Subscribe via RSS Feed

A Via delle Vasche il corrimano non ci basta


Via dei Quattro Cantoni, come vi abbiamo riportato tempo fa, è stata fatta. Corrimano e pedonalizzazione di un’area che pedonale già era e che è stata, finalmente, resa pedonale effettivamente. E per questo ringraziamo per l’impegno il consigliere municipale Stefano Tozzi. Ora il fronte, come anticipato su queste pagine, passa alla misconosciuta via delle Vasche. Straduncola abbandonata che collega la disastrata Via Urbana a Via Cavour mediante l’ennesima scaletta. Sulla scala il corrimano, lo vedete, è stato montato. Resta la parte rimanente della strada, utilizzata dai soliti noti come autorimessa, i soliti noti, peraltro, talmente influenti da riuscire a ritardare il processo di chiusura mediante paletti e catene e dunque pedonalizzazione di quella porzione cieca di strada. Cosa spettiamo? Vogliamo dare retta ai volgari alfieri della sosta selvaggi che scambiano il nostro (nostro!) suolo pubblico in autorimessa a cielo aperto?
Naturalmente, come abbiamo detto più volte, ci auguriamo che il processo, che viene portato avanti con attenzione da alcuni consiglieri (e ostacolato da altri?), si riversi poi beneficamente su Via Urbana: una delle strade più belle del mondo trasformata anch’essa in patetico garage, senza sicurezza, senza percorsi pedonali, con l’obbligo per pedoni, bambini, disabili, anziani, mamme con passeggino di camminare letteralmente in mezzo alla carreggiata. Bastano due file di paletti per il bene di tutti: i residenti avranno case rivalutate, i commercianti (le cui botteghe oggi sono letteralmente sepolte e invisibili dietro ad una assurda coltre di lamiere) inizieranno a capire cosa significa vendere, i turisti non saranno immersi in un degrado che manco a nella profonda banlieue di Timisoara. Coraggio, in altre zone di Monti è stato fatto!

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (13)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    Ora dopo l’apposizione del corrimano siamo in attesa che l’UITS faccia il sopralluogo con l’ufficio tecnico per stabilire le modalità per far diventare via delle vasche area pedonale. Alla fine della strada c’è il centro anziani fragili del I Municipio gestito da una cooperativa sociale che aveva dato la disponibilità a posizionare i pali. Qualcuno si sta mettendo in mezzo per impedire che tutto questo si faccia e francamente non so per quale motivo. Spero che la situazione si definisca quanto prima come richiesto talaltro in una mozione presentata dal sottoscritto e votata dal Consiglio Municipale. Ritengo utile sottolineare che un piccolo lavoro del genere ci permetterebbe di riqualificare urbanisticamente un ambito della città storica.
    Stefano Tozzi

  2. Anonymous says:

    Dopo l’apposizione del corrimano dobbiamo procedere alla pedonalizzazione di via delle vasche così come stabilito in una mozione presentata dal sottoscritto e sollecitata da un comitato di zona. All’inizio hanno mostrato tutti molta disponibilià. All’angolo della strada c’è il centro anziani fragili del I Municipio gestito da una cooperativa sociale che aveva inizialmente mostrato la disponibilità ad apporre i pali parapedonali. Subito dopo qualcuno e non so ancora chi con precisione ha cominciato a dire che era una spesa che non si poteva sostenere(sic!!) ecc. ecc. Ora dobbiamo aspettare che l’ufficio tecnico faccia il sopralluogo con la UITS dei vigili e dopodichè si proceda come deciso senza ulterirori indugi. Tali lavori, francamente molto semplici e facili da realizzare, sono uno strumento per riqualificare urbanisticamente alcuni ambiti urbanistici. Vi aggiornerò
    Stefano Tozzi

  3. Lets says:

    Viva Degrado Esquilino. BENTORNATO

  4. Urb@no says:

    Caro consigliere, iniziare a riqualificare “urbanisticamente alcuni ambiti urbanistici” partendo da sotto casa propria forse non è stata la scelta migliore visti i tanti problemi dello storico Rione in cui viviamo e spero che in futuro il suo sguardo si allunghi ben oltre le sue finestre

  5. Fabrizio Vienna says:

    @Urb@no: Per esempio? Proponga qualcosa

  6. Marcus says:

    Sbagli di grosso @Urban@ !!
    Se segui un urban blog dovresti averlo capito… E’ dal molto piccolo, davanti a casa tua che si inizia. Dire che c’è ben altro da fare è spesso la scusa per non fare nulla.
    Alcuni interventi di riqualificazione (mettere una catenella e due paletti) sono talmente semplici che le potrebbero farli a spese proprie anche un paio di cittadini volenterosi. Di fatto poi non li fa mai nessuno…

  7. Anonymous says:

    quoto urbano, in realtà solleva dei dubbi su riqualificazioni ad personam (se mi fate oassare il termine berlusconiano). Si inizia cosi ? vedremo…magari ci si farà anche l’imminente campagna elettorale !

