Subscribe via RSS Feed

Piacevolmente circondati dai Punti Einaudi

E poi ci lamentiamo del tessuto commerciale del Rione. Alle volte, invece, le sorprese sono pure positive. Ad esempio per quanto riguarda le librerie che, come abbiamo doviziosamente documentato, nel 2011, anno di crisi atroce, sono fiorite come non mai. Alla faccia dei problemi economici e alla faccia degli e-book. Da qualche tempo c’è un’ulteriore novità, sempre marchiata Einaudi. Dopo il punto aperto in cima a Via Merulana, eccone un altro lungo Via Labicana in uno spazio di medie dimensioni con due belle vetrine su strada.
La notizia è positiva per due ordini di motivi. Il primo è che un Punto Einaudi non è solo una buona libreria, ma sempre un vivace organizzatore di evento e un aggregatore sociale in qualche misura. Il secondo è che la nuova apertura potrebbe aiutare ulteriormente l’area a crescere dal punto di vista dell’offerta commerciale. Già una nota macelleria ha ristilizzato il suo esterno, poi ci sono alcuni ristoranti (certo se la smettessero di piazzare i loro suv BMW di fronte alle strisce pedonali ed agli scivoli ed ai percorsi per non vedenti sarebbe molto meglio) e altre novità in corso che si percepiscono dietro a serrande semiabbassate con lavori in corso all’interno. Inoltre molti sono i fondi in affitto (a partire da un fornaio quasi all’angolo con Via Merulana) che potrebbero far venire qualche idea a baldi imprenditori.

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (3)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Lilit says:

    Ho voglia di aprire un bel negozio come Aromaticus di cui avete parlato, a Via Labicana.

  2. Pino says:

    Quanto dobbiamo aspettare per vedere riqualificata via Principe Eugenio come Via Labicana??

    Ne avrebbe un gran bisogno, ora come ora è una stradaccia con un mozzicone di marciapiedi e tanto disordine.

  3. Magica says:

    Concordo perfettamente con Pino, solo che mi pare impossibile che si possa ottenere qualcosa di positivo per via Principe Eugenio, come fai ad eliminare tutti quegli inutili e squallidi negozi cinesi? Ed e’ davvero un peccato una strada così bella e centrale che chissà come doveva essere elegante in passato!

Inserisci un commento



(facoltativo)