacce e volantini aggressivi e diffamatori…

Inserisci un commento



(facoltativo)