Subscribe via RSS Feed

Santa Croce in Gerusalemme? Gli indignati siamo noi!


Sono passata a Santa Croce in Gerusalemme e ho visto un’orrenda adunata di tendami, il famigerato accampamento dei manifestanti dello scorso corteo. Suonano i bonghi, espletano funzioni fisiologiche, bivaccano a ridosso di un Anfiteatro romano, davanti a una delle Sette Basiliche di Roma. Con quale scopo non si sa, a parte insudiciare uno dei luoghi più belli di Roma. Da settimane.
E’ lecito chiedere chi abbia concesso il permesso di scempiare così un luogo sacro e storico, che appartiene a tutti i cittadini? Una protesta che rivendica presumibilmente dei diritti non deve usurpare i diritti di tutti. Se si deve protestare si deve sapere con chiarezza cosa si chiede, e chiederlo senza arrampicarsi sulla Fontana di Trevi o sul David di Michelangelo. A meno che non sia il pretesto per farsi qualche mese di campeggio, esercitando l’arbitrio di occupare un’area monumentale, con le spalle presumibilmente protette da più di qualcuno.
Genevieve Biun

*aggiungiamo alla lettera della nostra affezionata lettrice Genevieve un nostro video girato giusto lo scorso finesettimana nella zingaropoli che è diventata per tante, troppe settimane Santa Croce in Gerusalemme, con altre riflessioni che vi invitiamo ad ascoltare in audio. In questi giorni lorsignori indignados (probabilmente, anzi sicuramente a causa del freddo) hanno iniziato in tutti i sensi a levare le tende. Ma tutte le riflessioni rimangono valide. E ora si fa la conta dei danni, che ovviamente pagheremo noi.

Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (20)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. sabotage says:

    ma quale piazza? quello è un parcheggio ormai e qualche tenda non dà certo fastidio. Tra le decine di merde di cane per terra, non ho problemi con i cessi chimici… Preferisco una tenda a qualcuno che dorme per terra… Vabbè, a parte queste cose semiserie, tristi per la verità, credo che il movimento sia giusto e vada invece supportato. Tra tutti gli accampamenti che ci sono nel quartiere questo mi pare l’unico sensato…

  2. Anonymous says:

    E allora facciamo un accampamento per ogni cosa sensata…non è con gli accampamenti che si risolve alcunchè…

  3. Anonymous says:

    allora secondo voi so tutti scemi, a new york, a londra a madrid, che ve ne frega a voi della precarietà, della povertà, basta che c’avete il giardinetto sotto casa pulito, che povertà di pensiero, d’animo e di ragionamento,cmq oggi era tutto a posto c’erano i vigili a controllare cosi potete dormire più tranquilli

  4. Anonymous says:

    ah dimeticavo sono gli stessi d guerrilla gardening che a voi piacccono tanto

  5. A New York e Madrid li hanno cacciati, identificati a centinaia! I cortei che chiudono il traffico a NY sono vietati! Al massimo occupi una corsia (e la circolazione prosegue sulle altre) o un marciapiede, senza stazionare.

  6. Marco says:

    Veramente a Madrid hanno raggiunto gli obiettivi che volevano, e anche qui sono stati lodati!

    Poi volevo segnalare questa notizia!
    http://www.a-realestate.it/news/speciali/111117_esquilino.html Ciao!

  7. Fabrizio Vienna says:

    Marco, conosci skyscrapercity? potresti segnalare questo link li.

  8. Anonymous says:

    tenetevi pullman turistici , le cacche dei cani, la vostra fintà tranquillità, silenzio i borghesucci dormono…..

  9. Massimo Livadiotti says:

    Adesso si sono spostati a Caracalla….quando gli avevamo (noi comitati di zona) chiesto di mettersi davanti alla basilica di Santa Croce per dare anche un piccolo contributo ai comitati di zona “indignati” perchè l’area pedonale davanti alla chiesa è quotidianamente violata dai suv e dai pullman….hanno risposto che non volevano creare disturbo al parroco?? Indignati….

