Subscribe via RSS Feed

Nel segno dell’abbandono


Carrellata di degrado grazie alle foto di un nostro lettore. Capitolo degrado, paragrafo abbandono, sottoparagrafo bici&moto. Guardate che situazione. Per carità, di bici in particolare non è la prima volta che parliamo, tutt’altro, ma la situazione è da emergenza. E a dire il vero queste foto, risalenti a fine ottobre, sono ben migliori della situazione di questi giorni. Insomma, il problema è in netto peggioramento. L’impunità e l’abbandono hanno offerto ai furbetti una valida ed economica alternativa dello smaltimento dei rifiuti: abbandonarli in strada. E ne stiamo venendo sommersi totalmente. Ormai è difficile trovare un palo che non sia aggredito da stuoli di bici dismesse, per non dire appunto dei motorini. Il tutto per la gioia delle ditte di rimozioni che, periodicamente ed a costi da capogiro, vengono incaricate di provvedere.
Come documentammo qualche tempo fa, probabilmente anche alcune tra queste sono le stesse responsabili del quadro che vedete in queste foto. Sporcare per poi venire incaricati di ripulire…

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (2)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Davide says:

    Un po’ di questi rifiuti(così li cataloga il sito decorourbano)li ho fotografati anch’io e come mio solito ho inviato il tutto all’Assessorato all’Ambiente ed ai PICS Decoro(oltre a caricarlo su decorourbano.org).
    Comunque Massimiliano hai dimenticato questo alla tua collezione: http://www.decorourbano.org/rifiuti/roma/via-carlo-alberto/3560/ che si trova in Via Carlo Alberto, 2E(per chiunque volesse ammirarlo), la cosa bella è che con una buona macchina fotografica è possibile farsi una foto ricordo accanto al motorino con lo sfondo della Basilica di Santa Maria Maggiore, è un ottimo ricordo di Roma da mostrare orgogliosamente ai posteri.
    Nel frattempo ti invio i risultati della passeggiata antidegrado di oggi(già inviati ai PICS ed all’Assessorato all’Ambiente).

  2. Anonymous says:

    I problemi sono altri non una bicicletta parcheggiata !

Inserisci un commento



(facoltativo)