Subscribe via RSS Feed

Guerrilla Gardening, tornate presto

Un trapezio con piante officinali semplici e mediterranee. Un altra porzione con prato all’inglese e poi un arbusto. Il resto a terra battuta. Un’aiuola come dovrebbe essere e come non è, in una delle aree verdi più disastrata ma allo stesso tempo più frequentate da turisti e romani visto l’abnorme snodo trasportistico che vi insiste. Tenere la gente immersa nello sciatto, nel trasandato, nel brutto ha delle conseguenze che ci riesce difficile descrivere ma che sono profondissime, che determinano comportamenti, atteggiamenti, scelte, posizioni. Vivere nel brutto e nel trascurato è cosa che interviene sulla nostra psiche, sul nostro amor proprio, sulla nostra disponibilità verso il prossimo.
Di tutto questo, che dovrebbe essere la primissima preoccupazione, non si occupano i nostri amministratori lasciando un’area di formidabile valenza archeologica, viabilistica e paesaggistica come Porta Maggiore in stato di totale abbandono (buona percentuale dell’area è adibita a parcheggio abusivo, vi abbiam detto tutto!), mentre se ne sono occupati quelli di Guerrilla Gardening che qualche giorno fa hanno proposto la loro idea, asciutta e semplice, di aiuola che, miracolosamente dopo una settimanetta, ancora regge intatta a dimostrazione che la cura e la bellezza generano rispetto e atteggiamenti positivi diffusi.

Ora la palla passa all’Assessorato all’Ambiente capitanato da quel Marco Visconti che bene sta facendo su molte aree “aiuolate” della città ed al quale lanciamo l’idea di sistemare una volta per tutte -recuperando anche spazi verdi laddove oggi vi sono vetture parcheggiate illecitamente- tutta la grande rotonda attorno alla più bella porta imperiale della città. Con un investimento relativamente contenuto potrebbe nascere un vero e proprio parco urbano nuovo, dal nulla, a cavallo tra quattro municipi (il I, il III, il VI e il IX) e in un’area “visitata” ogni giorno tra tram, trenini e auto da alcune decine di migliaia di persone. Che finalmente potrebbero dire, per una volta, “guarda che bello…”. Esistono progetti più interessanti di questo per il 2012?

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (9)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Riprendiamociroma says:

    Questi qui sono dei grandi!

  2. Alessandro says:

    Bravi, ottima iniziativa

  3. Anonymous says:

    CERTO CHE ESISTONO, CI STIAMO LAVORANDO DA BEN 2 ANNI!!! IN OCCASIONE DELLE 3 GIORNATE DI GUERRILLA GARDENING NAZIONALE A ROMA CI SONO STATI TANTISSIMI INTERVENTI DI QUESTO TIPO DALLA PERIFERIA AL CENTRO, DAGLI ORTI URBANI ALLA GUERRILLA GARDENING ED ANCHE UN INTERVENTO DEGLI ARTISTI DEL TEATRO VALLE OCCUPATO! COSA FARE ALLORA? BASTA IMPUGNARE UNA VANGA E CON UNA PIANTA SI GENERA SUBITO L’EFFETTO DOMINO! CITTADINI RIPRENDETEVI I VOSTRI SPAZI E SE INCONTRATE UNA DI QUESTE AIUOLE PER LA VOSTRA CITTA’ DATE ANCHE UN’ANNAFFITA! :) PER TUTTE LE INFO CITTA PER CITTA’ QUARTIERE PER QUARTIERE NON VI RIMANE CHE ANDARE A SBIRCIARE SUL GRUPPO FB GUERRILLA GARDENING ITALIA. VI ASPETTIAMO NUMEROSI!

  4. Fabrizio Vienna says:

    FANTASTICA IDEA!!!!!!
    Grandi Grandi Grandi

  5. Marco says:

    Io sono d’accordo con voi, ma attenti che in questo blog si è contro le occupazioni!… :)

  6. sessorium says:

    Non è che si è contro le occupazioni in questo blog. Si è contro le occupazioni in tutto il mondo civile e soprattutto nel Codice… civile.

  7. Anonymous says:

    sul sta facendo bene di visconti ho seri dubbi ha tagliato due magnifici alberi sani a piazza vittorio ed ha lasciato li 5 0 6 palme uccise dal punteruolo rosso che contamineranno senzaltro le altre senza che tutti i sapientoni e presunti comitati di questo rione se ne accorgesero

  8. Massimo Livadiotti says:

    Da elogiare senz’altro! Peccato che quasi tutte le azioni di guerrilla gardening si riducano spesso a mettere a dimora la solita lavanda e il rosmarino??? C’è una varietà di essenze autoctone che non finisce mai….basterebbe informarsi un pò? Nel senso che si darebbe anche un segnale alle istituzioni (servizio giardini) di competenza e meno di improvvisazione altrimenti si dà a questi signori (servizio giardini) l’ennesima occasione per denigrare e banalizzare (dall’alto della loro ignoranza) azioni come queste!

  9. Anonymous says:

    Dopo che questi zozzoni nullafacenti hanno fatto un accampamento in una delle piazze più importanti di Roma, facciamo loro anche un applauso.
    Adesso vengo con dodici cugini nel vostro cortile condominiale, monto sei gazebi, e fra due mesi vi lascio un cesto di melanzane.

Inserisci un commento



(facoltativo)