Subscribe via RSS Feed

Cosa fanno all’ex Inpdap


Il sistema previdenziale italiano rischia il collasso e gli enti previdenziali cosa fanno con i loro immobili? Li vendono? Li valorizzano? Li mettono a reddito? No: li murano e poi li abbandonano. Eccola l’immagine triste di un’operaio che sigilla con la saldatrice una rete metallica per impedire occupazioni del palazzone tra Via Statilia e Via di Santa Croce in Gerusalemme fino a qualche mese fa sede dell’Inpdap, il più grande ente previdenziale dopo l’Inps.
Cosa vogliono farci? Perché murarlo e lasciarlo in abbandono?

La foto in alto è l’uscita su Via Statilia, presa in febbraio. Quella qui sopra è l’uscita su Via Santa Croce dove è stata montata una sinfonia di tubi innocenti. Ha senso? Ha logica? Risponde a qualche esigenza abbandonare immobili pubblici di enorme valore? L’Italia è l’unico paese al mondo in cui si aumentano le tasse sui redditi e non si valorizza il patrimonio comune. Gli italiani sono così gli unici cittadini che, pur ultratassati fino allo stremo, vivono in contesti degradati.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (5)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Marte says:

    ricordo benissimo gli anni in cui hanno ristrutturato quel palazzo, per farne….che cosa ? E i soldi per i lavori, da dove sono usciti ? Ma dalle nostre tasse ovviamente, visto che INPDAP sta per Ist. Naz. Previdenza Dirigenti Aziende Pubbliche, ovvero finanziato con i contributi dei dirigenti pubblici che a loro volta sono pagati con le nostre tasse….davvero non si potrebbe venderlo/affittarlo e ricavarne un minimo che possa compensare delle spese sostenute dalla comunità ?

  2. Anonymous says:

    a proposito di palazzi uffici.. ma quello a piazza vittorio qualcuno sa se finirà mai? ed è vero che è stato comprato dai cinesi o è la solita leggenda metropolitana?
    grazie

  3. Luca says:

    A proposito dell’ignobile palazzo in perenne costruzione a Piazza Vittorio, qualche settimana fa ho parlato con un operaio che prevedeva di poterci continuare a lavorare per un altro anno e mezzo, grazie ai coprofili della sovrintendenza. Calcoli alla mano, ci metteranno sei anni, quanto occorre in Cina per costruire una città di media grandezza

  4. io says:

    il palazzo di piazza vittorio appena aperto verrà subito chiuso: come ben sapete con la riorganizzazione previdenziale tutti gli enti sono stati accorpati all’inps: ora mi domando.. che senso ha avete un nuovo palazzo a pochi chilometri dalla sede centrale e da uno appena chiuso ?

  5. carlos says:

    eppoi con quello che è successo all’enpam, sentiremo parlarne per altro… del palazzo, inpdap è vergonoso hanno trasferito i loro uffici allo sprofondo affittinado palazzi interi ed hanno dsimesso questo bello prestigioso e praticamente in centro, bisognerebbe indagare certamente qualche cosa uscirebbe eppoi xche non selo sono presi i servizi segreti invece di ammazzare per i prossimi dieci anni piazza dante?

Inserisci un commento



(facoltativo)