  8. Marco says:

    Anch’io quoto Urbano, se la casa del consigliere è ubicata veramente là

  9. Anonymous says:

    Ecco una semplice risposta ai soloni che sono capaci solo di criticare e mai di riconoscere il lavoro degli altri. Chiaramente non ho cambiato residenza ogni volta che facevo fare le cose. Saluti a tutti
    COSE FATTE
    Parco di Via Statilia con conseguente affidamento in adozione alle associazioni del rione
    Riapertura dopo 7 anni di Via Paolina con allargamento marciapiedi rifacimento selciato
    Valorizzazione della Fontanella di Via Paolina con allargamento del marciapiede antistante
    Ripristino della viabilità in senso antiorario sulle vie Paolina, Quattro Cantoni e Olmata
    Apposizione del corrimano sulla scalinata di Via dei Quattro Cantoni
    Apposizione del corrimano su Via di Monte Polacco
    Valorizzazione dell’area antistante la Chiesa di Sant’Anna alla fine di Via Giovanni Lanza
    Messa in sicurezza ingresso antistante la Scuola Baccarini con apposizione di parapedonali
    Realizzazione dell’area pedonale di Via di Quattro Cantoni in convenzione con la UIL
    Riqualificazione di Via Muratori e Crescimbeni con valorizzazione della scalinata e cambio di senso di marcia
    Cambio di senso di marcia su Via Equizia impedendo ai pullman di scendere su Via Lanza
    Realizzazione del parcheggio antistante l’ingresso del Parco di Colle Oppio con recupero di 30 posti auto per i residenti
    Condivisione con la Provincia per l’area giochi nel Parco del Colle Oppio con aggiunta da parte di Roma Capitale di panchine in più e alberi nuovi
    Sistemazione del verde del Parco del Colle Oppio intorno alle fontane storiche
    Ritorno dell’Ottobrata Monticiana a Piazza Madonna dei Monti con manifestazioni culturali e comunitarie che hanno riportato migliaia di persone a Monti
    Apposizione corrimano scalinata via delle Vasche e pedonalizzazione della strada;
    Apposizione targa in Via di San Giovanni in Laterano in ricordo del Beato Angelo Paoli
    Riqualificazione dei giardini di Largo Corrado Ricci ai Fori Imperiali
    Riqualificazione e realizzazione del marciapiede di Via Principe Amedeo con correzione del progetto iniziale
    Realizzazione dell’area cani nei giardini di Piazza Vittorio e sistemazione del verde pubblico
    Riqualificazione del Centro Anziani Colle Oppio
    Potatura alberi di Via Merulana
    Rifacimento manto stradale delle seguenti strade: Vie Macchiavelli, Botta, Mecenate, Terme di Traiano Rattazi, Gioberti, Piemonte, Celimontana, Largo Sanità Militare, Merulana,
    Riqualificazione di via Biancamano, Menabrea e Ludovico di Savoia con apposizione di parapedonali (chiedere a Liviadotti con chi ha fatto diversi sopralluoghi)
    Riqualificazione dell’Auditorium di Mecenate con apertura ai cittadini e sistemazione giardini.
    Valorizzazione dei Trofei di Mario, delle Sette Sale e di Porta San Giovanni con il circuito di Roma Segreta
    Circuito sportivo pugilistico nelle feste tradizionali. Festa de Noantri e Ottobrata Monticiana
    Adozione area giardini del Mercato Esquilino (ero anche all’inaugurazione con Cicconi Crea e Liviadotti)
    Riqualificazione via degli avignonesi

    COSE DA FINIRE
    Punti verdi ristoro su Piazza Vittorio e Piazza Dante (quest’ultimo congelato per i lavori dei servizi segreti)
    Riqualificazione di Piazza San Martino ai Monti
    Riqualificazione generale di Piazza Vittorio
    Adozione area verde antistante la Parrocchia di Santa Bibiana
    Adozione area verde Piazza Belli
    Istituzione di una linea tranviaria da Esquilino a Trastevere
    Linea Bus elettrico da Esquilino al Municipio
    Riqualificazione di Colle Oppio (effettuti diversi sopralluoghi per i lavori)
    Bocciardatura di via merulana

    C’è ancora tanto da fare io continuo in quello che credo sia utile per il Rione
    Stefano Tozzi

  10. Francesco says:

    Non credo ci sia da aggiungere altro.
    Grande Stefano!

  11. Coloseo says:

    La riqualificazione di Colle Oppio è un intervento essenziale: la parte superiore del giardino ha un aspetto desolante, idem per la parte in cui si trovano i campi sportivi. Sarebbe utilissimo, se fosse possibile, anche creare un’area recintata per cani (e controllare/mantenere la parte dedicata ai bambini che già versa in cattive condizioni). Allucinante anche lo stato di abbandono del giardinetto in via di Monte Oppio, completamente abbandonato, sporchissimo, e che incredibilmente (e non si può che provarne maggiore vergogna) è luogo prescelto dalle guide turistiche per illustrare ai propri gruppi il Colosseo “dall’alto”. Concludo aggiungendo che finché non si dà avvio a piani di manutenzione seri qualsiasi “riqualificazione” resta un inutile spreco di denaro pubblico.

  12. Marco says:

    Parlo per ciò che ho vicino: il marciapiede di via Principe Amedeo, ricalibrato in corso d’opera su misura per consentire la doppia fila a furgoncini di scarico e carico merci e avventori permanenti di bar è una cosa di cui vergognarsi (se ne è parlato anche qui http://www.degradoesquilino.com/2010/09/principe-amedeo-si-procede-male.html ) per aver buttato denaro di tutti noi, piuttosto che dire “Questo lavoro l’ho fatto io!”

    Ma ormai siamo alla farsa.

  13. andrea buccolini says:

    Complimenti stefano, e complimenti per il tuo quotidiano impegno nel nostro quartiere, sarebbe anche giusto che tutti gli interventi che sei riuscito ad ottenere fossero comunicati istituzionalmente

Inserisci un commento



(facoltativo)