Subscribe via RSS Feed

I tombini rotti sono pericolosi, mettiamoci quattro zeppi di ferro arrugginito, no?


Sempre più geniali i provvedimenti per quanto riguarda la manutenzione delle strade. Prendete i tombini nell’area di Viale Manzoni. Curioso che si siano sfondati tutti insieme, no? Curioso che siano tutti quanti realizzati in cemento modello sbrisolona (sapete la famosa torta mantovana), no? Curioso che siano tutti quanto protetti, da qualche giorno, con un giro di nastro bianco e rosso (specialità della città) e con quattro zeppi in metallo arruzzonito che son più pericolosi della voragine che cercano di allontanare dalla zampette dei poveri pedoni. Insomma, tutto molto curioso, tutto molto brutto, tutto molto raffazzonato, tutto molto romano. Solo in qualche remoto paese balcanico, per dire, ci ricordiamo di aver trovato tombini in cemento invece che in ghisa…

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (5)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Oronzo says:

    Fossero solo i tombini! Tutto Viale Manzoni è imraticabile per i poveri pedoni, pieno di buche , di dossi, di radici etc. Per non parlare delle adiacenti Via Statilia, Via S. Quintino, Via principe Aimone in cui non ci sono altro che pezzi di marciapiede sterrati e abbondanza di quanto sopra. Ma perchè questa area deve essere così abbandonata?

  2. Mana 48 says:

    E di sera che non si vede niente perché le lampade sono oscurare dai rami? Non si sa proprio da che lato camminare, non si vedono assolutamente tutte le buche e le radici sul marciapiede o te ricordi a memoria e cerchi di evitarle( ma non e’ facile, sono troppe) o rischi davvero di romperti l’osso del collo specie nel tratto che va dalla Fiat alla metro. Ma mi pare che il problema ci sia da parecchio, se n’ e’ parlato altre volte anche su questo blog ma non credo che ci siano le premesse affinche’ la cosa si possa risolvere! Almeno qualcuno che ha qualche aggancio al municipio cerchi di fare tagliare le foglie davanti le lampade per favore, l’inverno e’ lungo!

  3. FM says:

    Viale Manzoni è diventato un altro buco dell’Esquilino. Il tratto dalla fermata della metro a via di Santa Croce è impraticabile, per via di buche, radici, foglie morte e residui di manifesti. Inoltre è poco illuminato. E sì che sarebbe invece una bella strada per camminare, almeno doveva esserlo nelle intenzioni di chi costruì il rione.

  4. Anonymous says:

    Ma avete sentito che bordello fanno i tombini per tutta Roma? Purtroppo si tratta di appalti fradici, in primis quelli della metro C, che sta fregando soldi su soldi ai contribuenti.

  5. alessio says:

    Detesto anche i tomibini in ghisa. Spesso rumorosi, scivolosi per i ciclisti, soggetti a innumerevoli furti, pesanti e poco maneggevoli per gli operai in cantiere. Inoltre l’Amministrazione Comunale è costretta ad intervenire sempre per sistemarli.
    Credo si debba prendere in considerazione il fatto di sostituire questi tombini in ghisa o cemento con altri costruiti in materiale composito. Un’azienda di Brescia (Polieco) li ha presentati alla Fiera Made Expò circa un mese fa a Milano..non so se siano già in commercio ma davvero sarebbe la mossa giusta.

Inserisci un commento



(facoltativo)