Subscribe via RSS Feed

Tra un po’ metteranno fuori anche il congelatore

Ci fa piacere che il ristorante cines… ehmm volevamo dire giapponese a Via Carlo Felice angolo Via Conte Rosso abbia rinnovato i suoi locali, ci auguriamo che abbia migliorato anche la cucina, ma non possiamo far finta di non notare che ha cambiato completamente l’arredamento. E voialtri, a casa, quando cambiate le sedie cosa fate con le vecchie? Le smaltite? Chiamate l’Ama per gettarle? Le portate alla casa al mare? Antichi che non siete altro! La nuova moda cines… volevamo dire “giapponese” è quella di piazzare gli arredi che non servono più sul marciapiede. Per giorni e giorni. Tantochissenefrega, no? Il marciapiede è di tutti? Nooo, avete capito male: il marciapiede è uno spazio pubblico quindi è cosa non di tutti, ma “di nessuno”. Chi arriva prima, se lo può prendere. Quello che ci monta un cartellone abusivo, quello che ci parcheggia la macchina e ovviamente quello che ci lascia i suoi rifiuti…

Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (11)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Lorenz says:

    Questa diffusa mancanza di educazione civica ritengo debba trovare risposte adeguate. Basta continuare a parlare “tra di noi”, a denunciare tali comportamenti “tra di noi : pleonastico osservare che non cambierà questi diffusi comportamenti. Denunciare, questa e’ la “igienica” abitudine che dobbiamo iniziare a frequentare: Denunciare alla Polizia Urbana di Roma Capitale ed in caso di mancato intervento denunciare tale “inefficienza”. Visto le notizie che ci giungono, in questi giorni,da Via della Consolazione magari gli interventi inizieranno ad essere effettuati con diligente sollecitudine

  2. Riccardo says:

    Si saranno detti “tanto è un qualtiele di ladli, lasciamole fuoli qualcuno le poltela via”

  3. Riccardo says:

    Se sono ancora lì me le vado a prendere io.
    Ma sono made in china o made in Italy?

  4. TheMax says:

    Forse aspettavano che gli zingari del Bar Johnatan o gli Okkupa del palazzo BNL le prendessero per arredare le loro case su cui non pagano IMU, mentre io, non solo me sveno per il mutuo ma pure per le tasse (TARSU, IMU etc).
    Peró tutti siamo al I Municipio.

  5. francesco says:

    intanto ieri sera i solerti servizi segreti hanno cominciato l’occupazione dei giardini di piazza dante..

  6. Anonymous says:

    con tutto quello che sta succendendo in italia in questi giorni questo post fa davvero ridere.
    siete un pizzico fuori strada?

  7. Luigi V, says:

    Banfi premiato con la lupa capitolina
    Alemanno: “Un pugliese romano come me, questa è la cultura che vi meritate!”
    Il sindaco ha celebrato in Campidoglio l’attore per la carriera e i suoi cinquant’anni di matrimonio: “Ha trasmesso grandi valori umano sullo schermo, altro che Clint Eastwood o Roberto Rossellini!”. Lo showman: “Da oggi so’ romano, mentre Alemanno è no’ scemo!”

  8. Massimo Livadiotti says:

    Udite udite…notizia (buona?)calda dell’ultima ora! Il commissariato Esquilino ci informa che stamane tra il solito assembramento di ricettatori e trafficanti che ogni mattina stazionano lungo i giardini di Carlo Felice è stato beccato un briccone con 5 Cartier rubati! Chissà quanto starà al gabbio…..meglio non saperlo altrimenti ci prende la depressione!

  9. Anonymous says:

    ma ce dovresti anna te ar gabbio stronzo

  10. Marcus says:

    Però proprio a Parigi ho visto la moda di lasciare roba usata in un certo angolo, chi arriva prima se la prende, l’ho trovata una bella cosa..
    Certo, un’intera fila di sedie è un pò troppo!

  11. Anonymous says:

    Andate a vedere cosa combinano i due bar mafiosi di Via La Spezia, angolo Via Monza Via Nola. Uno ha allestito un parco tavolini con tanto di recinto e mega cartelloni, l’ altro fa discoteca abusiva il fine settimana e ha piazato in mezzo alla strada un distributore di sigarette.
    Domani vedrete organizzare lo smercio di mimosa (con cocaina annessa)ai quaatro cantoni dell’ incorcio, tutto organizzato dal buon Damiano e dagli amici della sala di incisione.

Inserisci un commento



(facoltativo)