Subscribe via RSS Feed

Archivio di April, 2012

Occupy Bankitalia. Un articolo su Il Tempo

Occupy Bankitalia. Un articolo su Il Tempo

Un articolo su Il Tempo di ieri domenica 29 aprile torna sul tema del palazzo di proprietà Banca d’Italia occupato a Via Carlo Felice. Facendoci ricordare che sono già passati sette anni e che l’Istituto Centrale, impegntissimo a ridurre i costi e a ridurre personale, qui non fa alcunché per tornare il possesso di ciò che è suo e che si potrebbe valorizzare in maniera ben diversa

Share
Se a voi tutto questo sembra normale…

Se a voi tutto questo sembra normale…

Caro Sindaco, perché hai scritto sul tuo programma che avresti spostato questo scempio e invece questo scempio è ancora lì? Cara Curia, perché rompi i cojoni agli italiani e influisci addirittura sulle nostre leggi sovrane e poi quando succede questo non dici ne a ne ba?

Share
Piazza Vittorio. Sempre peggio

Piazza Vittorio. Sempre peggio

Tra le tante (in alcuni casi troppe e strumentali) polemiche che girano attorno al rifacimento del giardino di Piazza Vittorio, manca una riflessione che facciamo noi: ma quei denari pubblici non si potevano spendere per risistemare la strada carrabile che corre tutto lungo il lato ovest della piazza? Il lato est è -parzialmente!- reso ordinato dal passaggio del tram, ma dall’altra parte è disastro vero

Share

Una richiesta dal Commissariato Esquilino. Chi ci può aiutare?

Qualche giorno fa abbiamo pubblicato, dopo aver ricevuto le immagini via e-mail, questo post relativo ad un abuso da parte di alcune volanti della Polizia di Stato che sostavano sulla parte a prato dei giardini di Piazza Vittorio. Dal Commissariato Esquilino si sono molto dispiaciuti di aver visto pubblicate queste immagini, ci hanno contattati e [...]

Share
Riusciremo a cambiare Piazza di Porta Maggiore?

Riusciremo a cambiare Piazza di Porta Maggiore?

Una piazza che è un disastro sotto ogni punto di vista: verde, sosta, arredi, percorsi pedonali. Stamattina presto un sopralluogo per iniziare a metterci delle pezze partendo dalle aiuole. Per poi servirsi di questa azione al fine di riqualificare il resto in un circolo virtuoso di azioni. Bisogna provarci.

Share
Cosa fanno all’ex Inpdap

Cosa fanno all’ex Inpdap

Il palazzo ex Inpdap in Via di Santa Croce in Gerusalemme è stato abbandonato non prima di venire murato, saldato, sigillato per evitare occupazioni. Ma questo modo di gestire il bene pubblico risponde a qualche logica oltre che a quella del degrado?

Share
Alemanno bugiardo

Alemanno bugiardo

Nel suo programma elettorale aveva scritto che il Concerto del Primo Maggio, il vergognoso, ignobile e scandaloso Concerto del Primo Maggio, sarebbe stato spostato altrove. In aree più adeguate. Manco ci ha provato. Un bugiardo che deve fare la fine che fanno i bugiardi.

Share
Piazza di Porta Maggiore. Messaggio all’Assessorato all’Ambiente

Piazza di Porta Maggiore. Messaggio all’Assessorato all’Ambiente

Marco Visconti se ci sei batti un colpo. Piazza di Porta maggiore non può continuare ad essere un angolo di Sudan e basterebbe davvero poco (ringhierine come ai Fori Imperiali, prato, irrigazione, fiori) per dare un aspetto di se decente e gradevole?

Share

Avete visto il nostro nuovo reportaggio? Questa volta da Nizza

Lo trovate su Pro Pup Roma direttamente a questo link. Interessanti questi reportage, no? Chissà se qualcuno con poteri decisionali li segue? A quanto pare decisamente sì.

Share
E questa è invece Via Giolitti di giorno

E questa è invece Via Giolitti di giorno

Dopo lo scandalo – Via Giolitti di notte, l’ancor peggiore scandalo – Via Giolitti di Giorno. Due video per raccontare al mondo (mandateli a tutti i vostri amici e spiegategli perché devono stare alla larga da questa città che così accoglie i turisti che arrivano nel suo più grande scalo logistico) cosa c’è attorno alla Stazione. Ipocritamente stanno pensando di “pulire” il Colosseo, ma la Stazione Termini non è forse un monumento di pari importanza?