  10. Anonymous says:

    persone per bene, adesso hanno rifatto guerrilla gardering a caracalla, ma x i presunti comitati composti da un solo leader è troppo. meglio loro e i loro proclamucci sull’ordine ed il decoro, la santificazione dei generali e l’ego smisurato

  11. Anonymous says:

    MA GUAVDA UNA COSA QUESTI INDIGNATI CHE PVOPIO INCVEDIBILE ACCIDENTI!
    PVOVIO SOTTO CASA MIA CON LE TENDE PEV IL CIELO!

  12. P@blito says:

    ho visto il link con il concorso di architettura dedicato all’Esquilino.
    Spero i progetti in gara non siano quelli li’ riportati (sembrano siano stati fatti dai figli treenni degli stessi arch.)

    Ma soprattutto sono “assolutamente” d’accordo con entrambi i commenti del 20nov, che l’affezionata lettrice” e i suoi epigoni si (pre)occupassero di altro..!

  13. Anonymous says:

    ma i problemi sono altri. non dei ragazzi che s’indignano !
    Signor Liviadotti perchè non si accampa lei davanti la Basilica per protestare contro i pullman ?
    Il bello che fa pure l’ironico sul fatto che non volevano disturbare il parroco….

  14. ahahahaha says:

    ha vagione l’anonimo… davvevo insoppovtabili

  15. Anonymous says:

    Ore sei e ore 10, orrendo capellone fisso col suo mezzo cane lupo che circola sciolto, e amici bivaccanti al seguito.

  16. Anonymous says:

    Ma infatti, andvassevo sotto casa lovo. Abbiamo capito che adesso che invece di chiamarli mandria di imbecilli nullafacenti hanno trovato loro un nomignolo che li qualifica, e che essendo insensati senza un programma, un progetto, o un’idea qualunque, piacciono tanto al potere (gli utili idioti di sempiterna memoria) ma mo’ basta, andate dall’analista se non vedete senso alla vostra esistenza.
    Tanto anche se urlate, sporcate, puzzate, siete comunque delle nullità.

  17. Anonymous says:

    Il coglione del “ma i problemi sono altri” non ce lo facciamo mai mancare. Fino a che non ti sparano in bocca, “i problemi sono altri”. Paese di decerebrati.

  18. Anonymous says:

    Non ha senso urtarsi così. E’ la nuova propaganda della criminalità travestita da buonismo: toni melliflui, atteggiamenti da gnorri, lagne pietistiche. Lo sappiamo tutti che non si tratta di fanciulli che giocano a palla in riva a un fiume, ma scalmanati che cercano di occupare tutta la città annullando ogni legge. Quando fanno la parte delle signor bene e “indignate”, vanno semplicemente ignorati. La legge è legge e va rispettata. S’ andassero a indignà a casa loro. Non v’arrabbiate, che non ne vale la pena.

  19. Anonymous says:

    Domanda: quali sarebbero i loro “obiettivi”?
    Domanda uno: visto che vi sembrano così’ sublimi perché non proponete accampamenti sotto casa vostra, o magari sotto casa loro?
    Domanda due: quali sarebbero questi “obiettivi”?
    Domanda tre: come mai nel resto del mondo ne hanno arrestati a centinaia e qui fanno il porco comodo loro ovunque, e con particolar modo nei luoghi più belli della città, che io mi vorrei godere senza vedere zozzoni senza senso che stendono i panni e piantano cavolfiori?
    Domanda quattro: quali sarebbero questi “obiettivi”?
    Domanda cinque: da quando in qua le masse di pecoroni sono intelligenti e non scervellati teleguidati dai poteri?
    Domanda sei: quali sono i loro obiettivi?
    Domanda sette: quali sono i loro obiettivi?
    Domanda otto: quali sono i loro obiettivi?

  20. motorcycle insurance quotes franklin tn…

    Santa Croce in Gerusalemme? Gli indignati siamo noi! | Degrado Esquilino…

Inserisci un commento



(facoltativo)