Share
Il rodeo di Via Giolitti. La città un secondo prima di esplodere

Il rodeo di Via Giolitti. La città un secondo prima di esplodere

Ancora una volta (era successo su un video che girammo qualche settimana fa al Pigneto) mentre filmiamo scene di degrado escono fuori scene di disperazione. Disperazione di gente normale che non ce la fa più. Guardatevi questo filmato. Emblematico per una vasta serie di motivi…

Share
Pizza nel week end? C’è una novità in zona

Pizza nel week end? C’è una novità in zona

Pizza di gran qualità in zona? Supplì come si deve? Crocchette super? E magari frittatine napoletane da far girare il capo? C’è una novità che vi farà venire l’acquolina in bocca al sol pensiero dopo la prima visita. Cosa aspettate?

Share

Qualche riflessione sulle ultime notizie

MERCATO TESTACCIO Gli operatori del mercato hanno dato il peggio di loro, ma ci hanno consegnato uno spaccato perfetto della città. Hanno minacciato di non trasferirsi se prima no fosse stato cacciato via il farmer’s market. Dimostrando così totale idiozia (perché il farmer’s market gli dovrebbe dare fastidio ora e non prima, quando stavano 300 [...]

Share
State a vedere che fine fa il Parco di Via Statilia eh…

State a vedere che fine fa il Parco di Via Statilia eh…

Sempre loro: la soprintendenza. Gli stessi che non vogliono il tram su Via Nazionale, gli stessi che se metti una insegna di merda senza dire nulla non aprono bocca, ma se chiedi l’autorizzazione te la fanno arrivare dopo 9 mesi e solo previo mazzetta o similia. Gli stessi che non hanno fiatato quando l’Air Terminal era una discoteca supercafona o un alloggio di profughi e che invece ora, che stava per diventare un polo del cibo di qualità, si accorgono che è un monumento nel quale non si può cambiare manco una vetrata. Loro che di fronte alla loro sede non hanno consentito ad una chiesa di pedonalizzare il proprio sagrato perché le auto in divieto erano sempre e solo le loro. Sul Parco di Via Statilia, se ci sarà qualche problema, la colpa rischia di essere solo loro.

Share
Auto&marciapiedi. Giungono segnalazioni terribili

Auto&marciapiedi. Giungono segnalazioni terribili

Continuano ad affluire in redazione le segnalazioni dei prepotenti-del-marciapiede. E mentre a Via Umberto Biancamano dopo la nostra segnalazione il parapedonale divelto è stato fatto sparire (strano, no?), ecco cosa accade a Via Cairoli.

Share
Casa Pau. Zimbelli d’Italia

Casa Pau. Zimbelli d’Italia

Da una parte è seccante perché la satira rende popolari. Dall’altra il tutto sottolinea quello che da anni sosteniamo, ovvero l’assurdità di certi movimenti (di estrema destra come di estrema sinistra) che vivono fuori dal mondo salvo quando devono imbrattare, portare degrado, sporcare. Intanto, godetevi la Guzzantina

Share
Via le auto dai marciapiedi. Ora!

Via le auto dai marciapiedi. Ora!

L’area circostante la Stazione, dove i marciapiedi sono stati riqualificati in maniera accettabile, necessità di repressione e manutenzione altrimenti verrà completamente divorata dalla ignoranza, dalla violenza, dalla sopraffazione, dall’egoismo, dal menefreghismo che potete vedere in queste foto. Realizzare un’opera pubblica e poi abbandonarla, non seguirla, non curarne gli esiti è un peccato che dovrebbe essere condannato di fronte alla Corte dei Conti.

Share
Metro orrore

Metro orrore

L’incredibile e ridicola storia delle scale della metropolitana. Nella capitale d’Italia non si sa chi le debba tenere pulite. L’Ama dice che è roba che deve fare l’Atac, l’Atac dice che è compito di Ama e così due società che, complessivamente, hanno più dipendenti della General Motors lasciano gli accessi alla metropolitana come si può vedere e come ci segnala questo lettore. Ma è una scelta politica e strategica: perché chi utilizza il mezzo pubblico va umiliato.

Share
Ora basta!

Ora basta!

Via Umberto Biancamano, nella parte che i comitati erano riusciti a far riqualificare, sta morendo sotto una coltre di menefreghismo (dei gestori di alcuni locali) e strafottenza e prepotenza (dei frequentatori dei locali stessi). Addirittura gli arredi urbani vengono divelti per poter parcheggiare sul marciapiede. La pazienza è finita però e tutti i comitati sono pronti a difendere gli spazi comuni, le aree riservate ai pedoni e la legalità

Share